57.484.727
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: ''LA UE NON HA IMPARATO NULLA DALLA BREXIT: AVANTI COSI' E ALTRI STATI LASCERANNO L'UNIONE''

giovedì 14 settembre 2017

NEW YORK - Il Wall Street Journal, principale quotidiano economico mondiale, dedica un duro editoriale pubblicato oggi in prima pagina al discorso sullo stato dell'Unione europea del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker.

"Nel corso del suo intervento, ieri, Juncker ha illustrato le linee guida del piano di auto-riforma dell'Unione europea dopo l'uscita del Regno Unito - scrive il quotidiano economico statunitense - ma c'e' da chiedersi se l'obiettivo di Bruxelles sia quello di spingere anche gli altri paesi ad andarsene".

"Anziche' concentrarsi sugli aspetti dell'Unione che hanno davvero veicolato prosperita' nel Vecchio continente - accusa il Wall Street Journal - Juncker ha promesso di riformare l'Ue secondo modalita' che non faranno rimpiangere a Londra la decisione di andare per la sua strada. Alcuni passaggi dell'intervento tenuto dall'ex premier lussemburghese - ammette l'editoriale - potrebbero suscitare l'invidia di Londra: ad esempio la decisione di rispolverare i moribondi negoziati commerciali con Australia e Nuova Zelanda, che assieme a quelli con Messico e America Latina costituiscono una strategia intelligente per tentare di arginare gli impulsi protezionistici provenienti da Washington". 

"Ma sono facezie complessivamente irrilevanti. Gran parte delle priorita' delineate da Juncker lasciano perplessi. il presidente della Commissione europea si e' piegato alle pressioni di Francia e Germania di concedere piu' potere a Bruxelles per bloccare gli investimenti stranieri nell'Ue, specie da parte delle compagnie cinesi. Se Londra evitera' misure analoghe, quella delineata da Juncker si trasformera' a tutti gli effetti in una clausola pro investimenti nel Regno Unito".

"Juncker vuole anche reinterpretare i trattati europei per consentire all'Unione maggiori poteri decisionali in materia di tassazione e affari esteri, da assumere tramite voti a maggioranza qualificata, e non tramite l'accordo unanime dei paesi membri".

Secondo il Wall Street Journal: "cio' darebbe a Francia, Germania e Italia briglia sciolta per imporre il loro modello ad alta tassazione a paesi piu' piccoli come Irlanda, Paesi bassi e il Lussemburgo di Juncker. Sarà un vero e proprio boomerang".

"La competizione fiscale da parte dei paesi europei piu' piccoli - sottolinea il quotidiano statunitense - e' uno dei principali motori di riforma fiscale per le grandi economie: un motore che rischia di sparire se la visione presentata da Juncker si trasformera' in realta'. Le mosse auspicate dal politico lussemburghese libererebbero Parigi e Berlino dalla necessita' di competere tramite le aliquote fiscali o una limitazione della spesa".

"Quanto invece  all'idea di introdurre il voto a maggioranza qualificata - secondo l'editoriale - preannuncia discussioni tossiche su questioni di politica estera come la risposta alle crisi mediorientali o la gestione delle relazioni con la Russia. L'intervento di Juncker - conclude il Wall Street Journal - e' stato una opportunita' sprecata di riorientare l'Ue verso l'obiettivo della competitivita' economica, restituendo agli Stati membri margini decisionali in materia di spesa e immigrazione".

"Se questa sarà la Ue, è molto probabile che una serie di stati seguano la Gram Bretagna verso l'abbandono dell'Unione".

Redazione Milano


WALL STREET JOURNAL: ''LA UE NON HA IMPARATO NULLA DALLA BREXIT: AVANTI COSI' E ALTRI STATI LASCERANNO L'UNIONE''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
 
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua
IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI AGLI ITALIANI POVERI

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI

mercoledì 14 febbraio 2018
IMOLA - Imola assunta ad esempio del razzismo contro i cittadini italiani praticato dal Pd. "Nel 2017 nel Comune di Imola ben il 70% delle case popolari sono state assegnate a cittadini stranieri: di
Continua
 
SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO, LA GERMANIA!

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO,

martedì 13 febbraio 2018
LONDRA - La domanda è molto semplice: qual e' il paese europeo che viola piu' norme comunitarie? Molti diranno che e' l'Italia e cosi facendo commetterebbero un colossale
Continua
NUMERI DELL'INVASIONE AFRICANA SONO ENORMI E IN PIU' 43.000 SI SONO DATI ALLA LATITANZA PREVENTIVA COME I KILLER MAFIOSI

NUMERI DELL'INVASIONE AFRICANA SONO ENORMI E IN PIU' 43.000 SI SONO DATI ALLA LATITANZA PREVENTIVA

martedì 13 febbraio 2018
Nel nostro Paese, l'italia,  le persone scomparse ancora da rintracciare sono 52.990, delle quale solo 9.380 sono italiani, mentre  43.610 sono stranieri, la stragrande maggioranza
Continua
 
INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL SUD, INDIA E RUSSIA

INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL

venerdì 9 febbraio 2018
I media di regime in questi giorni stromabazzano i “prodigiosi” risultati della crescita del PIL italiano e delle nazioni della zona euro. Dati, secondo loro, splendidi, tali da far
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NORVEGIA VIRA A DESTRA: DOPO 30 ANNI VINCE DI NUOVO IL CENTRODESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICO E ANTI MIGRANTI

NORVEGIA VIRA A DESTRA: DOPO 30 ANNI VINCE DI NUOVO IL CENTRODESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICO E
Continua

 
CAOS AFRICANI: SPAGNA SCHIERA L'ESERCITO, BARCONI BLOCCATI IN MARE DA MILIZIE, POLONIA MINACCIATA DI ESPULSIONE DALLA UE

CAOS AFRICANI: SPAGNA SCHIERA L'ESERCITO, BARCONI BLOCCATI IN MARE DA MILIZIE, POLONIA MINACCIATA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!