68.736.826
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI INTERNAZIONALI FIRMATI FINORA

lunedì 19 novembre 2018

LONDRA - La Svizzera si sa e' il paese in cui si usano spesso i referendum per dare ai cittadini la possibilita' di esprimere la loro opinione in moltissime materie, un esempio di democrazia diretta che e' invidiato in molti, in Europa.

A tale proposito e' interessante notare come uno dei referendum che si terra' il 25 novembre prossimo chiede ai cittadini svizzeri se la legge e la Costituzione svizzera debba prevalere sui trattati internazionali. Su qualsiasi, trattato internazionale. 

Al momento in Svizzera ogni trattato internazionale firmato dal governo ha la precedenza sulla legislazione svizzera, ma se il referendum dovesse passare allora l'adozione da parte della giurisprudenza svizzera di tali trattati non sarebbe automatica ma qualora ci dovessero essere differenze tra tale trattato e la Costituzione svizzera, quest'ultima prevarrebbe e i cittadini saranno chiamati a decidere in un referendum se approvare un determinato trattato oppure no.

Volta per volta, trattato dopo trattato, nulla sarebbe lasciato nelle mani del ceto politico, tutte le volte i cittadini avrebbero il diritto di valutare, approvare o rifiutare ogni singola adesione.

Questo referendum vede contrapposti il governo svizzero, che sostiene l'adozione automatica dei trattati internazionali, contro i promotori del referendum i quali sostengono lo slogan "legge svizzera non giudici stranieri" e uno dei piu' entusiasti promotori e' il partito nazionalista UDC.

Sono in molti a guardare con interesse questo quesito referendario perche' potrebbe creare ulteriori problemi all'Unione Europea.

Infatti, anche se la Svizzera e' fuori dalla UE, essa adotta molte direttive comunitarie in cambio dell'accesso al mercato unico europeo, ma qualora il referendum dovesse passare questo non sara' piu' possibile e ogni direttiva dovra' essere sottoposta a specifico referendum.

La portata di questo cambiamento e' enorme visto che il 33% delle leggi svizzere riflette l'adozione di direttive comunitarie e non a caso la stampa britannica - che riferisce ampiamente la notizia - parla di possibile swissexit.

Al momento non e' chiaro se questo referendum passera', ma e' importante notare come gli svizzeri abbiano la possibilita' di essere consultati su un cambiamento costituzionale cosi' importante al contrario dell'Italia, dove la Costituzione vieta i referendum per decidere sui trattati internazionali.

L'ideale sarebbe quello di cambiare questo articolo della Costituzione ma visto la difficolta' che questo comporta si potrebbe fare pressione sulla UE minacciando di tagliare i fondi che versiamo per mantenere questa istituzione inutile.

La stampa del bel paese ha minimizzato questa notizia del referendum svizzero perche' scomoda ma noi l'abbiamo riportata perche' crediamo che anche in Italia gli italiani debbano essere chiamati a decidere sui trattati internazionali e crediamo anche che la legge italiana debba prevalere su quella internazionale.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI INTERNAZIONALI FIRMATI FINORA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SVIZZERA   REFERENDUM TRATTATI   INTERNAZIONALI   FIRMATI   UE   BRUXELLES   COSTITUZIONE   ITALIA   DIRETTIVE   COMUNITARIE   UCD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA INDAGANDO SU SUO FIGLIO

JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA

martedì 21 maggio 2019
NEW YORK - L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha formalizzato la propria candidatura in vista delle elezioni presidenziali 2020, e appare ad oggi il candidato di punta del Partito
Continua
 
NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA CUI SEI MINORI

NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA

martedì 21 maggio 2019
MIRANDOLA - Due morti, una signora 84enne italiana costretta a letto per le precarie condizioni di salute e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre
Continua
L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI DOVE, MA NON VINCERANNO

L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI

lunedì 20 maggio 2019
MILANO - La bacchetta magica non esiste, e men che meno in mano a chi governa un Paese. Tuttavia, dopo più di un anno dalle elezioni politiche in Italia che hanno decretato la vittoria della
Continua
 
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
 
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,
Continua

 
660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA SANITA' E' DISASTROSA

660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!