50.870.949
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare via tutti coloro che sono clandestini.
A tale proposito e' utile notare come la Malaysia - paese islamico - è impegnata in una campagna contro l’immigrazione che, secondo le statistiche del governo, questo mese ha portato all’arresto di oltre 3.300 stranieri. Il Dipartimento per l’immigrazione della Malaysia afferma infatti che, alle 22.00 dello scorso 12 luglio, durante le operazioni iniziate il 1 luglio, gli agenti delle forze dell’ordine avevano arrestato 3.323 lavoratori senza regolari documenti.
I detenuti sono per lo più provenienti da Paesi del sud-est e dell'Asia meridionale. Essi comprendono 1.230 bangladeshi, 825 indonesiani, 273 cittadini di Myanmar, 119 vietnamiti, 123 thailandesi e 95 filippini. A riferirlo sono i funzionari del dipartimento. La Malaysia ha dato il via alla sua politica di tolleranza zero un giorno dopo la scadenza del termine, fissato dal governo, per la registrazione dei lavoratori con le autorità dell’immigrazione.
I parlamentari dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico per i diritti umani hanno rilasciato una dichiarazione che esprime preoccupazione per il giro di vite in corso in Malesia. “Il desiderio di ridurre il numero di lavoratori illegali nel Paese non può mai essere una scusa per colpire ulteriormente delle persone vulnerabili”, ha dichiarato Mu Sochua, membro del consiglio di amministrazione e dell'Assemblea nazionale cambogiana. Il gruppo si descrive come un collettivo di parlamentari regionali costituito da deputati in carica, ex ed in pensione, appartenenti alle 10 nazioni del blocco Asean.
Secondo i parlamentari regionali, il governo malaysiano aveva registrato solo 161mila migranti senza documenti attraverso il proprio Programma di carte elettroniche temporanee per lavoratori stranieri. Si tratta di un'iniziativa per dare l'opportunità a tutti i datori di lavoro, che hanno assunto lavoratori stranieri senza permessi di lavoro per la mancanza di manodopera in alcuni settori dell’economia, di registrare i propri dipendenti. Mustafar Ali, il direttore generale del dipartimento immigrazione, ha dichiarato lo scorso 12 giugno che, a causa delle assunzioni illegali, sono stati arrestati anche 63 impresari. Ali ha affermato che, dall'inizio di quest'anno, più di 30mila lavoratori senza documenti sono stati rimandati nei loro Paesi d'origine.
Secondo le organizzazioni non governative, in Malesia, Paese con 32 milioni di abitanti, risiedono due milioni di lavoratori migranti legalmente registrati e almeno altri due milioni illegali. La maggior parte degli immigrati senza documenti è impiegata nel settore delle costruzioni, nelle piantagioni di olio di palma, nelle fabbriche e nei servizi di pulizia, lavori che i malaysiani descrivono come “pericolosi, difficili e sporchi”. Dopo che la sua economia ha registrato una forte crescita negli ultimi anni, la Malaysia, una federazione di 13 stati e tre territori federali, ha subito un aumento del numero di lavoratori a basso reddito, provenienti soprattutto da Vietnam, Indonesia, Nepal, Myanmar e Bangladesh.
Questa storia e' stata riportata dal sito cattolico Asianews con l'intento di criticare il governo della Malesia per il fatto che si rifiuta di accogliere due milioni di immigrati clandestini ma chiunque capisce che ciò che sta facendo il governo malaysiano e' una politica di buonsenso visto che non puo' accogliere tutti coloro che arrivano dal sudest asiatico senza contare che tali clandestini oltre ad aver violato la legge ed essere una minaccia alla sicurezza nazionale alterano profondamente l'equilibrio etnico di questo paese.
Semmai la vera questione e' perche' l'Italia non segue l'esempio della Malesia e caccia via tutti coloro che sono irregolari.
Noi abbiamo deciso di riportare questa storia che e' stata censurata dai giornali di regime perche' speriamo che qualche politico che legge il nostro gionale online faccia a proposito un'interrogazione parlamentare.
GIUSEPPE DE SANTIS

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MALESIA   GOVERNO   ISLAMICO   CLANDESTINI   RETATE   ARRESTI   ESPULSIONI   ITALIA   ASIA   NEWS   VIETNAM   INDONESIA   NEPAL   MYANMAR   BANGLADESH    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI ISLAMICI''

GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI

martedì 22 agosto 2017
LONDRA -  "E' ora che l'Europa si svegli e riconosca il problema dello scontro di civilta' causato dal fatto che enclavi musulmane agiscono da basi di supporto per i terroristi". Questa frase
Continua
 
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA
Continua

 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!