69.205.280
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

lunedì 14 agosto 2017

LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il populismo di Marine Le Pen.

Peccato che subito dopo Macron si sia rivelato essere un nazionalista non molto diverso dal leader del Front National e si e' avuto un assaggio poche settimane fa quando ha deciso di chiudere le frontiere con l'Italia, aprire degli hotspot in Libia e rifiutato di far entrare in Francia immigrati che sono sbarcati sulle coste italiane, dato che sono tutti africani che hanno invaso l'Italia per motivi economici - e spesso delinquenziali - non certo perchè in fuga da guerre o carestie.

Ma se qualcuno pensa che questa politica anti-immigrazione di Macron sia un caso isolato che si riferisce solo agli africani si sbaglia di grosso.

Infatti e' di pochi giorni fa la notizia che il presidente Macron voglia adottare nuove regole per proteggere i lavoratori francesi dalla concorrenza sleale dei lavoratori dell'Europa dell'est.

Al momento un lavoratore dell'est europeo puo' andare in qualsiasi paese della UE e lavorare per un tempo limitato per un salario che e' pari a quello minimo dei paesi dell'est ma molto inferiore in molti casi al salario minimo di paesi come la Francia o l'Italia e questa regola e' molto controversa perche' se da un lato i paesi dell'est pensano sia utile per aiutare i loro abitanti a trovare lavoro, per i paesi piu' ricchi e' una forma di dumping salariale che danneggia pesantemente i lavoratori indigeni visto che devono competere con lavoratori disposti a lavorare per salari da fame.

Emmanuel Macron vuole porre fine a tutto questo e per tale motivo tra il 23 e il 25 di Agosto si rechera' in Austria, Romania e Bulgaria e avra' anche un incontro coi primi ministri di Repubblica Ceca e Slovacchia per cambiare le regole e porre fine a questo social dumping.

Per il momento non e' chiaro se Macron riuscira' a porre fine a questa situazione nei tempi che si è prefissato, e cioè brevissimi, ma c'e' gia' chi parla di un'altra divisione all'interno della UE visto che i paesi dell'est vogliono mantenere questa situazione mentre quelli dell'ovest la vogliono cambiare e non e' da escludere che in futuro questa diversita' di vedute non danneggi la UE in maniera profonda e definitiva.

Quel che e' certo e' che Macron ancora una volta vuole fare l'interesse dei francesi e non e' un caso che questa notizia, riportata dal Daily Express, sia stata completamente censurata in Italia perche' troppo imbarazzante per il Pd visto che il loro beniamino si sta rivelando essere un nazionalista vero.

Noi ovviamente non ci stiamo e abbiamo riportato questa notizia perche' vogliamo che anche l'Italia inizi a proteggere i suoi lavoratori, dato che la disoccupazione giovanile in Italia sfiora il 40% ed è una vera follia dare da lavorare agli stranieri e non ai giovani italiani.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MACRON   FRANCIA   LAVORATORI   STRANIERI   SALARI   FAME   ROMANIA   AFRICANI   IMMIGRAZIONE   ITALIA   AUSTRIA   BULGARIA   SLOVACCHIA   REPUBBLICA   CECA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua
 
FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE ''LIBERALIZZATO'' I SERVIZI

FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE

lunedì 10 giugno 2019
LONDRA - I burocrati della commissione europea che nessuno ha eletto amano spesso intraprendere azioni legali contro governi democraticamente eletti e questo spiega il crescente euroscetticismo da
Continua
SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI PER IL LAVORO

SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E

mercoledì 5 giugno 2019
"Noi siamo persone serie, l'Italia è un paese serio, che rispetta la parola data. Quindi andremo in Europa e ci metteremo seduti al tavolo con responsabilità, non per distruggere, ma
Continua
 
LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI SEGRETI POLITICI & GIUDICI

LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI

mercoledì 5 giugno 2019
Incontri "segreti" in hotel, durante le cene o a casa: 7 giorni, dal 9 al 16 maggio, di "trattative per le nomine degli uffici giudiziari", in particolare quelli di Roma, Perugia e Brescia. E' quello
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI
Continua

 
GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI ISLAMICI''

GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!