83.200.353
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / LA GERMANIA CHE BARCOLLA: DATI ECONOMICI E PRODUTTIVI DA SPAVENTO EPPURE PER LA UE IL ''PROBLEMA'' E' L'ITALIA

martedì 4 giugno 2019
Le elezioni Ue, al di là di quanto l’informazione mainstream cerchi di propagandare, hanno dato un chiaro segnale di insofferenza nei confronti dell’oligarchia asserragliata nei palazzi di Bruxelles e Strasburgo alle dipendenze degli interessi franco-tedeschi (ma decisamente più spostati verso Berlino). I risultati elettorali di Italia e Francia sono lì a testimoniarli.
Ovviamente la risposta degli oligarchi non si è fatta attendere: lo spread sui btp è tornato a crescere ed al contempo è arrivato il “pizzino” da parte di una commissione ue ormai uscente nei confronti dell’Italia, nella speranza che i cittadini prendano paura come nel 2011.
Più che lettera, ultimatum, dato che richiede una risposta entro 48 ore, oltretutto sullo sforamento provocato non dalla manovra del governo Lega-5S ma… del governo Gentiloni!
Fortunatamente queste potrebbero essere le ultime convulsioni di un sistema ormai morente, ed il colpo mortale potrebbe venire proprio dalla Germania, vittima delle sue stesse assurde politiche nei confronti degli altri membri dell’area euro.
Questo è il grafico dell’indice PMI tedesco: sotto 50 significa contrazione. A voi il giudizio.
Questo, invece, è il grafico degli ordini delle aziende tedesche manifatturiere.
E questo ultimo è il grafico del Pil della Germania, che vorremmo ricordare, sarebbe la "locomotiva d'Europa..."


Tutti gli indicatori segnalano tempesta in arrivo per la Germania (ma curiosamente i nostri media non ne fanno parola) e non potrebbe essere altrimenti.
Perché diciamo che non potrebbe essere altrimenti?
La risposta risiede nella stessa economia tedesca, tutta improntata all’esportazione a discapito dei consumi interni, che difatti sono al palo da decenni e con milioni di lavoratori costretti a vivere con i sussidi Hartz IV. Perfino un economista tedesco di spessore, come Flessbeck scrive testualmente: “la Germania beneficia della moneta unica perché, come non aveva fatto nessun altro paese prima di allora, sotto la guida di un governo rosso-verde ha spudoratamente ingannato i suoi vicini e svenduto le proprie merci”.
Tuttavia, quando i tuoi vicini cui hai svenduto le tue merci, non sono più in grado di comprarle perché nel frattempo si è provveduto pure a strangolarli a colpi di austerity desertificandone il tessuto produttivo e distruggendone le prospettive di crescita future, è inevitabile che anche la tua economia vada in crisi.
In altre parole sta accadendo esattamente quanto si era previsto già anni fa su queste pagine: i tedeschi, come sempre, sono riusciti a tagliare il ramo su cui stavano seduti. Il punto è che il popolo dal puntale sulla testa, quello che invita tutt’ora gli ebrei a non indossare simboli che li possano far riconoscere per evitare “brutte sorprese”, quello che sotto sotto è rimasto lo stesso che osannava il pittore austriaco fallito, non riesce mai ad imparare dai propri errori e li ripete sistematicamente. Anche questa volta ha vinto le battaglia, ma sta perdendo la guerra.
Cosa possiamo aspettarci da uno stato che sistematicamente ha depredato gli altri e se ne è sempre infischiato delle regole, a tal punto da infrangere sistematicamente il limite sul valore delle esportazioni senza peraltro che nessun membro della ue alzasse nemmeno un sopracciglio? Ovviamente fare esattamente il contrario di quello che impone agli altri. Infatti dalle parti di Berlino stanno escogitando il sistema di aggirare il vincolo del pareggio di bilancio che tanto amano imporre agli altri. In che modo? Ad esempio, dalle parti del bundestag stanno valutando che il governo federale potrebbe indebitarsi per acquisire le azioni di una società pubblica che effettui poi investimenti. Questa operazione, architettata con determinati cavilli, resterebbe fuori dal bilancio pubblico e quindi non farebbe aumentarne il debito. Ovviamente, poi vengono a fare le pulci allo stato italiano che vuole rilanciare l’economia… facendo la stessa cosa, ovvero stimolando gli investimenti ed i consumi.
Ecco, se la Germania, come è molto probabile, dovesse arrivare a compiere simili passi per salvare la propria economia, non si capisce perché non dovrebbero farlo anche gli altri e questo significherebbe una sola cosa: la fine della ue così come l’abbiamo vista in questo quarto di secolo. Perché gli altri dovrebbero condannare i propri cittadini a privazioni ed umiliazioni in nome dei “sacri parametri” di Maastricht quando gli stessi sacerdoti li considerano poco più che carta straccia?
Come ha scritto Tom Luongo “Il fallimento dell’economia tedesca nel tenere insieme l’Unione colpirà molto velocemente e come un boomerang la leadership tedesca della UE”. Hegel affermava che la storia tende a ripetersi: siamo dell’avviso che avesse ragione. Dopo aver perso due guerre militari, il popolo dal puntale in testa perderà anche quella economica, dopo aver seminato miseria e morti: citofonare Grecia per maggiori dettagli.
L’Eretico
Fonti
http://vocidallagermania.blogspot.com/2019/05/anche-la-germania-verso-il-superamento.html
http://vocidallestero.it/2019/04/08/tom-luongo-leconomia-tedesca-e-un-morto-che-cammina/
http://vocidallagermania.blogspot.com/2019/05/heiner-flassbeck-leuropa-che-avevo-in.html
https://www.corriere.it/esteri/19_maggio_26/ebrei-non-indossate-kippah-l-antisemitismo-scuote-germania-af86578a-7f8c-11e9-8558-8311fa6a8639.shtml



INCHIESTA / LA GERMANIA CHE BARCOLLA: DATI ECONOMICI E PRODUTTIVI DA SPAVENTO EPPURE PER LA UE IL ''PROBLEMA'' E' L'ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   GERMANIA   PIL   CRISI   LAVORO   INDUSTRIA   MANIFFATURA   ORDINATIVI   RECESSIONE   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA ITALIANA LA CENSURA

LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA

lunedì 25 maggio 2020
  LONDRA - Alcuni giorni fa, in molti sono rimasti sorpresi dal fatto che George Soros si sia mostrato preoccupato per il fatto che l'Italia potrebbe presto uscire dall'Unione Europea e come
Continua
 
CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID. CONSEGNE A SETTEMBRE

CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID.

giovedì 21 maggio 2020
LONDRA - Ci siamo, il vaccino è pronto e la produzione su scala planetaria è al via. La multinazionale Astrazeneca ha concluso i primi accordi per la produzione di almeno 400 milioni di
Continua
GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA: GLOBALIZZAZIONE ADDIO

GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA:

martedì 12 maggio 2020
La battaglia intrapresa dal Giappone contro il coronavirus ha acceso a Tokyo un campanello d'allarme in merito alla dipendenza del sistema paese dalle catene di fornitura della Cina. Gia' da alcuni
Continua
 
COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E ADESSO VUOLE IL MES

COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E

lunedì 11 maggio 2020
Mentre l’Italia prova a ripartire con la Fase2, riprendiamo i nostri interventi e lo facciamo analizzando cosa ha fatto o meglio, cosa non ha fatto il governo pentapiddino per tenere a galla
Continua
IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA DALLE BANCHE PER CREDITO

IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA

martedì 5 maggio 2020
Ricavi quasi dimezzati nel 2020 con il turismo che prevede una contrazione del 66,3%, giudizi in grande prevalenza negativi sui provvedimenti finora adottati dal governo per contrastare la crisi
Continua
 
RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO CHIAVI NEGOZI A SALA!

RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO

mercoledì 29 aprile 2020
MILANO - Regole chiare su come riaprire. Questo chiedono, oltre alla riduzione delle tasse locali, i commercianti milanesi. Tremila di loro, per lo piu' titolari di bar, ristoranti e gelaterie, ma
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA
Continua

 
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ZAIA: ''L'APP IMMUNI HA GRANDI LIMITI, IMPOSSIBILE GESTIRLA''

3 giugno - VENEZIA - ''L'app immuni ha due grandi limiti, uno legato alla privacy e
Continua

NELLO SCORSO MESE DI APRILE, PERSI IN ITALIA 274.000 POSTI DI LAVORO

3 giugno - ROMA - Una perdita di 274 mila posti di lavoro in un solo mese, quello
Continua

LA BANCA D'INGHILTERRA INVITA LE BANCHE INGLESI A PREPARARSI ALLA

3 giugno - LONDRA - Il governatore della Bank of England (BoE), Andrew Bailey ha
Continua

SENATRICE ELENA TESTOR ADERISCE ALLA LEGA ED ENTRA NEL GRUPPO AL

3 giugno - La senatrice Elena Testor ha lasciato Forza Italia e ha aderito
Continua

IN SPAGNA LA CATASTROFE DEL CORONAVIRUS HA CANCELLATO 133.000

3 giugno - La crisi scatenata dal coronavirus ha provocato in Spagna la scomparsa
Continua

LA POLIZIA DELLA DITTATURA COMUNISTA CINESE SPARA SULLA FOLLA A

27 maggio - La polizia agli ordini della dittatura comunista cinese che a Hong Kong
Continua

MINACCE DI MORTE AL GOVERNATORE FONTANA: ADESSO E' SOTTO SCORTA

27 maggio - Da due giorni il presidente della Regione Lombardia, Attilio FONTANA, e'
Continua

L'IMPATTO DEL COVID SULL'ECONOMIA DELL'EUROZONA SARA' IL DOPPIO DEL

27 maggio - FRANCOFORTE - La Bce ha preparato diverse stime sull'impatto della crisi
Continua

SUPER FLOP DEI TEST COVID: ALLA PROVA DEI FATTI, SOLO IL 25% HA

26 maggio - Tutta questa ''corsa'' (e polemiche di ogni genere) a fare test
Continua

FRANCIA SE NE FREGA DELLA UE: MASSICCI AIUTI DI STATO ALLE AZIENDE

26 maggio - PARIGI - Addio libero mercato, addio regole e regoline della Ue che
Continua

LEGA: LA UE DEVE IMPORRE SANZIONI AL REGIME COMUNISTA CINESE!

26 maggio - ''L'Europa non può essere silente davanti a quanto sta succedendo ad
Continua

INSEGNANTI PRECARI ILLUSI E TRADITI DAL GOVERNO CONTE, TUTTO

25 maggio - ''Polpetta avvelenata di Conte a Pd e LeU durante la trattativa sul
Continua

FONTANA:ZERO DECESSI IN LOMBARDIA E' DATO POSITIVO MA NON

25 maggio - MILANO - ''La cosa che mi rasserena e' il numero dei nuovi contagiati
Continua

L'ACQUISTO DI BTP ''ITALIA'' DEDICATI AI RISPARMIATORI PRIVATI HA

19 maggio - Gli ordini del retail per il nuovo BTp Italia hanno superato i 4
Continua

SALVINI: 120 NAZIONI DEL MONDO CHIEDONO SPIEGAZIONI ALLA CINA, E

19 maggio - ''Ci sono 120 paesi al mondo, in tutto il mondo, in tutti i continenti,
Continua

FONTANA: D'ACCORDO CON ZAIA, ABBIAMO DOVUTO FARE DA SOLI CONTRO IL

19 maggio - MILANO - Il governatore lombardo Attilio Fontana, in collegamento su Rai
Continua

IERI VENDUTI 4 MILIARDI DI BTP ''ITALIA'' AI RISPARMIATORI OGGI 1

19 maggio - MILANO - Parte forte anche la seconda giornata di collocamento, sempre
Continua

SALVINI: AVEVO RAGIONE, ALTRO CHE MES, BOOM ACQUISTI DEGLI ITALIANI

18 maggio - Il leader della Lega, Matteo Salvini, commenta la partenza ''a razzo''
Continua

TOTI: LIGURIA NON HA MAI CHIUSO, ADESSO RIAPRIRE I CONFINI

18 maggio - GENOVA - ''La Liguria non ha mai chiuso: i suoi porti hanno sempre
Continua

PERQUISIZIONI IN CORSO DEL ROS DEI CARABINIERI NELLA SEDE ONLUS

15 maggio - FANO - Perquisizioni in corso, da questa mattina, da parte dei
Continua
Precedenti »