63.413.570
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL. L'ALTERNATIVA? LASCIARE LA UE

giovedì 22 febbraio 2018

Uno dei punti principali dei partiti sovranisti riguarda la rinegoziazione degli accordi che reggono la ue e la sua profonda struttura antidemocratica o l’uscita del paese dall’unione medesima, attraverso l’attivazione dell’articolo 50 del trattato europeo.

Di cosa stiamo parlando, in particolare?

In primis dei parametri di Maastricht e soprattutto dell’assurdo vincolo del 3% di rapporto deficit/pil annuo. Si tratta di un vincolo, per stessa ammissione del suo ideatore, privo di qualsivoglia valenza scientifica ed empirica. Conoscete la sua origine?

Nel 1981 venne chiesto dall’allora presidente Mitterand, di trovare un argine all’eccessiva spesa dell’esecutivo d’oltralpe. La patata bollente finì sul tavolo di un oscuro funzionario poco più che trentenne: Guy Abeille, cugino del futuro primo ministro De Villepin. In poco meno di un’ora, e senza alcuno studio sottostante, Abeille, formulò la proposta che il deficit massimo potesse essere del 3% sul pil. La motivazione? Era un numero tondo e suonava bene, facilmente vendibile all’opinione pubblica. Ecco le sue testuali parole: “Mitterrand aveva bisogno di una regola facile da opporre ai ministri che si presentavano nel suo ufficio a chiedere denaro […]. Avevamo bisogno di qualcosa di semplice. Tre per cento? È un buon numero, un numero storico che fa pensare alla trinità” In virtù di questo assurdo, folle “idolo”, l’Italia (e non solo) hanno conosciuto desertificazione industriale, alta disoccupazione, e financo suicidi, oltre che il taglio dei servizi fondamentali.

Qualsiasi persona di buon senso, quindi, dovrebbe semplicemente dare degli incompetenti agli oligarchi della ue ed ai loro padroni franco-tedeschi e infischiarsene.

Un altro parametro che va smantellato, è quello legato al fiscal compact ed al parametro del 60% di rapporto debito/PIL. Più volte abbiamo visto come nazioni con debito pubblico elevato non abbiamo alcun problema di crescita e di occupazione (il Giappone ne è un esempio da manuale, ma non è l’unico caso), mentre nazioni “virtuose” come l’Italia, stiano vivendo una crisi continua. Eh, sì, checché ne dica la stampa prezzolata di regime, l’Italia è un paese virtuoso, in quanto ha da anni ed anni un avanzo primario costante, ovvero spende meno di quanto incassi di tasse, ed il debito cresce esclusivamente in virtù degli interessi da pagare sul debito pubblico.

Questo, perché ha rinunciato ad avere una banca centrale propria che acquisti e quindi mantenga basso il rendimento dei titoli di stato e perché le politiche di austerità per il rientro del debito, provocano NON sviluppo come millantato dai fanatici neoliberisti, ma crisi, deflazione e quindi sottosviluppo.

Per la cronaca, anche i fautori dello studio che affermava che un alto debito pubblico provoca problemi di crescita, hanno dovuto ammettere di aver alterato i risultati delle ricerche per “addomesticarli” alle loro conclusioni: la colpa è stata data ad un errore in una formula di Excel. Capite? La ue sta imponendo  la distruzione del tessuto sociale italiano in virtù di una formula sbagliata in un foglio Excel!

Quindi, se è sbagliato il parametro del 60% di rapporto debito/pil, è ancora più sbagliato pretendere di massacrare i cittadini di tasse e di tagli ai servizi sociali (sanità, scuola, trasporti pubblici) per ridurre il debito entro quella soglia (il famigerato fiscal compact).

Ma se tutti questi parametri sono frutto di scelte quanto meno prive di fondamento logico-scientifico, per non dire truffaldine, appare chiaro che chi li difende ed invoca “più europa” o dice “la nostra casa è l’europa” oppure “non è il momento di uscire dall’euro”, o è in mala fede, o è incapace: in entrambi i casi, se teniamo al futuro dei nostri figli e di noi stessi, non possiamo affidare loro il governo del paese.

Oggi dobbiamo avere il coraggio di denunciare questi trattati e di ridiscuterli e se non si dovesse raggiungere una soluzione di buon senso, prendere in mano il nostro destino e “salutare la compagnia”: lo dobbiamo ai nostri nonni e genitori che hanno fatto grande questo paese e lo dobbiamo ai nostri figli, ai quali non possiamo consegnare un futuro di miseria e privazioni in nome di teorie sballate. 

Luca Campolongo


Fonti

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-01-29/parla-inventore-formula-3percento-deficitpil-parametro-deciso-meno-un-ora-102114.shtml?uuid=ABJHQ0s

https://keynesblog.com/2013/04/18/il-debito-pubblico-deprime-la-crescita-il-clamoroso-errore-di-carmen-reinhart-e-kenneth-rogoff/

https://it.wikipedia.org/wiki/Patto_di_bilancio_europeo

 


VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL. L'ALTERNATIVA? LASCIARE LA UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PIL   UE   TRATTATI   DEBITO   FISCAL   COMPACT   GIAPPONE   LASCIARE   MITTERAND    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL SUD, INDIA E RUSSIA

INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL
Continua

 
BREVE STORIA DI UN EUROBUROCRATE AVIDO E RICCHISSIMO. ESEMPIO DI CHI SIANO DAVVERO GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE

BREVE STORIA DI UN EUROBUROCRATE AVIDO E RICCHISSIMO. ESEMPIO DI CHI SIANO DAVVERO GLI OLIGARCHI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SALVINI: MANOVRA CORAGGIOSA ED ESPANSIVA. LO CHIEDONO GLI

23 settembre - ''In queste ultime settimane ho avuto modo di fare alcune chiacchierate
Continua

ATTILIO FONTANA: SIAMO IN GRADO DI FARE LE OLIMPIADI 2026 BENE E

22 settembre - ''Noi abbiamo dato la disponibilita' e non abbiamo nessun problema.
Continua

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua
Precedenti »