89.322.699
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

giovedì 2 gennaio 2020

Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites mondialiste che considerano la volontà popolare come un fastidio da cancellare sotto il tacco della propria arroganza. Il popolo inglese, dando una schiacciante maggioranza ai conservatori, ma soprattutto al loro leader Boris Johnson, ha ribadito in modo definitivo la sua volontà di sganciarsi dalla cortina di ferro della ue e del suo progetto egemonico germanico.

Esattamente come nei due conflitti mondiali, in questo terzo combattuto con le armi economiche anziché con quelle fisiche, il popolo di Sua Maestà Elisabetta II ha dimostrato di non piegare la schiena ai diktat di nessuno, mostrando che il re è nudo, che il popolo può far valere la sua volontà nonostante tutti i giochetti di palazzo. Questo messaggio dovrebbe arrivare bello forte al camalecontico governo italiano ed in particolare al suo capetto, sempre pronto, al contrario degli inglesi, a piegarsi a 90 gradi ai voleri teutonici.

La Brexit potrebbe rappresentare ciò che ha rappresentato il crollo del muro di Berlino per il blocco sovietico: l’inizio della fine. Johnson ha dimostrato che gli oligarchi ue, asserragliati nei loro palazzi, nulla possono contro un popolo compatto e motivato e l’economia farà il resto.

Già, perché la tanto decantata unione europea e la zona euro ancor di più, puzzano di morte e decomposizione: le stime di crescita del pil della zona euro per il 2020 parlano di un misero e miserabile +1,1% (stima Osce). Nulla rispetto a quanto previsto per il Regno Unito: 1,6% (le prudenziali stime della BoE, che normalmente vengono viste al rialzo in corso d’anno) e degli USA con il loro 2%. Praticamente il resto del mondo economico che conta corre quasi al doppio della ue e dei suoi oligarchi, che al pari di Hitler rinchiuso nel suo bunker, pensano di essere il centro dell’universo ed invece sono solo “IL” problema planetario in termini di crescita e benessere.

E chi dobbiamo ringraziare, in particolare, se il vecchio continente è ridotto ad un cumulo di macerie economiche secondo, forse, solo a quello che fu l’impero sovietico a fine degli anni Ottanta? Due stati: la Germania e la sua vassalla Francia che ha sistematicamente appoggiato le mire crucche (sempre bene ricordare che le ultime SS a difendere Hitler erano francesi e non tedesche).

Interessanti, al riguardo, le considerazioni dell’esperto di geopolitica Tom Luongo: “il progetto dell’euro, come moneta, venne guidato dagli industriali tedeschi che puntavano ai vantaggi che avrebbe portato loro una moneta unica... Pensare che questo meccanismo non fosse noto a chi ha progettato l’euro è totalmente da ingenui... La Germania estrae ricchezza e accumula rendite grazie all’arbitraggio sul tasso di cambio... Sentirlo potrà irritare i miei lettori tedeschi ma, ancora una volta, se pensate che questo non fosse il piano fin dall’inizio, ossia colonizzare paesi come la Grecia, che non si riuscì a conquistare militarmente durante la Seconda Guerra Mondiale, allora non riuscite a capire perché il resto d’Europa si sta arrabbiando... Ma la Germania non ha mai abbandonato la sua mentalità mercantilista, preferendo vendere BMW e Porsche agli spagnoli e ai greci, mentre prestava loro i soldi necessari a tassi di interesse calmierati... Poi, quando è arrivato il conto, la Germania ha chiesto loro l’austerità per ripagarlo e nel frattempo ha dato loro dei fannulloni... Ecco perché oggi la Germania è il centro marcio di un presunto impero europeo che cade a pezzi. Ed ecco perché tutti, inclusi i tedeschi, verranno ora impoveriti mentre la montagna di debito impossibile da ripagare collassa...Gli imperi crollano sempre dall’interno.”

Parole che su questo quotidiano sono risuonate più e più volte nel corso degli anni, spesso tra le risatine dei leuropeisti d’accatto e degli euroinomani più incalliti, ma che sono solo frutto di analisi e buon senso.

Il progetto tedesco di conquistare il continente europeo con la complicità francese, non più su base militare, ma su base economica, sta miseramente fallendo e buon senso vorrebbe che ci si fermasse e si smantellasse in modo ordinato la zona euro e la mostruosa costruzione antidemocratica chiamata ue (basti pensare allo scandalo del nutriscore che considera sano il pollo fritto confezionato e fortemente nocivo il nostro grana padano), ed invece gli oligarchi puntano a ratificare il mes per salvare le banche tedesche (a partire da Deutsche Bank) con i soldi di tutti i cittadini europei ed italiani in particolare, nell’ultimo folle, disperato tentativo di salvare sé stessi e la Germania.

La storia dovrebbe insegnare a non ripetere gli stessi errori, ma dalle parti di berlino, parigi e bruxelles, a quanto pare, i manuali di storia non vengono particolarmente letti. Ciò non rappresenta un problema: la Storia, quella con la “S” maiuscola, si prenderà la briga di ricacciare il popolo dal puntale piantato in testa, assieme ai suoi vari lacché, nel posto che gli compete. E questa volta, si spera, per sempre.

L’Eretico

Fonti

http://vocidallestero.it/2019/12/06/la-germania-e-il-cuore-marcio-delleuropa/

https://www.bankofengland.co.uk/monetary-policy-report/2019/november-2019/the-economic-outlook

https://it.finance.yahoo.com/notizie/usa-fed-lascia-invariate-stime-pil-2019-al-204146221.html?guccounter=1&guce_referrer=aHR0cHM6Ly93d3cuZ29vZ2xlLml0Lw&guce_referrer_sig=AQAAABG_9S-VBO1KW27GxWo0IwW6Hkm-PGSiUf7mxnmMa_01DdXLhSRpVcy4dN65wD_18pztsMb2j1S_UyECLiSPIOetdwbk7b5XKdhNn0K8Zo7-5QsdtyYE8xrvXGKrJOKg1ZwR4zJU4RM_OaNRE6zXZZteknH17MC_2C1bVi8CNkQX

https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/IP_19_6215

https://www.panorama.it/economia/deutsche-bank-crisi-banca-germania/

 


EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EUROZONA   CRISI   GRAN   BRETAGNA   BORiS   JOHNSON   USA   TRUMP   GERMANIA   FRANCIA   PIL   ITALIA   CONTE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RICICLAGGIO SOLDI DELLA NDRANGHETA: GDF SEQUESTRA 400 MILIONI AL ''RE'' DEL GAMBLING ANTONIO RICCI CON SOCIETA' A MALTA

RICICLAGGIO SOLDI DELLA NDRANGHETA: GDF SEQUESTRA 400 MILIONI AL ''RE'' DEL GAMBLING ANTONIO RICCI
Continua

 
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »