69.298.707
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DECINE DI ARRESTI TRA I CLANDESTINI DELLE ORDE SUDAMERICANE ENTRATI IN CALIFORNIA, IL MESSICO INTANTO NE RIMPATRIA 500

lunedì 26 novembre 2018

Il governo messicano ha annunciato il rimpatrio di circa 500 migranti centroamericani che nella giornata di domenica hanno tentato di varcare in modo "violento" il confine con gli Stati Uniti. La decisione, resa nota dal ministero dell'Interno, giunge la termine di una giornata di violenti scontri registrati nella cittadina messicana di Tijuana, al confine con la California.

Una parte dei migranti scesi in piazza per una manifestazione era riuscita a infrangere il cordone di sicurezza della polizia tentando di oltrepassare in diversi punti il muro di confine. Dopo una iniziale sorpresa, gli agenti federali Usa hanno respinto l'offensiva, dissuadendo i migranti anche con l'uso di lacrimogeni.

Il ministero dell'Interno messicano ha detto che gli autori del tentativo sono stati "perfettamente identificati" e "verranno messi a disposizione delle autorita' corrispondenti per essere poi rimpatriate dalle autorita' migratorie".

Le autorita' messicane hanno inoltre segnalato che irrobustiranno le misure di sicurezza alla frontiera inviando elementi della Polizia federale alla frontiera. Al tempo stesso si effettuera' una indagine approfondita per verificare le "cause di questa offensiva violenta dei centroamericani e il loro tentativo di attraversare illegalmente la frontiera con gli Stati Uniti".

Questi "atti di provocazione, lungi dall'aiutare a raggiungere l'obiettivo, attentano alla stabilita' del quadro legale sulla migrazione e possono portare a gravi incidenti", recita ancora la nota del ministero dell'Interno pur segnalando che al momento non sono state riportate lesioni fisiche ai partecipanti della manifestazione.

La pressione dei migranti alla frontiera si conferma preoccupazione centrale del governo statunitense. Nel fine settimana il presidente Donald Trump era tornato a lanciare l'allarme bacchettando i paesi vicini sul mancato controllo di flussi da tempo definiti una "emergenza nazionale" per gli Usa.

"Sarebbe molto intelligente che il Messico fermasse le carovane molto prima del loro arrivo alla nostra frontiera sud, o che i paesi d'origine ne impedissero la formazione" ha scritto Trump su Twitter sottolineando che creare queste comitive significa "fare in modo che la gente abbandoni il proprio paese e venga lanciata, scagliata verso gli states. "Basta", e' tornato ad ammonire il presidente degli Stati Uniti accusando le precedenti amministrazioni a guida Democratica di aver acconsentito a rendere troppo permeabili le frontiere. 

Intanto, giunge anche la notizia che 43 clandestini che erano riusciti in qualche modo ad entrare neli Usa durante gli scontri di domenica, sono stati arrestati. Ora, si trovano in carcere in California.

Redazione Milano


DECINE DI ARRESTI TRA I CLANDESTINI DELLE ORDE SUDAMERICANE ENTRATI IN CALIFORNIA, IL MESSICO INTANTO NE RIMPATRIA 500


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CLANDESTINI   ARRESTI   CONFINE   CALIFORNIA   MESSICO   TRUMP   PRESIDENTE   ARRESTI   POLIZIA   FRONTIERA   RIMPATRI   ORDE   SUDAMERICANI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI PANORAMA)

CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI

mercoledì 19 giugno 2019
L'onorevole leghista e presidente della commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, spiega in una intervista a "Panorama" la 'guerra dei Minibot'. "Il mio primo video sui Minibot e' del 2012.
Continua
 
LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

martedì 18 giugno 2019
Il ministro del Lavoro, nonche' vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, in una intervista a "La Verita'" parla di 'toghe sporche'. "Sconcertante. Sto leggendo come tutti le
Continua
ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI CREARE UNA BAD BANK

ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI

lunedì 17 giugno 2019
Se una notizia del genere avesse riguardato una banca italiana, dalla Bce sarebbe arrivato un allarme rosso con commissariamento dell'istituto di credito, ma trattandosi di una banca tedesca, la Bce
Continua
 
INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA  PORTOGALLO (ECCO I DATI)

INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA

lunedì 17 giugno 2019
L’ormai rantolante commissione ue capitanata da mister “gin” Claude Junker (a proposito, c’è ancora qualche sinistrino che crede davvero che il lussemburghese non abbia
Continua
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PUGNO DI FERRO AUSTRIACO: TURCHI CON LA DOPPIA CITTADINANZA A RISCHIO ESPULSIONE (BASTA IMMIGRATI ISLAMICI IRREGOLARI)

PUGNO DI FERRO AUSTRIACO: TURCHI CON LA DOPPIA CITTADINANZA A RISCHIO ESPULSIONE (BASTA IMMIGRATI
Continua

 
USA AUSTRALIA AUSTRIA POLONIA REPUBBLICA CECA UNGHERIA BULGARIA ISRAELE CROAZIA SLOVACCHIA: NO AL GLOBAL COMPACT ONU

USA AUSTRALIA AUSTRIA POLONIA REPUBBLICA CECA UNGHERIA BULGARIA ISRAELE CROAZIA SLOVACCHIA: NO AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!