72.434.389
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA LA GUERRA CIVILE

mercoledì 10 luglio 2019

Cosa ci facevano quattro missili anticarro Javelin "made in Usa" acquistati dalla Francia nel 2010 nel Comando del generale Khalifa Haftar a sud di Tripoli? E' questa la domanda che emerge dopo lo "scoop" del quotidiano statunitense "New York Times" a cui il ministero della Difesa francese non e' ancora riuscito a dare una risposta convincente. Secondo le fonti militari francesi ascoltate dal giornale Usa, i quattro Javelin del valore di circa 170 mila dollari ciascuno "non erano piu' funzionanti", ma facevano parte di un lotto di 260 missili venduti dagli Stati Uniti alla Francia nel 2010. Queste armi sarebbero state acquistate per "proteggere le forze francesi schierate in Libia per operazioni d'intelligence e di terrorismo". E' pertanto lecito pensare che personale militare francese fosse presente nella strategica citta' di Gharian, l'avamposto scelto dalle forze di Haftar nell'operazione militare per conquistare la capitale Tripoli. Eventualita', quest'ultima, piu' volte emersa da fonti stampa e sempre smentita dalle autorita' francesi. 

Lo scorso primo luglio, l'ambasciata della Francia in Libia aveva "smentito categoricamente" le notizie riportate "sui social media e da alcuni organi di stampa" sulla presenza di "soldati o personale militare francese" a Gharian, citta' situata 80 chilometri a sud di Tripoli recentemente conquistate dalle forze del Governo di accordo nazionale libico (Gna). In un messaggio su Twitter, la rappresentanza diplomatica francese aveva definito "false" le notizie in merito al presunto sostegno militare garantito da Parigi agli uomini dell'autoproclamato Esercito nazionale libico del generale Haftar, l'uomo forte della Cirenaica che dal 4 aprile assedia Tripoli. Lo scorso 28 giugno, il capo della prima brigata di fanteria delle forze del Governo di accordo nazionale libico, Mustafa al Mashi, aveva sostenuto di aver visto "militari francesi" fuggire da Gharian quando i suoi uomini erano entrati nella citta' a sud di Tripoli fino a quel momento controllata dalle forze di Haftar. Intervistato dall'emittente televisiva libica "Libya al Hurra", al Mashi aveva affermato di "aver notato sei auto con a bordo militari francesi che si trovavano nel comando delle operazioni di Haftar a Gharian".

Va ricordato che i tre membri delle forze speciali francesi sono rimasti uccisi nel luglio 2016 nell'abbattimento di un elicottero in dotazione all'Esercito nazionale libico (Lna) di Haftar vicino Agedabia, azione rivendicata dalla milizia islamista denominata Brigata per la difesa di Bengasi. Il consigliere militare francese sentito dal "New York Times" non ha saputo spiegare cosa ci facessero i Javelin comprati dai francesi nel comando di Haftar a sud di Tripoli. Secondo il ministero della Difesa francese, citato dal quotidiano "Le Figaro", i missili Javelin "danneggiati e fuori uso" erano stati "temporaneamente immagazzinati in un deposito per la distruzione", sottolineando che le armi "non sono state trasferite alle forze locali". Il ministero ha confermato queste armi erano destinate "all'auto-protezione di un distaccamento francese schierato per scopi di intelligence anti-terrorismo".

Questi sviluppi riportano alla mente il caso dei 13 cittadini francesi muniti di passaporto diplomatico fermati con delle armi lo scorso 14 aprile dalla dogana tunisina alla frontiera con la Libia. Il convoglio di veicoli francesi era stato fermato dopo il rifiuto della scorta di consegnarmi le armi di cui erano in possesso. Successivamente, al termine di un lungo negoziato, le autorita' tunisine hanno fatto sapere di aver rilasciato la delegazione trattenendo tuttavia le armi. Non dichiarare le armi alla dogana e' illegale e scatena la contro-norma che consente di perquisire veicoli con targa diplomatica. L'episodio aveva fatto emergere il sospetto di operazioni clandestine francesi per appoggiare il generale Haftar nell'offensiva militare per assumere il controllo di Tripoli. Diversi media libici vicini al governo di Tripoli hanno rilanciato la notizia, mai confermata al livello ufficiale, di un centro di comando delle forze di Haftar nella localita' di Gharian. Lo scorso 18 aprile, inoltre, il ministero dell'Interno del Governo di accordo nazionale aveva interrotto ogni collaborazione di sicurezza con la Francia per il presunto sostegno di Parigi alle forze del generale Haftar; la cooperazione e' poi ripresa lo scorso mese di giugno, dopo un "chiarimento" a Tunisi tra il ministro dell'Interno libico Fathi Bashaga e l'ambasciatore francese Brigitte Curmi. 

Intanto l'Organizzazione mondiale della Sanita' (Oms) ha aggiornato a 1.048 morti (inclusi 106 civili) e 5.558 feriti (tra cui 289 civili) il bilancio delle vittime degli scontri in corso a Tripoli e dintorni dal 4 aprile. Da oltre tre mesi e' in corso nella parte occidentale della Libia un'operazione militare condotta delle milizie di Haftar, comandante dell'autoproclamato Esercito nazionale libico, contro le forze del Consiglio presidenziale del Gna, l'organo esecutivo con sede a Tripoli riconosciuto dalle Nazioni Unite e guidato dal premier Fayez al Sarraj. Dopo settimane di sostanziale stallo, recentemente le forze governative hanno cominciato una controffensiva culminata con la citta' di Gharian, strategico avamposto dell'Lna circa 80 chilometri a sud di Tripoli. Proprio li' sono state trovate le armi prodotte negli Usa. La scorsa settimana il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto una tregua urgente in Libia, facendo appello a tutti gli Stati membri affinche' rispettino "pienamente l'embargo sulle armi" imposto nel 2011, oggetto di numerose violazioni negli ultimi mesi. Inizialmente, si riteneva che le armi di fabbricazione statunitense rinvenute a Gharian fossero state vendute da Washington agli Emirati Arabi Uniti, eventualita' pero' smentita ufficialmente dal governo di Abu Dhabi.

Redazione Milano


CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA LA GUERRA CIVILE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MACRON   GEURRA   CIVILE   LIBIA   ARMI   FRANCESI   SOLDATI   CORPI   SPECIALI   PARIGI   HAFTAR   MILIZIE   ISLAMICHE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua
DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E' CERTEZZA DEL DIRITTO

DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E'

lunedì 18 novembre 2019
BERLINO - Terza economia dell'Eurozona, l'Italia vede la propria industria "morire in bellezza". E' quanto afferma il settimanale tedesco "Der Spiegel", commentando la decisione del gruppo
Continua
 
VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO DEL CONTINENTE''

VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO

lunedì 18 novembre 2019
PRAGA - Nel 1989, i cittadini dell'Europa centrale "furono cosi' forti da cambiare il futuro del continente". Lo ha dichiarato il primo ministro ungherese Viktor Orban, in occasione della
Continua
AFFOLLATISSIMO COMIZIO A BOLOGNA DI PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA CANDIDATURA DI LUCIA BORGONZONI

AFFOLLATISSIMO COMIZIO A BOLOGNA DI PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA CANDIDATURA DI LUCIA BORGONZONI

venerdì 15 novembre 2019
 Matteo Salvini ha iniziato il suo intervento al PalaDozza di Bologna criticando la stampa. "Fatemi ringraziare i giornalisti: di voi qui riuniti non c'e' una foto sulle homepage dei due
Continua
 
IN FINLANDIA TRIONFA NEI CONSENSI IL PARTITO SOVRANISTA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA: TRUE FINNS PRIMO NEI SONDAGGI

IN FINLANDIA TRIONFA NEI CONSENSI IL PARTITO SOVRANISTA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA: TRUE FINNS

lunedì 11 novembre 2019
LONDRA - Ogni mese in Finlandia viene fatto un sondaggio sulla popolarita' dei suoi  partiti politici e anche questo mese il partito anti-immigrati dei True Finns ha visto la sua popolarita'
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DIETRO LE QUINTE / JUNCKER AFFONDA URSULA VON DER LEYEN: ''E' STATA NOMINATA CON ACCORDI SOTTOBANCO'' (SILURO IN ARRIVO)

DIETRO LE QUINTE / JUNCKER AFFONDA URSULA VON DER LEYEN: ''E' STATA NOMINATA CON ACCORDI
Continua

 
INCHIESTA /  ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2 MILIARDI DI EURO L'ANNO!

INCHIESTA / ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

GIUDICE CAFIERO DE RAHO: ROMA CENTRO INVESTIMENTI DELLA MAFIA DA

22 novembre - ''La mafia a Roma e' presente da decenni. Roma e' il centro del
Continua

SALVINI: IL MES E' UN TRATTATO PER FAR SALTARE I RISPARMI DEGLI

22 novembre - Il Mes è ''un trattato che rischia di far saltare i risparmi degli
Continua

BERLUSCONI: L'ESERCITO E' L'UNICO DETERRENTE CONTRO L'INVASIONE DI

21 novembre - Occorre ''avere una capacita' di potenza militare anche per difenderci
Continua

LA CASSAZIONE DA' IL VIA LIBERA AL REFERENDUM SUL MAGGIORITARIO

21 novembre - Con ordinanza depositata ieri l'ufficio centrale della Cassazione ha
Continua

CONSIGLIERI M5S DI REGIONE EMILIA ROMAGNA IN RIVOLTA: SONDAGGIO

21 novembre - BOLOGNA - ''Tutta questa operazione e' una presa in giro inaccettabile
Continua

PD-M5S-LEU CANCELLANO ESENZIONE TASSA IMU SU CASE COLPITE DA

20 novembre - ''Incomprensibile la bocciatura dell'attuale maggioranza all'emendamento
Continua

R.LOMBARDIA TICKET SANITARI A ZERO PER FORZE DELL'ORDINE VV.FF. E

20 novembre - Via libera della commissione lombarda Sanita' al bilancio di previsione
Continua

MATTEO SALVINI: NON AVEVO PAURA DEI CASAMONICA, FIGURIAMOCI DELLE

20 novembre - Paura delle 'sardine'? ''Non avevo paura dei Casamonica figuriamoci se
Continua

FDI: CONTE VENGA SUBITO IN PARLAMENTO A RIFERIRE CHE HA COMBINATO

20 novembre - ''Insieme al capogruppo alla Camera di Fratelli d'Italia, Lollobrigida,
Continua

ZAIA: BASTA INSULTI AI VENETI, QUERELIAMO.

20 novembre - ''Basta insulti ai Veneti, mio compito è difendereli, quereliamo'' ''Ne
Continua

ARRESTATO UNO DEI MANDANTI DELL'OMICIDIO DELLA GIORNALISTA CARUANA

20 novembre - LA VALLETTA - Poche ore dopo la promessa di grazia garantita dal premier
Continua

SALVINI: SCUDO ARCELORMITTAL NOI AL GOVERNO L'AVEVAMO RIMESSO,

19 novembre - La questione dello 'scudo' per ArcelorMittal ''era uno dei motivi delle
Continua

M5S SI RIBELLA A CONTE E INTIMA A DI MAIO DI CONVOCARE VERTICE DI

19 novembre - ''Il Parlamento aveva dato un preciso mandato al Presidente del
Continua

IN ARRIVO ALTA MAREA ECCEZIONALE A VENEZIA: 160 CENTIMETRI ALLARME

15 novembre - VENEZIA - L'ultimo bollettino (ore 8:15) del Centro maree di Venezia ha
Continua

DI MAIO HA PAURA E MINACCIA I SUOI: ''CHI FA POLEMICHE SE NE VADA''

14 novembre - Il capo politico dell'M5s sente odore di scissione e attacca: ''Chi fa
Continua

GOVERNATORE FONTANA: BRUTTO EPISODIO CHE NON RAPPRESENTA LA REALTA'

14 novembre - MILANO - ''Non sono preoccupato, perche' non credo che esista questo
Continua

SONDAGGI/ SUPERMEDIA YOUTREND: CENTRODESTRA 50,6% CON LEGA 33,5%

14 novembre - Buona la performance di Fratelli d'Italia che sfiora il 10%, salendo al
Continua

PIL TERZO TRIMESTRE 2019 EUROZONA: GERMANIA E ITALIA APPAIATE NEL

14 novembre - BRUXELLES - Nel terzo trimestre 2019 il Pil e' salito dello 0,2%
Continua

LAURA COMI E PAOLO ORRIGONI AI DOMICILIARI, ZINGALE IN CARCERE

14 novembre - VARESE - I finanzieri del Nucleo Polizia economico-finanziaria di Milano
Continua

SONDAGGIO: CENTRODESTRA AL 50,2% LEGA AL 33%

14 novembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agora', il programma
Continua
Precedenti »