69.308.562
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANGELA MERKEL E IL SUO GOVERNO SONO IN BILICO. NEL 2019 POTREBBERO ESSERCI ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA

giovedì 27 settembre 2018

BERLINO - Non solo il governo Merkel è in bilico, anche la stessa Angela Merkel potrebbe uscire presto dalla scena politica. Con la mancata rielezione di Volker Kauder a capogruppo dell'Unione nel parlamento federale tedesco, i deputati dell'Unione cristiano-democratica Cdu e dell'Unione cristiano-sociale Csu hanno inaugurato per molti versi l'ultimo capitolo della governo di Angela Merkel.

Secondo quanto scrive la stampa tedesca oggi, dopo questa sorprendente umiliazione da parte del proprio partito, per Merkel la questione non e' piu' se si dovra' dimettere dal suo incarico di presidente della Cdu e capo del governo, ma quando e come dovra' lasciare la scena politica.

Mai nella storia della gruppo parlamentare dell'Unione il suo presidente era stato eletto contro la volonta' dei leader del partito. La mancata rielezione di Kauder come presidente del gruppo parlamentare dell'Unione solleva quindi seri dubbi sull'effettiva capacita' decisionale di Merkel, nel partito e nel governo.

Senza il sostegno del gruppo dell'Unione, e' infatti a rischio la tenuta della maggioranza che sostiene l'esecutivo. Secondo la stampa tedesca, Merkel si sbaglia nel liquidare il caso Kauder laconicamente come "un'ora di democrazia", in cui ci sono anche sconfitte. La mancata conferma di Kauder a capogruppo dell'Unione potrebbe aver innescato una valanga inarrestabile.

La decisione dei deputati dell'Unione del Bundestag, il parlamento federale della Germania, "non e' un incidente, ma un nuovo inizio voluto, senza Merkel". Il cancelliere ha cronicamente sottovalutato, o deliberatamente ignorato, l'umore irritabile del gruppo negli ultimi mesi. Gia' il caso Maassen aveva dimostrato che Merkel ha perso la percezione dell'umore politico.

Alla fine, Merkel ha dovuto scusarsi per la promozione di Maassen a sottosegretario presso il ministero dell'Interno, poi ritirata. Queste scuse dimostrano chiaramente lo scollamento di Merkel dalla realta'.

"Le preoccupazioni del cancelliere sulla sicurezza interna della Germania a seguito della crisi dei rifugiati sono svanite, cosi' come l'attenzione ai fattori di rischio che potrebbero far perdere terreno all'economia tedesca nella competizione globale".

Mentre altri paesi stanno tagliando le tasse alle aziende e stanno procedendo con la digitalizzazione, la Grande coalizione che governa la Germania sta discutendo di nuovi stanziamenti per l'assicurazione pensionistica. Recentemente, Dieter Kempf, presidente della Federazione dell'industria tedesca, ha messo in guardia il governo dai rischi di uno stallo.

L'immobilismo politico e' un rischio anche per un'economia robusta come quella della Germania. Secondo la stampa tedesca, Merkel non ha molte possibilita' di salvarsi, anche se chiedesse un voto di fiducia e l'ottenesse. Il disagio nel gruppo parlamentare dell'Unione permarrebbe comunque e il cancelliere verrebbe fuori solo come un capo di governo tollerato, quindi debole. Merkel dovrebbe dimettersi di sua volonta' da presidente della Cdu dopo le elezioni in Baviera ed Assia, che si preannunciano difficili per l'Unione. Infatti sono alte le probabilità che vica in entrambe le elezioni l'Afd, della nuova destra tedesca. Al congresso della Cdu a dicembre prossimo, il partito potrebbe scegliere una nuova leadership dopo 18 anni. 

Redazione Milano


ANGELA MERKEL E IL SUO GOVERNO SONO IN BILICO. NEL 2019 POTREBBERO ESSERCI ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   GOVERNO   DIMISSIONI   GERMANIA   UE   ELEZIONI   AFD   DESTRA   TEDESCA   CDU   CSU    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI PANORAMA)

CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI

mercoledì 19 giugno 2019
L'onorevole leghista e presidente della commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, spiega in una intervista a "Panorama" la 'guerra dei Minibot'. "Il mio primo video sui Minibot e' del 2012.
Continua
 
LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

martedì 18 giugno 2019
Il ministro del Lavoro, nonche' vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, in una intervista a "La Verita'" parla di 'toghe sporche'. "Sconcertante. Sto leggendo come tutti le
Continua
ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI CREARE UNA BAD BANK

ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI

lunedì 17 giugno 2019
Se una notizia del genere avesse riguardato una banca italiana, dalla Bce sarebbe arrivato un allarme rosso con commissariamento dell'istituto di credito, ma trattandosi di una banca tedesca, la Bce
Continua
 
INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA  PORTOGALLO (ECCO I DATI)

INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA

lunedì 17 giugno 2019
L’ormai rantolante commissione ue capitanata da mister “gin” Claude Junker (a proposito, c’è ancora qualche sinistrino che crede davvero che il lussemburghese non abbia
Continua
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DANIMARCA: PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (OMOLOGO DEL PD) SULL'IMMIGRAZIONE SI SCHIERA SU POSIZIONI NAZIONALISTE

DANIMARCA: PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (OMOLOGO DEL PD) SULL'IMMIGRAZIONE SI SCHIERA SU POSIZIONI
Continua

 
MARINE LE PEN SUPERA MACRON NEI SONDAGGI PER LE EUROPEE (E INTANTO IL TRIBUNALE RENDE I SOLDI AL RASSEMBLEMENT NATIONAL)

MARINE LE PEN SUPERA MACRON NEI SONDAGGI PER LE EUROPEE (E INTANTO IL TRIBUNALE RENDE I SOLDI AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!