72.404.296
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE: LA CURVA DI LAFFER

lunedì 24 giugno 2019

Mentre gli oligarchi dell’uscente commissione ue sono presi dai loro ultimi, inutili e spregevoli rantoli contro l’Italia minacciando una procedura d’infrazione che non spaventa nessuno (lo spread, nonostante i nostrani media totalmente asserviti agli interessi stranieri starnazzino in continuazione di situazione drammatica, è sceso e l’ultima asta di BTP è andata oltre le più rosee previsioni), il vice premier Salvini ha ribadito l’intenzione di portare avanti il progetto di flat tax e riduzione del carico fiscale seguendo il  modello di Laffer, l’economista più odiato dai suoi colleghi che la storia ricordi.

Premesso che solo gli idioti possono pensare che l’economia sia una scienza esatta e che il comportamento umano (perché l’economia è prima di tutto comportamento umano), possa essere ricondotto a delle equazioni matematiche, Laffer ha basato la sua teoria non su astruse formule, ma sulla più banale (e corretta) osservazione dei fatti.

La sua conclusione è semplice puro buon senso: se spingo la tassazione oltre un certo livello, la gente smetterà di lavorare oppure si ingegnerà per evadere il fisco. Per quale motivo? Facile da capire: chiunque lavori vuole godere del frutto del proprio sudore e se di quel frutto gliene resta troppo poco perché il resto viene “espropriato” dall’imposizione fiscale, prima o poi si stancherà ed appenderà il martello al chiodo o troverà il modo di nascondere il frutto alle unghie rapaci del fisco.

Qua sotto, la famosa "curva" inventata dall'economista Laffer. Ed è chiarissima: più aumenta la "PF" cioè la pressione fiscale, più diminuisce "G" ovvero il gettito fiscale, che è quanto i contribuenti nel loro insieme pagano. Fino ad un certo aumento della Pressione Fiscale il Gettito sale, quando arriva all'apice sopportabile dai contribuenti l'aumento del Gettito si ferma, e non appena la Pressione Fiscale aumenta ulteriormente il Gettito diminuisce fino ad arrivare a zero quando la Pressione Fiscale diventa massima. Cioè quando tutti i contribuenti decidono di non pagare o sono nell'impossibilità di pagare perchè farlo mette a repentaglio la loro stessa sopravvivenza economica e quella delle loro famiglie.

Questo comportamento, badate bene, non si riscontra solo negli imprenditori o nei liberi professionisti: nei lavoratori dipendenti si manifesta in altri modi. Chi è a busta paga e vede ridursi sempre di più i salari in nome della competitività, semplicemente riduce sempre più il proprio impegno e la propria produttività. Per cui, quando l’OCSE spara la vaccata di criticare il salario minimo, dimostra per l’ennesima volta di vivere in una dimensione totalmente avulsa dalla realtà.

Emblematico, per capire gli economisti ed i loro clamorosi errori (non una delle previsioni fatte dopo la crisi del 2008 dai vari economisti “neolibbbberisti” si è verificata) è questo breve passo tratto dall’ultimo libro di Ilaria Bifarini, che si autodefinisce una bocconiana redenta: “Quando è stato chiesto a Robert Lucas il motivo del fallimento dei modelli del Fondo Monetario Internazionale nel prevedere la crisi del 2007-2008, questi ha risposto: ‘Il modello non prevede la crisi, ma quello che sarebbe successo senza la crisi’.

Insomma, se qualcosa non va come dovrebbe, la colpa non è del modello, ma della realtà che non rispetta le ipotesi del modello economico!” E questo approccio è esattamente quello che sta portando avanti con testarda arroganza la ue, maestra di modelli macroeconomici sbagliati, arrogante ed inflessibile nell’infliggere sofferenze ai propri popoli in nome di modelli macroeconomici (l’austerità “espansiva”), buoni solo nei computer di chi li ha inventati.

Di fronte a queste idiozie, il vice premier Salvini rilancia con una ricetta che funziona: tagliare le tasse per rilanciare l’economia, quindi il pil e di conseguenza portare ad un incremento delle entrate fiscali successivo.

Il meccanismo è semplice e, appunto, improntato al buon senso: se io taglio le tasse, il signor Rossi avrà più soldi in tasca, uscirà un paio di volte in più al ristorante, si farà qualche giorno in più di vacanza, magari deciderà pure di ristrutturare cosa. A fronte di un signor Rossi che spende in questo modo, ci sarà il pizzaiolo Verdi che aumenterà i suoi incassi, l’albergatore Bianchi pure e il muratore Gialli idem. Ma se questi aumentano gli incassi, spenderanno a loro volta di più, innescando un circolo virtuoso di crescita dell’economia e quindi del gettito fiscale (maggiori guadagni= maggiori tasse).

Tuttavia, il sistema funzionerebbe anche a parità di gettito fiscale, perché se il pil aumenta, il rapporto debito/pil diminuisce, anche in presenza di un aumento del debito pubblico. Non ci credete? Vediamo un esempio numerico

 

Anno 1 à pil 100, debito 120 à debito/pil 120

Anno 2 à pil 105, debito 125 à debito/pil 119,04

Anno 3 à pil 110, debito 130 à debito/pil 118,18

E cosa succede, invece, applicando un aumento della pressione fiscale o un taglio della spesa pubblica per beni o servizi (lo stato spende meno per sanità o per infrastrutture, ecc.) come pretenderebbero gli oligarchi ue?

Se lo stato taglia i servizi, i cittadini dovranno mettere mano al portafoglio per pagare ciò che prima ricevevano “gratis”, per cui ridurranno i consumi, riducendo il pil e facendo esplodere il rapporto debito/pil. Rivediamo un esempio numerico, più generoso di quello di prima, perché prevede che il debito rimanga invariato (ma sappiamo che non è cosi, in quanto tende comunque ad aumentare)

Anno 1 à pil 100, debito 120 à debito/pil 120

Anno 2 à pil 95, debito 120 à debito/pil 126

Anno 3 à pil 90, debito 120 à debito/pil 133

Questo è esattamente quanto accaduto in Italia seguendo le ricette dei “geni” degli  oligarchi ue, per non parlare della Grecia, il cui rapporto debito/pil all’inizio della crisi era al 109% ed oggi è al 177,8%. Eppure per gli oligarchi ue la Grecia oggi è un paese risanato.

Certo, risanato secondo i loro concetti di macelleria sociale che considerano gli esseri umani meri fattori produttivi al pari di un tornio o di un trapano, da mantenere in vita fin che possono produrre e da “terminare” appena diventano obsoleti (a cosa credete che servano i vari dibattiti sull’eutanasia?). Dove avevamo sentito questi concetti? Ah, sì, nel terzo reich tedesco.

Ora, se le politiche economiche proposte dalla ue sono palesemente fallimentari, solo degli analfabeti funzionali o degli individui in malafede potrebbero pensare di portarle ancora avanti, anziché stravolgere completamente il paradigma e fare, se non l’esatto contrario, quasi, ovvero puntare su una drastica riduzione fiscale, magari accompagnata da un piano di investimenti pubblici in infrastrutture e sanità.

Oggi non è più tempo di restare seduti, è tempo di decidere da che parte stare: da chi gongola per l’aumento della mortalità infantile in Grecia (ue ed i loro partiti fiancheggiatori italiani) o da quella di chi vuol dare un futuro ai nostri figli (il governo lega-5S), altre opzioni non ce ne sono.

L’Eretico

 

Fonti:

Ilaria Bifarini, “Inganni economici, quello che i bocconiani non vi dicono”, 2020, youcanprint

https://www.internazionale.it/notizie/guillaume-duval/2018/08/31/crisi-grecia-dieci-grafici

http://vocidallestero.it/2019/06/14/i-mercati-finanziari-danno-una-mano-a-salvini-nella-contesa-con-la-ue/

https://www.nytimes.com/2019/06/19/us/politics/arthur-laffer-medal-of-freedom.html

 


INCHIESTA /  IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE: LA CURVA DI LAFFER


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CURVA   LAFFER   DEBITO   PUBBLICO   ITALIA   UE   COMMISSIONE   SALVINI   EUROPA   GETTITO   FISCALE   IMPOSIZIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua
 
DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E' CERTEZZA DEL DIRITTO

DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E'

lunedì 18 novembre 2019
BERLINO - Terza economia dell'Eurozona, l'Italia vede la propria industria "morire in bellezza". E' quanto afferma il settimanale tedesco "Der Spiegel", commentando la decisione del gruppo
Continua
VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO DEL CONTINENTE''

VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO

lunedì 18 novembre 2019
PRAGA - Nel 1989, i cittadini dell'Europa centrale "furono cosi' forti da cambiare il futuro del continente". Lo ha dichiarato il primo ministro ungherese Viktor Orban, in occasione della
Continua
 
AFFOLLATISSIMO COMIZIO A BOLOGNA DI PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA CANDIDATURA DI LUCIA BORGONZONI

AFFOLLATISSIMO COMIZIO A BOLOGNA DI PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA CANDIDATURA DI LUCIA BORGONZONI

venerdì 15 novembre 2019
 Matteo Salvini ha iniziato il suo intervento al PalaDozza di Bologna criticando la stampa. "Fatemi ringraziare i giornalisti: di voi qui riuniti non c'e' una foto sulle homepage dei due
Continua
IN FINLANDIA TRIONFA NEI CONSENSI IL PARTITO SOVRANISTA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA: TRUE FINNS PRIMO NEI SONDAGGI

IN FINLANDIA TRIONFA NEI CONSENSI IL PARTITO SOVRANISTA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA: TRUE FINNS

lunedì 11 novembre 2019
LONDRA - Ogni mese in Finlandia viene fatto un sondaggio sulla popolarita' dei suoi  partiti politici e anche questo mese il partito anti-immigrati dei True Finns ha visto la sua popolarita'
Continua
 
INTERVISTA A MATTEO SALVINI: ''IN EMILIA ROMAGNA POSSIANO FAR CADERE IL SECONDO MURO DI BERLINO, ANCHE IN TOSCANA CADRA'''

INTERVISTA A MATTEO SALVINI: ''IN EMILIA ROMAGNA POSSIANO FAR CADERE IL SECONDO MURO DI BERLINO,

lunedì 11 novembre 2019
In Emilia Romagna, dice il leader leghista Matteo Salvini in una intervista a "La Stampa" pubblicata oggi - "possiamo far cadere il secondo Muro di Berlino. Poi porto il caffe' corretto in ufficio a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI PANORAMA)

CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI
Continua

 
INCHIESTA / ECCO QUANTO HA REGALATO FINO AD OGGI L'ITALIA ALLA UE. CON L'ITALEXIT GUADAGNIAMO 7 MILIARDI DI EURO L'ANNO

INCHIESTA / ECCO QUANTO HA REGALATO FINO AD OGGI L'ITALIA ALLA UE. CON L'ITALEXIT GUADAGNIAMO 7
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PD-M5S-LEU CANCELLANO ESENZIONE TASSA IMU SU CASE COLPITE DA

20 novembre - ''Incomprensibile la bocciatura dell'attuale maggioranza all'emendamento
Continua

R.LOMBARDIA TICKET SANITARI A ZERO PER FORZE DELL'ORDINE VV.FF. E

20 novembre - Via libera della commissione lombarda Sanita' al bilancio di previsione
Continua

MATTEO SALVINI: NON AVEVO PAURA DEI CASAMONICA, FIGURIAMOCI DELLE

20 novembre - Paura delle 'sardine'? ''Non avevo paura dei Casamonica figuriamoci se
Continua

FDI: CONTE VENGA SUBITO IN PARLAMENTO A RIFERIRE CHE HA COMBINATO

20 novembre - ''Insieme al capogruppo alla Camera di Fratelli d'Italia, Lollobrigida,
Continua

ZAIA: BASTA INSULTI AI VENETI, QUERELIAMO.

20 novembre - ''Basta insulti ai Veneti, mio compito è difendereli, quereliamo'' ''Ne
Continua

ARRESTATO UNO DEI MANDANTI DELL'OMICIDIO DELLA GIORNALISTA CARUANA

20 novembre - LA VALLETTA - Poche ore dopo la promessa di grazia garantita dal premier
Continua

SALVINI: SCUDO ARCELORMITTAL NOI AL GOVERNO L'AVEVAMO RIMESSO,

19 novembre - La questione dello 'scudo' per ArcelorMittal ''era uno dei motivi delle
Continua

M5S SI RIBELLA A CONTE E INTIMA A DI MAIO DI CONVOCARE VERTICE DI

19 novembre - ''Il Parlamento aveva dato un preciso mandato al Presidente del
Continua

IN ARRIVO ALTA MAREA ECCEZIONALE A VENEZIA: 160 CENTIMETRI ALLARME

15 novembre - VENEZIA - L'ultimo bollettino (ore 8:15) del Centro maree di Venezia ha
Continua

DI MAIO HA PAURA E MINACCIA I SUOI: ''CHI FA POLEMICHE SE NE VADA''

14 novembre - Il capo politico dell'M5s sente odore di scissione e attacca: ''Chi fa
Continua

GOVERNATORE FONTANA: BRUTTO EPISODIO CHE NON RAPPRESENTA LA REALTA'

14 novembre - MILANO - ''Non sono preoccupato, perche' non credo che esista questo
Continua

SONDAGGI/ SUPERMEDIA YOUTREND: CENTRODESTRA 50,6% CON LEGA 33,5%

14 novembre - Buona la performance di Fratelli d'Italia che sfiora il 10%, salendo al
Continua

PIL TERZO TRIMESTRE 2019 EUROZONA: GERMANIA E ITALIA APPAIATE NEL

14 novembre - BRUXELLES - Nel terzo trimestre 2019 il Pil e' salito dello 0,2%
Continua

LAURA COMI E PAOLO ORRIGONI AI DOMICILIARI, ZINGALE IN CARCERE

14 novembre - VARESE - I finanzieri del Nucleo Polizia economico-finanziaria di Milano
Continua

SONDAGGIO: CENTRODESTRA AL 50,2% LEGA AL 33%

14 novembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agora', il programma
Continua

GOOGLE ENTRA NEL SETTORE BANCARIO: OFFRIRA' A BREVE CONTI CORRENTI

13 novembre - Google è pronta a entrare nel settore bancario. Il prossimo anno,
Continua

RENZI LO METTE PER ISCRITTO: IL MIO OBBIETTIVO E' ANNIENTARE IL PD

13 novembre - Lo mette pure per iscritto. Matteo Renzi vuole annientare il Pd.
Continua

IL GOVERNO TEDESCO DI SPACCA SULL'UNIONE BANCARIA: SPD A FAVORE CDU

13 novembre - BERLINO - Il governo tedesco vacilla sempre piu. Raggiunto faticosamente
Continua

GOVERNO SI SPACCA SU EMENDAMENTO PER RIPRISTINO SCUDO LEGALE ALL'EX

13 novembre - ''Lo stop in commissione alla Camera degli emendamenti che ripristinano
Continua

TOTI: GRANDE DOLORE PER CHI HA PERSO LA VITA IN VENETO PER MALTEMPO

13 novembre - GENOVA - ''Grande dolore per chi ha perso la vita in Veneto a causa del
Continua
Precedenti »