63.964.072
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL COMMISSARIO UE AVRAMOPOULOS (ALLE MIGRAZIONI) SOTTO INCHIESTA CON ALTRI 10 LEADER POLITICI GRECI PER CORRUZIONE

mercoledì 7 febbraio 2018

ATENE - L'invio del fascicolo d'inchiesta su gravissimi casi di corruzione dalla procura della Corte suprema di Atene al Parlamento greco, che coinvolgerebbero dieci tra ex premier e ministri greci e la casa farmaceutica Novartis, ha generato una spirale di dichiarazioni e polemiche sia all'intero dell'opinione pubblica nazionale che a livello europeo. E promette di terremotare anche la Commissione europea.

Tra i nomi contenuti nel fascicolo d'inchiesta, infatti, c'è anche quello dell'attuale commissario Ue per le Migrazioni gli affari interni e la cittadinanza, Dimitris Avramopoulos, che nel periodo 2006-2009 ricopriva in Grecia l'incarico di ministro della Sanita' e dalla Solidarieta' sociale, sotto il governo guidato dall'allora premier di Nuova democrazia (Nd) Kostas Karamanlis. Avramopoulos ha esortato oggi le autorita' locali a fare luce sul quello che ha definito "il presunto scandalo di tangenti" - che lo riguarda direttamente - sottolineando che le accuse contro di lui sono "politicamente motivate".  Insomma, Avramopoulos invosa il famigerato "fumus persecutionis" tanto caro agli onorevoli corrotti italiani, e cioè la tesi che i giudici ce l'hanno con lui per ragioni politiche e non perchè hanno prove tonanti che è un corrotto.

In una dichiarazione ripresa oggi dal quotidiano di Atene "Kathimerini", Avramopoulos ha affermato che l'ipotesi di reato, in base al quale la casa farmaceutica svizzera Novartis avrebbe pagato somme ingentissime per ottenere un trattamento preferenziale dal governo greco di cui lui era ministro, "non e' comprovato" e "pieno di buchi". Secondo Avramopoulos, "e' molto chiaro che questa e' una trama senza precedenti, che non starebbe in piedi in nessun altro paese dell'Unione europea", ha detto l'attuale commissario Ue. "Solo menti malate potrebbero evocare questo" scenario e "provarlo", ha aggiunto. Già, menti malate...

L'affaire Novartis e' "una delle espressioni piu' estreme di corruzione, il risultato del piu' antico sistema politico dominante in Grecia", ha detto oggi il ministro dell'Interno greco, Panos Skourletis, in un'intervista alla radio dell'agenzia di stampa "Ana-Mpa". Skourletis ha inoltre risposto agli attacchi dell'opposizione, secondo cui il caso sarebbe una "persecuzione politica" resa nota da esponenti del governo, sottolineando che lo scandalo non era stato rivelato dalle fonti greche, poiche' molti dei dati provenivano da autorita' straniere. "Il caso deve procedere in modo che le responsabilita' vengano accertate", ha affermato il ministro. L'ex vicepresidente di Novartis Grecia, Konstantinos Frouzis, ha definito il caso come una "farsa grossolana", chiedendo che il fascicolo venga reso pubblico. "Questa fiera del falso che abbiamo vissuto nei giorni scorsi presto si concludera'", ha scritto oggi Frouzis su proprio profilo Facebook mercoledi'. "Non permettero' a nessuno di offuscare la mia lunga carriera professionale", ha aggiunto Frouzis. 

Ma i fatti parlano chiaro:  il fascicolo d'inchiesta sul colosso farmaceutico Novartis, arrivato ieri in Parlamento e attualmente secretato, conterrebbe, secondo quanto riportato dalla stampa greca, prove di pagamento di tangenti pari a circa 50 milioni di euro. Secondo quanto trapelato, il fascicolo contiene la testimonianza di 20 persone, tra cui quella di tre testimoni sotto protezione su numerose mazzette elargite tra il 2006 e gli inizi del 2015.

Tra i nomi citati nel fascicolo, oltre a quello di Avramopoulos, quelli degli ex primi ministri della Grecia Antonis Samaras (nel periodo compreso tra il 20 giugno del 2012 sino al 26 gennaio 2015) Panagiotis Pikrammenos (premier dal 16 maggio 2012 al 20 giugno 2012), Andreas Loverdos che e' stato ministro della Sanita' tra il settembre del 2010 e il maggio del 2012, Andreas Lykourentzos che gli subentro' nell'incarico ricoprendolo sino al giugno del 2013; Marios Salmas, vice ministro della Sanita' nel periodo compreso tra il 22 giugno del 2012 sino allo stesso mese del 2013; Adonis Georgiadis vice ministro della Sanita' tra il giugno del 2013 e lo stesso mese del 2014; Yannis Stournaras, attualmente governatore della Banca di Grecia, ma indagato nel periodo tra il luglio 2012 sino al giugno 2014 quando ricopriva l'incarico di ministro delle Finanze; Evangelos Venizelos ministro delle Finanze tra il giugno del 2011 e il marzo del 2012 e vice premier tra il giugno 2013 e il gennaio del 2015. Giorgos Koutroumanis ministro del Lavoro e del Welfare tra il giugno 2011 e il maggio 2012.

Tutta questa nomenclatura ha governato la Grecia sotto l'ombrello della Ue e il controllo della Troika. Rappresenta i vertici di quei governi che hanno applicato i diktat provenienti da Bruxelles e ispirati dalla Germania. E sono una colossale macchina di corruzione. 

Il fascicolo contiene anche le accuse formulate dagli ex ministri del Pasok oggi esponenti della Coalizione democratica, Andreas Loverdos, Evi Christofilopoulou e Vasilis Kegkeroglou, sulla mancanza di prezzi per i farmaci all'inizio del 2015. I pubblici ministeri indagano anche su casi di riciclaggio di denaro che coinvolgerebbero anche medici, intermediari e altri individui. Secondo gli inquirenti, il danno erariale per lo stato greco ammonterebbe a circa 23 miliardi di euro, a seguito delle attivita' illecite condotte da Novartis. 

Da notare che l'attuale Governatore della Banca di Grecia - oggi sotto inchiesta per corruzione - ha ottenuto l'incarico solo dopo il benestare della Bce e quello ovviamente del suo Governatore, Mario Draghi.

Redazione Milano


IL COMMISSARIO UE AVRAMOPOULOS (ALLE MIGRAZIONI) SOTTO INCHIESTA CON ALTRI 10 LEADER POLITICI GRECI PER CORRUZIONE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

AVRAMPUOLOS   GRECIA   UE   COMMISSIONE   BRUXELLES   CORRUZIONE   NOVARTIS   TANGENTI   MILIONI   EURO   MILIARDI   DANNI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua
PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI VERTICI DELLA SOCIETA'

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI

mercoledì 10 ottobre 2018
AVELLINO - Fu una strage immane, che precedette il massacro del ponte di Genova di cinque anni, ma con un bilancio di morti terribilmente simile. Ora, si è arrivati alla fine del processo con
Continua
 
DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO DI DESTRA IN GERMANIA

DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO

martedì 9 ottobre 2018
MONACO DI BAVIERA - Le elezioni nei land tedeschi non sono mai un evento locale, figuriamoci se questa volta alle urne va la potente e popolosa Baviera. Nove milioni di elettori bavaresi sono
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NIGEL FARAGE VA IN IRLANDA PER FAR NASCERE UN PARTITO SIMILE ALL'UKIP CON L'OBBIETTIVO DELL'IREXIT (GRANDI CONSENSI!)

NIGEL FARAGE VA IN IRLANDA PER FAR NASCERE UN PARTITO SIMILE ALL'UKIP CON L'OBBIETTIVO DELL'IREXIT
Continua

 
FACEBOOK SOTTO ACCUSA DELLA COMMISSIONE ''DIGITALE E MEDIA'' DEL PARLAMENTO BRITANNICO: IMPEDISCE LA LIBERTA' DI SCELTA

FACEBOOK SOTTO ACCUSA DELLA COMMISSIONE ''DIGITALE E MEDIA'' DEL PARLAMENTO BRITANNICO: IMPEDISCE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!