62.116.485
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA ESPLOSIVA DEL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG SULLA LIBIA: RAPPORTI TRA MILIZIE ISLAMICHE, ISIS E ITALIA

martedì 5 settembre 2017

La stampa tedesca con il suo principale quotidiano, il Frankfurter Allegemeine Zeitung, vuole vederci chiaro, sull'improvviso blocco degli africani in Libia che ora non partono più verso l'Italia e oggi la FAZ pubblica in prima pagina un vasto - quanto spaventoso - reportage.

"Il Sindaco di Sabratha, Odio Dhawadi, e' tra i non entusiasti dell'accordo raggiunto con i leader delle milizie della sua citta' per rallentare il flusso di migranti verso l'Italia: "Noi non accettiamo questo accordo, non ne faremo parte", ha annunciato. Secondo l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) tra il 1° e il 30 agosto, solo 3.892 i migranti sono sbarcati in Italia dopo aver attraversato il Mediterraneo. Un anno fa erano 21.294. A determinare questo improvviso crollo degli sbarchi, sarebbe stato proprio un accordo raggiunto dall'Italia con le milizie che operano nelle regioni costiere della Libia occidentale".

L'articolo così inizia a spiegare che sta accadendo in Libia, cosa che invece disinteressa completamente la grande stampa italiana, che in tutta evidenza non vuole attenzione su una questione che metterebbe in estrema difficoltà il Pd.

"L'accordo pare funzionare - scrive ancora il Frankfurter Allgemaine Zeitung - ma il fatto stesso che l'Italia vi sia dovuta ricorrere e' il sintomo di quanto essa stessa e l'Europa siano sotto pressione".

Il quotidiano tedesco sottolinea "la debolezza intrinseca del principale interlocutore dell'Italia e dell'Ue in Libia, il premier sostenuto dall'Onu Fayez al Sarraj, la cui autorita' e' minata da milizie, signori della guerra e soprattutto dal generale Khalifa Belgasim Haftar, capo dell'Esercito del governo rivale nella Libia orientale e interlocutore di Egitto, Russia e Francia".

"Le sue milizie dominano le strade, controllano importanti impianti petroliferi e le vie di trasporto. Stringono accordi di comodo, ora con l'uno ora con l'altro. L'economia del paese e' ferma al palo, soffocata dal proliferare del mercato nero e del contrabbando. Quest'ultimo a Sabratha e' dominato da Ahmed Dabashi, detto Ammu, i cui uomini sono a guardia delle istallazioni petrolifere e di gas ad ovest di Sabratha, progetto congiunto quest'ultimo della compagnia petrolifera del Governo libico e della societa' italiana Eni".

In sostanza il Frankfurter Allegemeine Zeitung sta accusando l'Eni di utilizzare milizie paramilitari di Haftar per il controllo degli impianti petroliferi in Libia.

"La famiglia Dabashi  - continua la FAZ - e' in contatto con l'Onu e con i leader dello Stato islamico. Ammu controlla anche la "Brigata 48", coinvolta nel traffico di merci, armi e persone. Entrambe le milizie sono formalmente leali al governo di Tripoli. In molti luoghi della Libia le milizie, le agenzie statali e le bande criminali sono intrecciate fra di loro, come ad esempio a Zawiya, nella Libia occidentale, dove il capo della Guardia costiera, secondo le Nazioni Unite, ha guadagnato dal commercio di contrabbando".

"Il traffico di esseri umani e' un business fra i tanti. In un contesto cosi' complicato e volatile - avverte il Frankfurter Allgemeine Zeitung -  il drastico calo degli sbarchi potrebbe rappresentare solamente un sollievo temporaneo. Secondo un giovane impiegato libico "il numero in drastico calo di arrivi in Europa e' ingannevole, perche' sempre piu' persone entrano nel paese dai confini meridionali e premeranno verso le citta' costiere".

"Nel 2015 persone come Dabashi videro nel traffico di esseri umani una opportunita' e la colsero", afferma Mohammed Eljarh, dell'Atlantic Council. "Se l'Italia vuole raggiungere la stabilita' in Libia non e' saggio alimentare la competizione fra le bande", avverte. Recentemente Dhawadi ha sollecitato l'Italia a puntare progetti di sviluppo da cui potrebbero trarre beneficio soprattutto i giovani, ma il governo di Roma, sotto la pressione dell'emergenza, ha optato - secondo il quotidiano tedesco - per opzioni a breve termine". 

In pratica, a breve le orde africane potrebbero riprendere l'invasione dell'Italia.

Redazione Milano


INCHIESTA ESPLOSIVA DEL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG SULLA LIBIA: RAPPORTI TRA MILIZIE ISLAMICHE, ISIS E ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANKFURTER   ALLGEMEINE   ZEITUNG   REPORTAGE   INCHIESTA   LIBIA   MILIZIE   ENI   ISLAMICHE   ITALIA   GOVERNO   MIGRANTI   AFRICANI   BARCONI   HAFTAR   ISIS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA MERKEL E SCHULZ CONTRO L'ENTRATA DELLA TURCHIA NELLA UE E SCATTA L'ALLARME SULLE COMUNITA' ISLAMICHE IN GERMANIA

LA MERKEL E SCHULZ CONTRO L'ENTRATA DELLA TURCHIA NELLA UE E SCATTA L'ALLARME SULLE COMUNITA'
Continua

 
PRIMA I LAVORATORI BRITANNICI, POI TUTTI GLI ALTRI: ECCO LA BREXIT (SERVIRA' ANCHE IL PASSAPORTO, PERMANENZA 3-6 MESI)

PRIMA I LAVORATORI BRITANNICI, POI TUTTI GLI ALTRI: ECCO LA BREXIT (SERVIRA' ANCHE IL PASSAPORTO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!