73.558.456
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE PROBABILMENTE IN GIUGNO

martedì 12 febbraio 2019

BERLINO - La famosa "Europa" farebbe  bene a guardare cosa sta accadendo e soprattutto cosa accadrà a breve in Germania.

C'e' chi parla di "preparativi per un divorzio". Altri la dicono in maniera ben piu' diretta: in Germania lo spettro di un voto anticipato si sta avvicinando sempre di piu'. Sullo sfondo, la netta svolta a sinistra della Spd - sprofondata nei sondaggi al 14-15%, e sarebbe di gran lunga il peggior risultato della sua storia se confermato nelle urne - che nel giro di una manciata di giorni ha annunciato un pacchetto di proposte in evidente rotta di collisione con gli alleati della Cdu nella Grosse Koalition: l'abolizione di Hartz IV, il controverso assegno di sostegno a disoccupati che fu il cuore della riforma Agenda 2010 dell'allora cancelliere Gerhard Schroeder, e la sua sostituzione con un nuovo reddito minimo di 12 euro all'ora senza condizioni per due anni, nonche' una pensione minima per i redditi piu' bassi proposta dal ministro del Lavoro Hubertus Heil.

Addirittura, i socialdemocratici evocano la possibilita' di tassazioni maggiori per i redditi piu' alti. In sostanza, un "nuovo Stato sociale", come lo chiamano i socialdemocratici tedeschi in un documento appena varato, per il quale i rilevamenti demoscopici segnalano l'apprezzamento della maggioranza dei tedeschi. "E' l'atto d'inizio delle manovre anti-GroKo", commenta senze mezze misure lo Spiegel.

La nuova presidente della Cdu, Annegret Kramp-Karrenbauer, detta "AKK", ha gia' fatto sapere di considerate "molto criticamente" le nuove proposte degli alleati dell'Spd, ma il suo capogruppo al Bundestag, Ralph Brinkhaus, ha voluto provare a gettare acqua sul fuoco: "Non ci sara' una grande lite" con i socialdemocratici, ha detto, il vertice di coalizione previsto per stasera non sara' affatto "drammatico" e si parlera' come andare avanti nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

"Il clima di lavoro nella GroKo e' molto buono", assicura Brinkhaus. Ma negli ambienti governativi di Berlino molti non la vedono allo stesso modo. Anzi, una fine della Grosse Koalition e' un'opzione sempre piu' concreta, di cui si parla oramai apertamente.

La Zeit, in un commento che ha fatto il giro di tutti i palazzi che contano, spiega cosi' l'attivismo frenetico della Spd degli ultimi tempi: "Dato che tutti intuiscono e forse anche vogliono che questa coalizione non governera' fino alla fine del mandato, forse neanche fino alla fine di quest'anno, domina una sorta di stagione dei saldi: "tutto fuori", prima che ci possano essere elezioni anticipate e che tutti i buoni propositi finiscano in un cassetto". Certo, aggiunge l'autorevole settimanale amburghese, "quando il voto anticipato arrivera' non lo sa nessuno. Un piano strategico non c'e': al massimo c'e' l'idea che l'anno in corso possa avere una sua propria dinamica che si sottrae a qualsivoglia pianificazione".

Ovviamente il convitato di pietra di tutta questa discussione sotterranea si chiama Angela Merkel. Le gole profonde di Berlino dicono da sempre che sara' lei stessa a gestire la propria uscita di scena, alle proprie condizioni. Il che fa il paio con il fatto che "quasi nessuno nella Spd ritiene che la direzione del partito nella sua forma attuale sopravvivra' al 2019": in ballo ci sono molti appuntamenti fatali, dalle elezioni europee di maggio, al triplo voto in tre Laender dell'Est in cui l'Afd rappresenta un pericolo elevatissimo per Spd e Cdu, ossia Sassonia, Brandeburgo e Turingia.

Certo, si ragiona ancora nei quartieri generali dei due partiti tedeschi ancora per poco al governo, un voto anticipato non e' necessariamente automatico nel caso di una fine prematura della GroKo. Tra le possibilita', un governo di minoranza Cdu (improbabile) oppure una coalizione "Giamaica" con Cdu/Csu, Verdi e Fpd, plausibile per i liberali dato che non sarebbe piu' sotto l'egida merkeliana, come posto come precondizione dal loro leader, Christian Lindner. Ma è più fantapolitica , che una vera opzione praticabile.

E' per i Verdi che l'idea "Giamaica" e' assai poco attraente. Il loro boom nei sondaggi non e' venuto meno: con Robert Habeck e Annalena Baerbock alla guida, gli ambientalisti si profilano come seconda forza politica del Paese, attestandosi oramai stabilmente intorno al 20%. Ed e' un capitale di consensi a cui si rinuncia malvolentieri e che un'esperienza governativa finirebbe quasi certamente per erodere. Come dimostra proprio l'esperienza della Spd nella Grosse Koalition.

Oramai, dicono apertamente i più autorevoli commentatori politici tedeschi, non è più questione di pensare se ci saranno le elezioni politiche anticipate, ma di valutare quando. Con ogni probabilità, dopo le europee, specialmente se l'Spd davvero precititerà al 14-15% e la Cdu a meno del 25%. In questo caso, dato per molto probabile dai sondaggi che circolano in Germania, il governo cadrà a giugno e subito dopo, elezioni. 

Il ritorno alle urne in Germania certamente produrrà uno scenario di alta instabilità nella Ue, dopo il voto europeo. E a maggior ragione se nel nuovo parlamento tedesco l'AfD e i Verdi avessero un peso superiore al 15% ciascuno, con un Spd al 14% e una Cdu al 25% con una frammentazione caotica dei rimanenti seggi. In questo quadro, con la Francia che vuole liberarsi di Macron e la Germania di fatto ingovernabile, l'unico pilastro in Europa rimane, ma guarda, l'Italia. E il suo governo dalla vastissima maggioranza e consenso nel Paese.

Redazione Milano


SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE PROBABILMENTE IN GIUGNO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GROSSA   COALIZIONE   CDU   SPD   MERKEL   AFD   VERDI   ELEZIONI   EUROPEE   LAND   DESTRA   SINISTRA   BERLINO   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN SANITA' E TRASPORTI''

LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN

martedì 17 dicembre 2019
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una nota commenta l'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione 2020-2022, della legge di stabilita' e del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO
Continua

 
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »