71.613.068
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%

lunedì 5 novembre 2018

Ai lacchè nostrani degli oligarchi ue, il periodo dice decisamente male: lo spread rimane stabilmente entro limiti accettabili; la borsa cresce; le banche italiane superano brillantemente gli stress test (a differenza di quelle crucche); i principali giornali economici come Bloomberg, Wall Street Journal e Financial Times approvano la manovra italiana e bocciano senza appello il com-portamento della ue; e, moody’s a parte, le agenzie di rating non declassano l’Italia e anzi, come nel caso di Standard And Poor’s dichiarano apertamente nel loro report che il problema dell’Italia è la permanenza nell’unione monetaria, che ne rappresenta il vero limite allo sviluppo.

Insomma, per i tirapiedi di forzaspread e troikademocratica c’è da uscir matti e difatti non passa giorno che non ringhino offese contro il governo e contro gli elettori rei di continuare a bastonarli ad ogni tornata di voto. D’altra parte, questo è quello che succede ad un cane (partito) quando continua a mordere la gamba e la mano del padrone che gli da da mangiare (il popolo italiano) e fa le feste al vicino che viene a versare i propri escrementi nel giardino di casa (la ue). Prima o poi il padrone gli tira una pedata e lo mette in un angolo.

Come non bastasse, per i fanatici del “dobbiamo fare come fa la Germania”, sono arrivate le sonore scoppole elettorali alla cancelleria e la fantomatica “locomotiva tedesca” ha ormai perso quel miserabile slancio che aveva. Perché dico miserabile? Perché mentre gli USA grazie a Trump cresceranno per fine 2018 tra il 3,5 ed il 4,2% (a seconda delle stime), quello della “potente” Germania, si fermerà ad in miserevole 1,7% secondo, ovvero meno della metà di quanto fatto dagli Stati Uniti del tanto vituperato Trump. 

Non solo. Tutti gli indici di fiducia sono in calo: come testimonia l’IFO, il sentiment delle aziende sulle prospettive future è sceso da 100,9 a 99,8, mentre quello sulla situazione economica è passato da 106,6 a 105,9.

D’altra parte i nodi stanno venendo al pettine: negli ultimi 12 anni il governo Merkel ha tagliato tutti gli investimenti in infrastrutture e manutenzione dei beni pubblici (scuole, strade, ferrovie). Il risultato è che in futuro il governo tedesco si troverà un buco tra i 3.700 ed il 4.700 miliardi di euro.

E non basta: se consideriamo il debito implicito, ovvero quello che tiene conto anche degli impegni futuri, si scopre che la “virtuosa” Germania, ha un rapporto debito/pil del 149%, mentre quello della “sprecona” Italia è del 53%.

Inoltre, l'aggregato debito esplicito + debito implicito dell'Italia è al 57% (dato di Confindustria) ed è molto più basso di quello tedesco che al 149%. E ora tenetevi forte: quello medio eurozona al 266% (con la Francia che ha un debito aggregato del 291% e la Spagna che arriva al 592%). 

Come, come come?

L’Italia ha un debito pubblico implicito+ esplicito pari ad un terzo di quello della Germania e cinque volte meno della media degli stati che usano l'euro e tedeschi e commissione Ue vengono a farci la morale?

Oltre a questo, dobbiamo aggiungere che le politiche mercantilistiche tedesche volte a comprimere i consumi interni per esportare (la cosiddetta politica “deruba il tuo vicino”) sono andate in crisi con l’avvento di Trump che ha deciso di porre un doveroso freno alle politiche predatorie tedesche.

Il risultato è che un colosso come Volkswagen ha visto crollare le proprie quotazioni azionarie da 180 marchi di giugno ai 133,70 del 24 ottobre scorso. Questo crollo è dovuto al fatto che i principali mercati di esportazione hanno visto calare sensibilmente la domanda, mentre i lavoratori tedeschi, grazie alle famigerate riforme “hartz” non possono permettersi nuovi acquisti.

Il grande malato europeo, insomma, non è l’Italia, come vogliono dipengerla i media main-stream nostrani, ma la tanto osannata Germania, che rappresenta la vera bomba ad orologeria in grado di far saltare il sistema economico internazionale.

E dulcis in fundo - si fa per dire, ovviamente - qualche notizia sulle "solidissime" banche tedesche che la Bce non si sogna neppure di guardare da lontano, mentre invece con quelle italiane oltre ai rifletotri puntati notte e giorno, usa anche il microscopio. La principale, attenzione, la più grossa di tutta la Germania, come sapete sio chiama Deutsche Bank. Ebbene, Deutsche Bank, il colosso tedesco è in grande in difficoltà e messo sotto sforzo da uno scenario più severo sui rischi di mercato, ne esce con un Cet1 ‘sul filo’, all’8,14% e cioè al minimo del minimo consentito dalla Bce. Invece la tedesca Norddeutsche Landesbanken sottoposta agli stress test precipita in territorio "catastrofe"(col 7,07%) e giusto per segnalarlo neanche la francese Societé Générale sta bene di salute (7,61%).

Eh, il "problema" per la commissione Ue, la Bce, l'Fmi, l'Osce è l'Italia...

L’Eretico

 

Fonti

https://it.reuters.com/article/topNews/idITKCN1MF1G1-OITTP

https://www.ilmessaggero.it/economia/news/usa_pil-4065790.html

https://scenarieconomici.it/clamoroso-ecco-i-veri-maggiori-debitori-della-ue-da-dati-eurostat-una-verita-scomoda-che-leuropa-nasconde/

https://scenarieconomici.it/vw-in-grossi-problemi-ha-puntato-troppo-sullexport-in-cina/

http://vocidallestero.it/2018/10/03/il-governo-merkel-e-in-un-mare-di-guai/

https://www.soldionline.it/notizie/azioni-italia/stress-test-eba-novembre-2018


INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DEBITO   PUBBLICO   ITALIA   GERMANIA   FRANCIA   SPAGNA   BCE   GOVERNO   COMMISSIONE   UE   OCSE   FMI   USA   TRUMP   IFO   CRISI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SOSPENDE SCHENGEN E RIPRISTINA I CONTROLLI DEI DOCUMENTI ALLA FRONTIERA CON LA SVEZIA. PERICOLO ISLAMICI.

LA DANIMARCA SOSPENDE SCHENGEN E RIPRISTINA I CONTROLLI DEI DOCUMENTI ALLA FRONTIERA CON LA SVEZIA.

lunedì 14 ottobre 2019
LONDRA - Mentre in Italia la coalizione giallorossa ha iniziato a favorire l'invasione da parte di immigrati del Terzo Mondo, per la maggior parte africani, in Danimarca il governo di sinistra ha
Continua
 
CORAGGIOSO SINDACO DI UN PICCOLO COMUNE IN PROVINCIA DI PADOVA DIFFIDA MINISTRA DELL'INTERNO DALL'INVIARE CLANDESTINI

CORAGGIOSO SINDACO DI UN PICCOLO COMUNE IN PROVINCIA DI PADOVA DIFFIDA MINISTRA DELL'INTERNO

giovedì 10 ottobre 2019
E' probabile che la maggior parte degli italiani non conosca il signor Tiberio Businaro. E' il sindaco di un piccolo comune in provincia di Padova, Carceri. E invece dovrebbero stringersi attorno a
Continua
PARTITI NAZIONALISTI IN DECLINO IN EUROPA? BALLE DELLA STAMPA ITALIANA: IN SVEZIA FINLANDIA E DUE TERZI UE SONO PRIMI

PARTITI NAZIONALISTI IN DECLINO IN EUROPA? BALLE DELLA STAMPA ITALIANA: IN SVEZIA FINLANDIA E DUE

lunedì 7 ottobre 2019
A sentire i giornali di regime i partiti nazionalisti dopo aver raggiunto l'apice del loro successo adesso sono in declino ma ovviamente le cose non stanno affatto cosi' ed e' interessante notare gli
Continua
 
M5S & PD ODIANO IL CETO MEDIO E IL GOVERNICCHIO CONTE NE E' LA PROVA: TAGLIO DELLE DETRAZIONI E AGGREDITE LE PARTITE IVA

M5S & PD ODIANO IL CETO MEDIO E IL GOVERNICCHIO CONTE NE E' LA PROVA: TAGLIO DELLE DETRAZIONI E

lunedì 7 ottobre 2019
Il governo camalecontico sta assumendo un colore ben definito: rosso. Per la precisione il rosso del sangue degli italiani, che si troveranno per l’ennesima volta le mani in tasca dal governo
Continua
L'EURO DISTRUGGE L'EUROPA, IL BENESSERE DEI CITTADINI, LE BANCHE (MARK FRIEDERICK E MATTHIAS WEIK, ECONOMISTI)

L'EURO DISTRUGGE L'EUROPA, IL BENESSERE DEI CITTADINI, LE BANCHE (MARK FRIEDERICK E MATTHIAS WEIK,

lunedì 30 settembre 2019
Londra - Nonostante i giornali di regime non facciano che ripetere che l'euro e' stato un grosso successo la realta' e' che la moneta unica e' stata un grosso fallimento e lo dimostra il fatto che
Continua
 
LA LEGA HA PRESENTATO IN CASSAZIONE LA RICHIESTA DI REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO: OTTO REGIONI HANNO VOTATO A FAVORE

LA LEGA HA PRESENTATO IN CASSAZIONE LA RICHIESTA DI REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO: OTTO REGIONI

lunedì 30 settembre 2019
Se quello l'ha chiamato 'Porcellum', questo come lo chiamiamo? "Io lo chiamerei Popolarellum, visto che lo decidera' il popolo". Roberto Calderoli, senatore leghista di lungo corso, grande esperto di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCOPERTO UN PIANO PER UCCIDERE IL NUOVO PRESIDENTE DEL BRASILE, JAIR BOLSONARO CHE INTANTO PREPARA IL SUO NUOVO GOVERNO

SCOPERTO UN PIANO PER UCCIDERE IL NUOVO PRESIDENTE DEL BRASILE, JAIR BOLSONARO CHE INTANTO PREPARA
Continua

 
IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E FERMA L'IMMIGRAZIONE

IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

14 ottobre - I cittadini europei che hanno contribuito all'economia britannica
Continua

MATTEO SALVINI: STOP DEFINITIVO ALL'IPOTESI DI TURCHIA NELLA UE

14 ottobre - ''Chiedo che il governo e l'Unione europea interrompano per sempre
Continua

CRIMI (M5S) QUOTA 100 NON SI TOCCA, RENZI SE LO PUO' SCORDARE.

14 ottobre - ''In questi giorni si fa un gran parlare di Quota 100 e qualcuno -
Continua

AUSTRIA: ANNULLARE PROCESSO DI ADESIONE DELLA TURCHIA ALLA UE.

14 ottobre - VIENNA - ''E' un po 'ironico e assurdo discutere di sanzioni e di misure
Continua

SONDAGGIO: CANDIDATA CENTRODESTRA IN NETTO VANTAGGIO IN UMBRIA

10 ottobre - Donatella Tesei, candidata del centro destra (Lega FdI e FI) appoggiata
Continua

ERDOGAN: ''SE LA UE LA DEFINISCE INVASIONE, LE MANDIAMO 3.6 MILIONI

10 ottobre - L'Europa deve ''svegliarsi'' e, se cerca di definire l'operazione
Continua

LEGA: LA UE BLOCCHI FLUSSO DENARO ALLA TURCHIA, SETTE MILIARDI NON

10 ottobre - ''Oggi i burocrati condannano le azioni militari turche, ma da tempo
Continua

ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE L'EX ASSESSORE DI SEREGNO

10 ottobre - ''L'ex assessore alla Protezione Civile del Comune di Seregno Gianfranco
Continua

PARLAMENTO UE BOCCIA COMMISSARIO FRANCESE GOULARD, DURA SCONFITTA

10 ottobre - Il Parlamento Europeo ha rigettato la candidatura della francese Sylvie
Continua

MAGGIORANZA NON E' ANDATA A CASA SOLO PER TRE VOTI, ALLA CAMERA...

10 ottobre - ''Per soli tre voti la maggioranza ha avuto la possibilita' di approvare
Continua

SONDAGGIO PRESIDENZIALI FRANCESI: 77% ELETTORI PER VOTO DI ROTTURA:

10 ottobre - PARIGI - Oltre tre francesi su quattro, il 77%, sono tentati da un
Continua

BERGOGLIO HA MESSO PIGNATONE A CAPO DELLA ''GIUSTIZIA'' INCHIESTA

10 ottobre - ''La nomina dell'ex procuratore capo di Roma dottor Giuseppe Pignatone a
Continua

LA TURCHIA CHE AGGREDISCE IL POPOLO CURDO E' MEMBRO DELLA NATO.

10 ottobre - ''La tragedia dei curdi siriani e' una tragedia anche europea e
Continua

SINDACO DI GENOVA BUCCI: MOZIONE LEGA SULLA GRONDA ERA BUONA PER

10 ottobre - GENOVA - ''La mozione presentata dalla Lega in Parlamento per la
Continua

SONDAGGIO: LEGA 1° PARTITO, CDX OLTRE IL 47%, SALVINI 1° PER

10 ottobre - Se si votasse oggi la Lega sarebbe il primo partito con il 32,7%,
Continua

SONDAGGIO: PER IL 62% DEGLI ELETTORI IN REDDITO DI CITTADINANZA VA

10 ottobre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, su Raitre, il
Continua

TRACOLLO VERTICALE DELLA PRODUZIONE DI AUTO IN ITALIA: -20,6%

10 ottobre - Forte calo per la produzione di autoveicoli ad agosto: lo rileva
Continua

SALVINI: CONTE E DI MAIO MUTI DAVANTI ALLA GUERRA SCATENATA DA

10 ottobre - Matteo Salvini trova ''preoccupante l'attacco scatenato via Twitter dal
Continua

SALVINI: TUTTA LA MIA SOLIDARIETA' E IL MIO ABBRACCIO ALLA

9 ottobre - ROMA - ''Tutta la mia solidarieta' e il mio abbraccio alla Comunita'
Continua

GIORGIA MELONI: PRETENDIAMO SANZIONI UE ALLA TURCHIA PER

9 ottobre - ''Usa e Ue giustificano sanzioni a Russia come reazione alla violazione
Continua
Precedenti »