62.109.191
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA FORTI DAZI SU ACCIAIO E ALLUMINIO PER DIFENDERE IL LAVORO AMERICANO, CONTRO LA GLOBALIZZAZIONE

venerdì 2 marzo 2018

WASHINGTON - La decisione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di imporre pesanti tariffe alle importazioni di acciaio e alluminio a tutela dei produttori nazionali e' stata accolta con particolare inquietudine nella regione asiatica: sia per le implicazioni sul piano prettamente economico, dato il grave eccesso di offerta in quell'area che così non troverebbe mercati dove rovesciare l'iper produzione, sia per quelle politiche e geostrategiche, alla luce delle crescenti tensioni commerciali tra Washington e Pechino, ma anche tra gli Usa e uno dei loro principali alleati, la Corea del Sud.

La novita' dell'ennesima misura protezionistica adottata dall'amministrazione Trump, nel contesto della sua politica basata sul "primato americano", e' infatti la ragione ufficiale adottata da Washington. Per la prima volta da oltre 30 anni, sottolineano sulla stampa Usa esperti come Chad Brown, del Peterson Institute for International Economics, la presidenza Usa ha citato esigenza di sicurezza nazionale a giustificazione di misure commerciali protezionistiche.

Tale ragione costituisce, da sola, una sfida senza precedenti alla globalizzazione basata sul libero scambio, dal momento che esprime una ratio del tutto inedita nel contesto dell'ordine economico post-Guerra fredda basato sull'Organizzazione mondiale del commercio. L'amministrazione del presidente Usa, Donald Trump, ha messo in chiaro di essere pronta a sfidare queste norme più o meno consolidate, e lo ha fatto in particolare durante il lungo viaggio di Trump nella regione asiatica, lo scorso novembre, quando Trump ha rigettato in linea di principio l'adesione degli Usa al multilateralismo economico, votandosi alla negoziazione di accordi bilaterali basati sulla reciprocita', ma nel rispetto dell'interesse nazionale dell'economia americana.

Quasi tutte le principali piazze regionali hanno chiuso la giornata di contrattazioni odierna in ribasso. A Tokyo l'indice Nikkei ha chiuso in ribasso del 2,5 per cento, mentre l'indice sudcoreano Kospi ha ceduto l'un per cento, cosi' come l'Hang Seng di Hong Kong. Ha segnato una brusca frenata anche il Sensex indiano, nonostante l'India esporti appena il 2 per cento del suo acciaio negli Usa. Hanno chiuso in deciso ribasso i titoli di produttori di acciaio come la cinese Baoshan Iron & Steel, la sudcoreana Posco e le giapponesi Nippon Steeel e Sumitomo Metal. Uno dei principali problemi del mercato dell'acciaio e' l'eccesso di produzione cinese.

Ufficialmente, i dazi approvati dalla Casa Bianca non hanno alcun destinatario particolare. Il bersaglio, pero', pare essere la Cina, titolare di un enorme surplus commerciale nei confronti degli Usa. Sul piano prettamente economico, i nuovi dazi ad acciaio e alluminio - rispettivamente del 25 e del 10 per cento - colpiscono in maniera assai piu' significativa altri paesi, inclusi stretti alleati degli Usa come la Corea del Sud seppure marginalmente.

L'annuncio dei dazi costituisce pero' soprattutto un inequivocabile messaggio politico, come ha dichiarato oggi al quotidiano "Straits Times" Mei Xinyu, ricercatore del ministero del Commercio cinese. Secondo l'esperto, la tempistica dell'annuncio fa pensare a un tentativo di pressione politica della Casa Bianca su Pechino. Mei sottolinea che stando a un rapporto sulle relazioni commerciali Cina-Usa pubblicato dal ministero del Commercio cinese lo scorso maggio, il valore complessivo delle esportazioni di acciaio cinese negli Usa e' calato del 40,1 per cento a 2,25 miliardi di dollari, e la quota cinese del mercato Usa dell'acciaio e' ormai "relativamente piccola". 

Il dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha annunciato la scorsa settimana l'avvio della quarta indagine anti-dumping a carico della Cina dall'inizio del 2018. Questa volta l'indagine, scattata in risposta alla petizione di Alliance Rubber Company, riguarda le importazioni di elastici in gomma da Cina, Thailandia e Sri Lanka. La Commissione sul commercio internazionale degli Stati Uniti dovrebbe giungere a formulare i primi pareri preliminari prima di marzo 2018. I regolamenti e la normativa attualmente in vigore negli Usa prevedono la prosecuzione delle indagini oltre quella data, nel caso la verifica preliminare riscontri nelle importazioni di gomma la fattispecie di danni indebiti all'industria Usa.

Il dipartimento del Commercio Usa, invece, dovrebbe formulare i propri pareri iniziali in merito all'eventuale imposizione di tariffe nel mese di aprile, e fornire una prima risposta in merito agli eventuali estremi di un caso di dumping entro il mese di luglio. Stando alle statistiche pubblicate dal dipartimento del Commercio Usa, le importazioni di elastici in gomma dalla Cina ammontano a 4,5 milioni di dollari, piu' di quelle da Thailandia e Sri Lanka. 

E la Ue, in questo quadro, che fa?

Il portavoce della Commissione europea ha annunciato che sono "pronte" le contromisure alle tariffe sull'acciaio annunciate dal presidente americano, Donald Trump, ieri. La discussione sulla possibilita' di adottare le contromisure avverra' nel collegio dei commissari mercoledi'. "Siamo pronti a rispondere in modo fermo, rapido e proporzionato", ha detto il portavoce Alexander Winterstein. "La Commissione ha contromisure pronte per ri-bilanciare la situazione", ha spiegato. Inoltre, l'esecutivo comuniatrio "monitorera' il mercato (dell'acciaio) da vicino" e in caso di aumento delle esportazioni Usa e' pronto a prendere altre misure "per preservare la stabilita' del mercato europeo". Infine, la Commissione ha annunciato che intende lavorare con gli altri partner internazionali per portare gli Stati Uniti davanti all'Organizzazione Mondiale del Commercio. "Proteggeremo l'industria europea secondo le regole e in modo efficace", ha detto il portavoce della Commissione.

Redazione Milano


PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA FORTI DAZI SU ACCIAIO E ALLUMINIO PER DIFENDERE IL LAVORO AMERICANO, CONTRO LA GLOBALIZZAZIONE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

USA TRUMP   DAZI   ACCIAIO   ALLUMINIO   UE   LAVORO   DUMPING   CINA   ASIA   INDIA   KOREA   HONG HONG    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA STAMPA TEDESCA: L'ITALIA LASCI L'EURO CON PARZIALE BANCAROTTA O FACCIA LE RIFORME ''CHIESTE'' DALLA UE. TAGLI E TASSE.

LA STAMPA TEDESCA: L'ITALIA LASCI L'EURO CON PARZIALE BANCAROTTA O FACCIA LE RIFORME ''CHIESTE''
Continua

 
I MEDIA INTERNAZIONALI RICONOSCONO LA VITTORIA DI LEGA E M5S PARLANDO DI ''RISCHIO'' PER LA COESIONE UE (ADDIO, RENZI)

I MEDIA INTERNAZIONALI RICONOSCONO LA VITTORIA DI LEGA E M5S PARLANDO DI ''RISCHIO'' PER LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!