63.317.471
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

venerdì 10 novembre 2017

Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse provenienze e aspirazioni, dal laureato con master e il manager, al giovane in cerca di qualsiasi occupazione, purché sia lavoro, a intere famiglie che si mettono in viaggio sperando di trovare un modo degno di sbarcare il lunario.

Un flusso composito, caratterizzato da crescente precariato, che toglie risorse umane e competenze all'Italia e sottrae diritti e tutele ai nuovi emigrati italiani. E che quindi va gestito con nuovi strumenti e nuove capacità istituzionali nel mondo dell'associazionismo. Questo il quadro descritto e discusso oggi a Roma al convegno "Emigrare in tempo di crisi: necessità, opportunità. Più diritti, più tutele" promosso dal Faim, il Forum delle associazioni italiane nel mondo, che raccoglie le maggiori federazioni italiane ed estere in rappresentanza di oltre 1.500 associazioni nel mondo. E che oggi prende atto del fatto che l'esodo in corso è un fenomeno complesso - una "nebulosa", è l'immagine usata da Enrico Pugliese, il coordinatore del comitato scientifico Faim - che difficilmente sarà fermato dal relativo miglioramento delle dinamiche economiche italiane.

I NUMERI

In base ai dati dell'Aire (Anagrafe Italiani residenti all'estero) gli italiani che vivono all'estero nel 2006 erano poco più di 3 milioni e oggi sono cinque milioni circa.

Ma i dati reali sono molto più alti, hanno spiegato oggi gli intervenuti al convegno Faim, perchè "non tutti si registrano all'Aire", ha evidenziato Giuseppe Tabbì del Consiglio direttivo Faim, Acli Baden-Wuttenberg". In Germania, ad esempio, a fronte dei 17.299 italiani emigrati recensiti dall'Istat nel 2015, l'istituto equivalente tedesco ne stimava 57.171. Una dinamica riscontrata in tutti i Paesi che sono le principali mete della nuova emigrazione.

CHI SONO I NUOVI EMIGRATI

Sono "una nebulosa" che contiene di tutto: giovani altamente scolarizzati, ma anche - e sempre di più - persone senza titoli o particolari competenze, intere famiglie che cercano nuove prospettive lavorative, oppure anziani attratti da costi o condizioni di vita più gestibili. Pugliese ha portato come esempio "il paradosso della Lombardia", che oggi è la principale regione di emigrazione italiana. "Da questa regione partono al contempo giovani altamente qualificati, spesso destinati ad occupazioni qualificate, ma accanto a loro sono partiti, così come avvenuto anche in Veneto, giovani e meno giovani operai che hanno perso il loro lavoro in settori industriali negli anni della crisi", ha spiegato.

Insomma c'è il giovane che ha fatto l'Erasmus e vuole continuare a vedere come va all'estero, c'è chi varca la frontiera in cerca di un nuovo stile di vita, magari con in tasca una laurea della Bocconi, ma c'è anche chi parte per disperazione.

LE PRINCIPALI METE

I Paesi principali mete del nuovo flusso di emigranti italiani sono la Germania, ma anche l'Inghilterra, la Francia, la Svizzera e in parte la Spagna e pure il Belgio. In pratica "in grande misura i Paesi delle grandi migrazioni intra-europee del dopo guerra" ha sottolineato Pugliese del comitato scientifico Faim. "Si tratta di un fenomeno interno all'Unione, accelerato dalle politiche di apertura nei confronti degli altri europei, realtà messa in discussione dalla Brexit. E poi c'è l'Australia".

L'ASSOCIAZIONISMO

Le associazioni sono sempre meno frequentate dagli "italiani nel mondo", da una parte perché si tratta di una emigrazione sempre più "individuale", è stato rilevato, e poi perché, in particolare i giovani, si associano in modo decisamente diverso da quanto accadeva in passato, preferendo i social network, che offrono legami e frequentazioni più effimeri, ma più immediati. Per questo, ha evidenziato Mattero Bracciali, responsabile internazionale Acli, "la rete associativa che abbiamo oggi andrà in esaurimento" e "vanno trovate alcune forme, anche organizzative, che permettano di stare dentro le nuove realtà".

Addio circolo dove si gioca a carte. I nuovi emigranti arrivano agli sportelli delle associazioni all'estero per chiedere contatti con gli istituti esteri, i giovani si danno appuntamento su Facebook, le famiglie arrivano con indirizzi di amici di loro amici. Quindi, ha suggerito Bracciali, "la questione oggi è anche come costruire una emigrazione solidale, cosa persa con le grandi migrazioni del passato". 

E mentre due milioni di italiani sono scappati all'estero per cercare lavoro e dignità progessionale, che hanno fatto i governi italiani? Hanno imbarcato mezzo milione di africani analfabeti, senza alcuna qualifica professionale, senza alcun sapere linguistico, tutti in Italia e per di più mantenuti di vitto alloggio e denaro contante dallo stato per volere dei governi Pd di questi anni. Opportunità che gli italiani andati all'estero ovviamente non hanno mai avuto, dall'Italia.

Redazione Milano


DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   MIGRANTI   EMIGRATI   ESTERO   EUROPA   UE   GERMANIA   GRAN   BRETAGNA   AIRE   LONDRA   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua
SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL  LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA CONCRETA FELICITA'

SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA

domenica 16 settembre 2018
"Hanno capito che il loro tempo e' finito, stanno tornando i valori veri che non sono la finanza ma il diritto alla vita, al lavoro, alla sicurezza alla felicita' ad avere piedi piantati per terra.
Continua
 
MEGA BOOM DEL LAVORO IN GRAN BRETAGNA: MOLTE PIU' LE RICHIESTE DEL MERCATO DEI CANDIDATI DISPONIBILI (COME NELLA UE...)

MEGA BOOM DEL LAVORO IN GRAN BRETAGNA: MOLTE PIU' LE RICHIESTE DEL MERCATO DEI CANDIDATI

sabato 15 settembre 2018
LONDRA - La stampa italiana non perde mai l'occasione per lanciare falsi allarmi sulla Brexit, nel timore che anche l'Itala segua la via intrepresa dal Regno Unito, e parallelamente censura ogni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO
Continua

 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

L'UNGHERIA SI RIBELLA E RIGETTA LA CONDANNA UE: ACCUSE INGIUSTE E

18 settembre - BUDAPEST - L'Ungheria si ribella all'aggressione Ue. Il Parlamento
Continua

LE MONDE SI ACCORGE CHE MARINE LE PEN POTREBBE VINCERE LE ELEZIONI

18 settembre - Sottovalutare il peso politico della presidente del Rassemblement
Continua

SALVINI: EFFICACE PRIMO UTILIZZO DEL TASER. COMPLIMENTI ALLE FORZE

18 settembre - Primo utilizzo del Taser. È successo ieri sera a Reggio Emilia, quando
Continua

VERTICE DI SALISBURGO SUI MIGRANTI SARA' L'ENNESIMO BUCO NELL'ACQUA

18 settembre - BRUXELLES - Al vertice di Salisburgo il premier Giuseppe Conte
Continua

MASTURBARSI IN PUBBLICO NON E' PIU' REATO, LO DECISE IL GOVERNO PD

18 settembre - ''Masturbarsi in pubblico non e' piu' reato, come deciso dal governo di
Continua

ESPULSO MAROCCHINO CHE INNEGGIA ALLE STRAGI ISLAMICHE IN SPAGNA

17 settembre - Un marocchino di 32 anni e' stato espulso per motivi di sicurezza dello
Continua

MINISTRO TRIA: IL PROCESSO DI DISGREGAZIONE DELLA UE NON VIENE

17 settembre - ''Il processo di disgregazione europea non viene dall'Italia ma dal
Continua

WEIDMANN: BENE SALVATAGGIO STATALE DELLE BANCHE TEDESCHE (VIETATO

17 settembre - ''La crisi finanziaria e' stata anche una crisi tedesca'' nella quale
Continua

RITORNA LA NAVE ONG ''AQUARIUS'' (CAMBIATO NOME E BANDIERA): VETO

17 settembre - ''La nave Ong Aquarius 2 questa mattina in navigazione a Sud della
Continua

TAJANI: NESSUN ACCORDO SUI NOMI RAI NELL'INCONTRO

17 settembre - ''Non si e' parlato di Rai, non c'e' nessuno accordo sui nomi. A noi
Continua
Precedenti »