69.432.773
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

domenica 20 agosto 2017

Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di casa e dovrete pagarlo. Eccome, se dovrete pagarlo. Il debito pubblico italiano ha toccato nuove vette in termini assoluti, raggiungendo la cifra record di 2.168.400.000.000 €, cresciuto di ben 99.000.000.000 da inizio anno. Ogni cittadino italiano ha sul groppone la bellezza di 36.225 euro, neonati compresi.

Per fare un esempio, una famiglia italiana composta da genitori e due figli ha un debito di 144.900 euro in contanti che è niente di più della fetta che gli spetta del debito pubblico dello stato. Così gli italiani capiscono - forse - di che entità sarà la patrimoniale che presto verrà imposta "dall'Europa", oh cara, buonista coll'africano ma nazista con l'italiano, vittima spolpabile e spolpata.

Interessante notare che, a dispetto di quanto raccontino i mezzi d’informazione di regime, è calata la spesa delle regioni, mentre è aumentata quella dello stato centrale.

Qualcuno, invasato dalla retorica neoliberista, dirà che è tutta colpa dello stato che spende troppo, che spreca risorse e che bisogna tagliare, tagliare tutto, pensioni (quelle degli altri), sanità (sempre quella degli altri) e stipendi (ovviamente non il suo, perché lui è un virtuoso neoliberista) e aumentare le tasse perché hanno vissuto (sempre gli altri, perché il neoliberista medio è convinto di essere un austero virtuoso) sopra le proprie capacità e quindi bisogna espiare le proprie colpe. Peccato che il debito pubblico sia esploso proprio grazie a queste “cure” messe in atto a partire dal governo Monti in poi e che lo stato spenda meno di quanto incassi, come farebbe un qualsiasi buon padre di famiglia.

Il problema è che spendiamo troppo per gli interessi sul debito pubblico e sapete perché? Perché nel 1980, due sicari, tali Ciampi ed Andreatta, decisero, in nome del “libero mercato”, che la banca centrale italiana non avrebbe più potuto acquistare titoli di stato italiani, lasciando che il “mercato”, ovvero le grandi banche speculatrici, potessero fissare il prezzo del debito pubblico. Una “genialata” che ha consegnato il destino di noi italiani nelle mani della grande speculazione internazionale, Soros in primis.

Qualcuno dirà che se la banca centrale continua ad acquistare titoli di debito pubblico, l’inflazione finirà per esplodere e tutti ci ritroveremo con un pugno di mosche in mano.

Di grazia, quanto è l’inflazione media della zona euro a fronte di 60.000.000.000 di euro generati con un click di tastiera ogni mese dal governatore della BCE? Secondo la vulgata “neolibberista”, dovrebbe essere a due cifre, mentre in realtà è all’1,3% (dato di luglio), mentre in Giappone, nazione in cui la banca centrale continua ad acquistare titoli di debito pubblico a mani basse ed il rapporto debito/PIL è al 236%, la gente dovrebbe andare a fare la spesa con la carriola di banconote ed invece l’inflazione è inchiodata allo 0,3%! In compenso il Giappone ha un terzo dei disoccupati italiani.

Il  motivo è semplice: chi rinuncia alla sovranità monetaria è destinato a morire in nome del “libero mercato”, che in realtà si chiama speculazione. Chi investe il proprio denaro vuole un tornaconto, ovvero guadagnare più che può, ergo chiederà allo stato un tasso d’interesse alto, altrimenti non investirà nei suoi titoli. Viceversa, la banca centrale, non avendo necessità di remunerazione, potrà acquistare titoli a tasso zero, in cambio di base monetaria, che lo stato utilizzerà per spesa pubblica e quindi sostenere l’economia e l’occupazione. Una banca centrale pubblica, poi, significa che lo stato si indebita con sé stesso, ovvero è una partita di giro, tanto che sia il governatore della banca centrale d’Inghilterra che il suo omologo giapponese, hanno candidamente ammesso che il debito pubblico posseduto dagli istituti di credito centrali può essere cancellato con un semplice comando di tastiera.

Noi italiani siamo di fronte ad un bivio: continuare a piegarci alle teorie neoliberiste, che abbiamo visto essere fallimentari quando non fraudolente, oppure seguire l’esempio nipponico, uscendo dall’euro e dalla ue. A proposito, lo sapete che l’unione europea è nata nel 1993, con buona pace della becera propaganda che millanta settant’anni di pace grazie a questa istituzione farlocca? Ecco, un motivo in più per smettere di seguire questo carrozzone e la sua moneta unica: chi bara anche sulla sua data di nascita, pensate che non vi racconti balle su aspetti ben più importanti?

Un ultimo appunto: lo sapete che nel 1980 il tasso medio di inflazione in Italia fu del 21,06% mentre il rendimento dei bot raggiunse un valore massimo del 16,550%, ovvero lo stato si indebitava a tassi negativi? E per vedere un simile risultato abbiamo dovuto attendere il quantitative easing di Draghi, ovvero né più né meno di un’operazione di acquisto di titoli da stato da parte della banca centrale come si poteva fare prima della scellerata mossa del duo ciampi-andreatta.

E in questa situazione catastrofica, che fa il governo pidiota? Spende quasi 5 miliardi l'anno per mantenere a sbafo quasi 200.000 africani che vanno invece rispediti in Africa e tra i quali si annidano mostri islamici capaci di stragi orrende in nome della loro religione di morte. Quando arriverà la patrimoniale, sappiate che una sostanziosa fetta dei soldi che vi rapineranno se la pappano loro, le "risorse". 

La verità è che l'Italia è una nazione infetta con la febbre alta. O la curiamo noi italiani o presto morirà.

Luca Campolongo

Fonti

http://www.ilgiornale.it/news/economia/giappone-banca-centrale-d-lezione-alleuropa-1341901.html

http://it.inflation.eu/tassi-di-inflazione/italia/inflazione-storica/cpi-inflazione-italia-1980.aspx

http://www.valentinovecchi.it/1/upload/tassi_bot_emissione_annuale.pdf

http://it.inflation.eu/tassi-di-inflazione/giappone/inflazione-storica/cpi-inflazione-giappone-2017.aspx

https://scenarieconomici.it/evoluzione-del-saldo-primario-italiano/

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2014/08/13/-bankitalia-nuovo-record-debito-a-giugno-a-2.168-mld-_29ac4703-b1c5-424e-89e8-f61f572a6a9d.html


DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DEBITO   PUBBLICO   ITALIA   ITALIANI   UE   EUROPA   PATRIMONIALE   TASE   GIAPPONE   BCE   DRAGHI   CIAMPI   ANDREATTA   NEOLIBERISTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA UE DA' IL PERMESSO DI IMPORTAZIONE A DAZIO ZERO DI 80.000 TONNELLATE DI RISO VIETNAMITA COLTIVATO SFRUTTANDO BAMBINI

LA UE DA' IL PERMESSO DI IMPORTAZIONE A DAZIO ZERO DI 80.000 TONNELLATE DI RISO VIETNAMITA

martedì 25 giugno 2019
Con l'accordo di libero scambio con il Vietnam che sara' firmato ad Hanoi il prossimo 30 giugno, l'Unione Europea da' il via libera all'ingresso a dazio zero di 80 mila tonnellate di riso lavorato,
Continua
 
ENORME SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: LE OLIMPIADI INVERNALI 2026 SONO STATE ASSEGNATE ALL'ITALIA! IL PAESE C'E'!

ENORME SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: LE OLIMPIADI INVERNALI 2026 SONO STATE ASSEGNATE ALL'ITALIA!

lunedì 24 giugno 2019
La combinazione tra dinamismo della metropoli e fascino delle Dolomiti e' una delle chiavi che hanno aperto la porta del successo alla candidatura Milano-Cortina per le Olimpiadi e le Paralimpiadi
Continua
ARTICOLO ESPLOSIVO DEL DAILY MAIL SUL PIANO DI SOROS PER AGGREDIRE LE DEMOCRAZIE EUROPEE (STAMPA ITALIANA CENSURA)

ARTICOLO ESPLOSIVO DEL DAILY MAIL SUL PIANO DI SOROS PER AGGREDIRE LE DEMOCRAZIE EUROPEE (STAMPA

lunedì 24 giugno 2019
LONDRA - Quando alcuni giorni fa Giorgia Meloni ha dichiarato che George Soros vuole distruggere l'Occidente tramite l'invasione di immigrati, molti a sinistra l'hanno criticata ma la verita' e' che
Continua
 
INCHIESTA /  IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE: LA CURVA DI LAFFER

INCHIESTA / IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE:

lunedì 24 giugno 2019
Mentre gli oligarchi dell’uscente commissione ue sono presi dai loro ultimi, inutili e spregevoli rantoli contro l’Italia minacciando una procedura d’infrazione che non spaventa
Continua
MATTEO SALVINI INCONTRA LUCA ZAIA: ''SULL'AUTONOMIA INDIETRO NON SI TORNA''. L'ARGOMENTO ARRIVA AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

MATTEO SALVINI INCONTRA LUCA ZAIA: ''SULL'AUTONOMIA INDIETRO NON SI TORNA''. L'ARGOMENTO ARRIVA AL

giovedì 20 giugno 2019
"Incontro di lavoro al Ministero con l'amico Luca Zaia: lavoro, infrastrutture, autonomia, sviluppo, Olimpiadi, futuro. Indietro non si torna!". Lo scrive sui social il vicepremier e ministro
Continua
 
REGIONE LOMBARDIA APPROVA E RENDE SUBITO ESECUTIVO IL NUOVO ''PATTO DI INTEGRITA''' DECISIVO PER LA LOTTA ALLA CORRUZIONE

REGIONE LOMBARDIA APPROVA E RENDE SUBITO ESECUTIVO IL NUOVO ''PATTO DI INTEGRITA''' DECISIVO PER LA

giovedì 20 giugno 2019
MILANO - Lealta', trasparenza e correttezza, oltre all'impegno a non offrire, accettare o chiedere somme di denaro o altre ricompense, vantaggi e benefici. Sono gli impegni che devono assumersi i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO
Continua

 
TASSE IN ITALIA AUMENTATE DELL'80% (AVETE LETTO BENE: 80%) DA QUANDO CI SONO UE E EURO: ANCORA POCO E IL PAESE MUORE

TASSE IN ITALIA AUMENTATE DELL'80% (AVETE LETTO BENE: 80%) DA QUANDO CI SONO UE E EURO: ANCORA POCO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!