65.610.897
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI SCHIANTATO SU BANKITALIA, REFERENDUM COSTITUZIONALE E REFERENDUM SULL'AUTONOMIA. CALDEROLI: ''FERMATE IL PAZZO!''

venerdì 27 ottobre 2017

Lo strappo, che in realtà è molto più di uno strappo, c'e' e va oltre il dissenso "rispettoso" lasciando sul campo di battaglia della nomina del nuovo Governatore di Bankitalia più morti che feriti, politicamente parlando. Sul terreno rimane una scia di tensioni, che hanno portato ai minimi termini i rapporti tra Paolo Gentiloni e alcuni dirigenti dem, primo dei quali Renzi.

Si provera' a ricucire subito, questo fine settimana, quando il premier, accolto (col pugnale in tasca) da Matteo Renzi, salira' sul palco della conferenza programmatica del Pd a Napoli, dove il segretqrio più divisivo che la storia sempre tormentata di questo partito e dei sui predecessori ricordi, proverà a invertire la tendenza che ha visto, da Prodi a Napolitano, fino all'addio di Pietro Grasso di ieri fatto sbattendo letteralmente la porta, sempre piu' "big" del Pd prendere le distanze da Renzi.

Ma la rottura sulla conferma di Visco al vertice di Bankitalia, che ha visto il premier imporsi sul segretario, rischia di non restare un caso isolato. Perche' Renzi ha dismesso i panni zen per la modalita' d'attacco a lui piu' congeniale, attacco sgangherato, inconcludente e sempre più solitario.

Gentiloni, assicurano dal governo, non tradira' la linea che si e' dato, ovvero non darà le dimissioni, come piacerebbe a Renzi e continuera' a "surfare" nelle acque agitate di fine legislatura, mediando fino all'ultimo, per portare a casa il risultato della legge di bilancio, ma certamente non dello ius soli, che condannerebbe il suo governo alla sfiducia e all'immediata caduta.

Nelle commissioni, dicono dal Senato, il Pd e' gia' abituato a fare a meno di Mdp e non verra' certo rifiutato il soccorso di Verdini: nessun passaggio e' scontato, ma la manovra - e' la convinzione - arrivera' in porto senza grossi scossoni. Una mediazione, raccontano fonti di governo, Gentiloni l'ha tentata fino all'ultimo anche su Banca d'Italia, nonostante da giorni ormai i renziani considerassero scontata la conferma di Visco.

Si e' tentato, riferiscono piu' fonti, di cercare altre strade, incluso il nome di Fabrizio Saccomanni, ben accolto in Bankitalia. Ma alla fine ha prevalso la linea del rinnovo di Visco, condivisa dal Quirinale in una logica di tutela dell'autonomia di Bankitalia e soprattutto voluta da Mario Draghi che vuole mantenere nel vertice della Bce un alleato di ferro qual è Visco. Probabilmente è per questo, che Gentiloni ha preso la prima decisione di rottura con Renzi.

Non e' la prima volta, racconta in realta' il segretario, pur ribadendo amicizia e stima per Gentiloni, che c'e' stata divergenza tra Chigi e il Nazareno, ma ogni volta le tensioni sono state tenute sotto traccia in nome dell'unita'. Questa volta no, perche' il tema delle banche viene ritenuto fondamentale da Renzi anche in vista della campagna elettorale. Ed è tuttavia paradossale questa linea di Renzi su Bankitalia e Visco, perchè i disastri di Mps - provocati da vertici tutti nominati dal Pd - i disastri di Banca Etruria & sorelle fallite, trasformati in una catastrofe per decine di migliaia di risparmiatori letteralmente rapinati dal "decreto salva-banche" (cioè salva banchieri) è altro "merito" di Matteo Renzi presidente del Consiglio. Quindi, Renzi è al di là di ogni dubbio il vero e unico responsabile di quanto di peggio è accaduto nel settore bqncario italiano in questi anni, e che ora si vesta dei panni del paladino di chi ha perso tutto, essendone lui il responsabile, è a dir poco grottesco.

E così i parlamentari piu' vicini a Renzi in commissione d'inchiesta sulle banche porteranno avanti la linea dura, senza risparmiare nessuno, dicono senza temere il ridicolo: dal riconfermato governatore, che sara' audito a breve, fino alla Consob di Giuseppe Vegas, che e' in scadenza e sulla cui sostituzione si e' gia' aperta sotto traccia una nuova partita.

Intanto, pero', la linea d'attacco decisa da Renzi su ogni singolo tema, dalle banche fino alle pensioni, non aiuta - sottolineano i dirigenti non-renziani del Pd - in quell'opera di ricomposizione necessaria in vista di elezioni che vedranno di nuovo in campo le coalizioni. Piuttosto, il contrario.

"La destra una coalizione ce l'ha gia', noi no", non si stancano di ripetere da Andrea Orlando a Dario Franceschini, abili navigatori dei canali sotterranei del Pd. Lo stesso segretario, assicurano i renziani, ne e' consapevole: cerchera' di allargare il piu' possibile il dialogo a sinistra, come dimostra l'aver citato il nome di Pisapia tra i suoi interlocutori, nel giorno del via libera al Rosatellum, ma è un'altra uscita priva di contenuto politico, dato che non è più Pisapia il punto di mediazione con la numerosa componente di Pdp.

E se i renziani danno per impossibile un'alleanza elettorale con Mdp, all'appello delle sconfitte di Renzi manca - solo perchè il voto non c'è ancora stato, la brutale legnata delle elezioni siciliane, sulle quali grava come un macigno di svariate tonnellate di peso politico sul Pd un nome simbolo come Pietro Grasso che si è dimesso dal Pd renziano un minuto dopo il voto di fiducia al Senato sulla legge elettorale.

E' bene sapere che i renziani su Pietro Grasso esprimono giudizi che dir negativi e' poco: "Ci fa la guerra da anni - dice un dirigente - ora vuole giocarsi la partita dentro Mdp, ma dopo aver bruciato Pisapia bruceranno anche lui". Ma la sensazione, ammettono in casa Dem, e' di un altro pezzo di sinistra che se ne va. 

Vista con gli occhi delle opposizioni, la situazione del Pd guidato da Renzi è diventata ormai "imbarazzante". Lo ha detto a chiare lettere Roberto Calderoli nel suo intervento sul voto di fiducia sulla legge elettorale a Palazzo Madama: "Dopo avere perso il referendum costituzionale, dopo avere fatto invadere l'Italia da masse di disperati africani senza alcun diritto di soggiorno nella Ue, dopo avere subito anche l'utlimo schiaffo del sucesso dei due referendum sull'autonomia di Veneto e Lombardia sui quali ha remato contro fin dal primo giorno, dopo tutto questo, adesso Renzi sta distruggendo lo stesso partito di cui è segretario. Fermate il pazzo!".

E Calderoli ha concluso: “Ve lo dico da amico: fermate il pazzo. Ha distrutto il partito e oramai e’ rimasto solo un giovane e vecchio segretario democristiano".

Redazione Milano 


RENZI SCHIANTATO SU BANKITALIA, REFERENDUM COSTITUZIONALE E REFERENDUM SULL'AUTONOMIA. CALDEROLI: ''FERMATE IL PAZZO!''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   REFERENDUM   AUTONOMIA   ITALIA   DRAGHI   VISCO   BANCHE   MPS   ETRURIA   BCE   LEGGE   ELETTORALE   ROSATELLUM   GRASSO   DIMISSIONI   GENTILONI  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la
Continua
 
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un
Continua
DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA

martedì 11 dicembre 2018
BERLINO - Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l'aveva prevista, sparata dal chi l'aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: "La
Continua
 
L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille".
Continua
IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo
Continua
 
ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA SBAGLIATA LA UE HA TORTO''

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA

martedì 4 dicembre 2018
"Insistere con le politiche di austerity e' la strada sbagliata. A maggior ragione quando un Paese sta rallentando la sua crescita deve spendere molto, mettere soldi nelle tasche dei cittadini e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!