55.062.605
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare via tutti coloro che sono clandestini.
A tale proposito e' utile notare come la Malaysia - paese islamico - è impegnata in una campagna contro l’immigrazione che, secondo le statistiche del governo, questo mese ha portato all’arresto di oltre 3.300 stranieri. Il Dipartimento per l’immigrazione della Malaysia afferma infatti che, alle 22.00 dello scorso 12 luglio, durante le operazioni iniziate il 1 luglio, gli agenti delle forze dell’ordine avevano arrestato 3.323 lavoratori senza regolari documenti.
I detenuti sono per lo più provenienti da Paesi del sud-est e dell'Asia meridionale. Essi comprendono 1.230 bangladeshi, 825 indonesiani, 273 cittadini di Myanmar, 119 vietnamiti, 123 thailandesi e 95 filippini. A riferirlo sono i funzionari del dipartimento. La Malaysia ha dato il via alla sua politica di tolleranza zero un giorno dopo la scadenza del termine, fissato dal governo, per la registrazione dei lavoratori con le autorità dell’immigrazione.
I parlamentari dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico per i diritti umani hanno rilasciato una dichiarazione che esprime preoccupazione per il giro di vite in corso in Malesia. “Il desiderio di ridurre il numero di lavoratori illegali nel Paese non può mai essere una scusa per colpire ulteriormente delle persone vulnerabili”, ha dichiarato Mu Sochua, membro del consiglio di amministrazione e dell'Assemblea nazionale cambogiana. Il gruppo si descrive come un collettivo di parlamentari regionali costituito da deputati in carica, ex ed in pensione, appartenenti alle 10 nazioni del blocco Asean.
Secondo i parlamentari regionali, il governo malaysiano aveva registrato solo 161mila migranti senza documenti attraverso il proprio Programma di carte elettroniche temporanee per lavoratori stranieri. Si tratta di un'iniziativa per dare l'opportunità a tutti i datori di lavoro, che hanno assunto lavoratori stranieri senza permessi di lavoro per la mancanza di manodopera in alcuni settori dell’economia, di registrare i propri dipendenti. Mustafar Ali, il direttore generale del dipartimento immigrazione, ha dichiarato lo scorso 12 giugno che, a causa delle assunzioni illegali, sono stati arrestati anche 63 impresari. Ali ha affermato che, dall'inizio di quest'anno, più di 30mila lavoratori senza documenti sono stati rimandati nei loro Paesi d'origine.
Secondo le organizzazioni non governative, in Malesia, Paese con 32 milioni di abitanti, risiedono due milioni di lavoratori migranti legalmente registrati e almeno altri due milioni illegali. La maggior parte degli immigrati senza documenti è impiegata nel settore delle costruzioni, nelle piantagioni di olio di palma, nelle fabbriche e nei servizi di pulizia, lavori che i malaysiani descrivono come “pericolosi, difficili e sporchi”. Dopo che la sua economia ha registrato una forte crescita negli ultimi anni, la Malaysia, una federazione di 13 stati e tre territori federali, ha subito un aumento del numero di lavoratori a basso reddito, provenienti soprattutto da Vietnam, Indonesia, Nepal, Myanmar e Bangladesh.
Questa storia e' stata riportata dal sito cattolico Asianews con l'intento di criticare il governo della Malesia per il fatto che si rifiuta di accogliere due milioni di immigrati clandestini ma chiunque capisce che ciò che sta facendo il governo malaysiano e' una politica di buonsenso visto che non puo' accogliere tutti coloro che arrivano dal sudest asiatico senza contare che tali clandestini oltre ad aver violato la legge ed essere una minaccia alla sicurezza nazionale alterano profondamente l'equilibrio etnico di questo paese.
Semmai la vera questione e' perche' l'Italia non segue l'esempio della Malesia e caccia via tutti coloro che sono irregolari.
Noi abbiamo deciso di riportare questa storia che e' stata censurata dai giornali di regime perche' speriamo che qualche politico che legge il nostro gionale online faccia a proposito un'interrogazione parlamentare.
GIUSEPPE DE SANTIS

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MALESIA   GOVERNO   ISLAMICO   CLANDESTINI   RETATE   ARRESTI   ESPULSIONI   ITALIA   ASIA   NEWS   VIETNAM   INDONESIA   NEPAL   MYANMAR   BANGLADESH    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA
Continua

 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!