56.334.864
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PORTOGALLO SEMPRE PIU' CONTRARIO ALL'EURO. PERFINO IL PRESIDENTE DELLA CORTE SUPREMA DI GIUSTIZIA SI SCHIERA CONTRO.

martedì 28 maggio 2013

Lisbona - Dalle cattedre universitarie alla strada. In Portogallo ormai il dibattito sull'uscita del Paese dall'euro si scalda. Lo dimostra lo straordinario successo che sta riscuotendo il libro "Why We Should Leave the Euro" (Perché dovremmo uscire dall'euro) del professore João Ferreira do Amaral.

A un mese dal lancio il libro - come riporta il Wall Street Journal - è già alla quarta ristampa avendo venduto più di 7mila copie che, per il debole mercato librario lusitano, è un numero esaltante. Dato che sta vendendo più dei romanzi di punta e dei libri di cucina. «Siamo in una fase in cui è sempre più evidente che la politica di austerity non funziona», spiega l'autore, 64 anni, professore alla "Technical University di Lisbona" nonché ex funzionario del ministero delle Finanze. «Il prossimo passo per noi è realizzare che l'euro è semplicemente insostenibile per il Portogallo». 

Secondo Ferreira do Amaral l'unica speranza che il Portogallo ha per uscire dalla crisi e risollevare l'economia - che nel 2013 si avvia a chiudere il terzo anno consecutivo in recessione con un Pil che indietreggia al ritmo tendenziale del -3,6% annuo - è di ritornare alla valuta nazionale, l'escudo, che subirebbe immediatamente una svalutazione tale da rendere da subito i prodotti portoghesi meno cari è più competitivi per le esportazioni. 

La posizione del professore non coincide con quella dei leader istituzionali. Il primo ministro Pedro Passos Coelho ha insistito più volte sulle conseguenze disastrose che avrebbe per il Portogallo un'uscita dalla divisa comune mentre lo scorso anno, quando è stato effettuato l'ultimo sondaggio in merito, il 72% dei cittadini portoghesi si dimostrava favorevole a una permanenza nell'euro.

L'ex-ministro delle Finanze João Salgueiro ha avvertito che il costo di uscita sarà più alto dei benefici. Ma la sensazione è che - in concomitanza con l'affermazione di vari movimenti antieuropei in Europa, dall'Alternative für Deutschland in Germania di Bernd Lucke al britannico Ukip di Nigel Farage - il malcontento popolare verso l'euro stia crescendo. Perché l'economia reale non è riuscita a risollevarsi dopo il salvataggio della Troika (Ue-Fmi-Bce) con un maxi-prestito da 78 miliardi di euro vincolato a rigide misure di risanamento e austerity. Il tasso di disoccupazione medio è al 17,7% con punte oltre il 40% se si guarda alla popolazione giovanile. Come visto, il Pil è in calo per il terzo anno consecutivo mentre il rapporto debito/Pil ha superato il 120 per cento. Non va bene anche il il deficit che, rapportato al Pil, è superiore al 6 per cento. 

Numeri che ampliano la platea di proseliti del professore Ferreira do Amaral, scettici rispetto alle dichiarazioni degli esponenti del Governo secondo cui il Portogallo tornerà a crescere a partire dal 2014. Il sostegno al movimento pro-escudo arriva anche da esponenti istituzionali di alto profilo. Fra questi anche il presidente della Corte Suprema di Giustizia Luis Antonio Noronha Nascimento secondo cui il Portogallo e altri Paesi del Sud Europa dovrebbero lasciare l'euro perché altrimenti il divario tra gli Stati più ricchi e quelli più poveri non potrà che ampliarsi.

Scritto da Vito Lops.  


PORTOGALLO SEMPRE PIU' CONTRARIO ALL'EURO. PERFINO IL PRESIDENTE DELLA CORTE SUPREMA DI GIUSTIZIA SI SCHIERA CONTRO.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA CINA IMPONE PESANTI DAZI AL VINO ITALIANO, L'ITALIA IMPORTA QUALSIASI SCHIFEZZA DALLA CINA SENZA BATTERE CIGLIO.

LA CINA IMPONE PESANTI DAZI AL VINO ITALIANO, L'ITALIA IMPORTA QUALSIASI SCHIFEZZA DALLA CINA SENZA
Continua

 
LA SPECTRE DEL BILDERBERG SI RIUNISCE A NORD DI LONDRA E L'AREA E' STATA TOTALMENTE MILITARIZZATA

LA SPECTRE DEL BILDERBERG SI RIUNISCE A NORD DI LONDRA E L'AREA E' STATA TOTALMENTE MILITARIZZATA


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »