50.879.085
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL NEW YORK TIMES RICONOSCE I SUCCESSI DI DONALD TRUMP CON UN ECCEZIONALE EDITORIALE IN PRIMA PAGINA (ADDIO CLINTON)

venerdì 14 luglio 2017

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sarà di ritorno dalla sua visita ufficiale in Francia, dove su invito del suo omologo Emmanuel Macron ha assistito alla parata miliare che quest'anno, oltre alla presa della Bastiglia, commemora anche il cento anni dell'intervento Usa nella Prima guerra mondiale.

Sia questo che i due precedenti viaggi del presidente in Europa "dimostrano la rinascita della leadership statunitense tesa a rafforzare i mutui interessi , riaffermare i principi condivisi, affrontare le minacce comuni e conseguire una rinnovata prosperita'".

A scriverlo, in un editoriale sul New York Times di oggi, sono Gary D. Cohn, presidente del Consiglio economico della Casa Bianca, e Herbert R. McMaster, consigliere per la sicurezza nazionale Usa, che descrivono la visione della politica estera del presidente Usa e le finalita' perseguite dalla Casa Bianca sullo scacchiere internazionale.

Le discussioni sinora intraprese dal presidente Usa con i leader mondiali "hanno delineato un potenziale straordinario: vaste riserve di energia a basso costo, mercati che possono essere aperti a nuovi scambi commerciali, un numero crescente di giovani che desiderano l'occasione di edificare un futuro migliore nel loro paese e nuove partnership tra nazioni che possono costituire la base per una pace duratura. All'estero come in patria, il presidente ha articolato la sua visione di sicurezza interna, sviluppo della prosperita' e avanzamento dell'influenza statunitensi".

Le recenti visite in Polonia e nella citta' tedesca di Amburgo, per il summit del G20 della scorsa settimana, "si sono concentrate sull'edificazione di coalizioni che conseguano i migliori esiti possibili per l'America e i nostri alleati": gli Stati Uniti, riconoscono i due funzionari della Casa Bianca, "non posso essere membri passivi della comunita' internazionale".

A Varsavia, Trump si e' rivolto al popolo polacco "ribadendo il suo impegno al sostegno e alla difesa collettiva della Polonia e degli alleati della Nato contro le minacce comuni". Il presidente, sottolineano Cohn e McMaster, ha affermato che "una Polonia forte e' una benedizione per l'Europa, e che "un'Europa forte lo e' per l'Occidente e il mondo intero". I due funzionari pongono l'accento sull'incontro tra il presidente e i 12 leader dell'iniziativa dei Tre mari (Baltico, Mar nero e Adriatico), cui ha garantito un accesso "affidabile e conveniente all'energia". Diversificare le fonti di approvvigionamento energetico, scrivono i due funzionari, consentira' ai paesi del Baltico, dell'Europa Centrale e dei Balcani di "rafforzare le loro economie, creare posti di lavoro e impedire agli avversari di usare l'energia come strumento di intimidazione o coercizione".

Al G20 di Amburgo, proseguono i due esponenti della Casa Bianca, Trump ha cenato con i leader di Corea del sud e Giappone - Moon Jae-in e Shinzo Abe - per concordare una strategia comune nella gestione della minaccia nordcoreana, e garantire la sicurezza dell'Asia Nord-orientale, oltre che degli Usa.

Centrale, nell'approccio del presidente Donald Trump all'arena globale, e' "la ricerca di aree di accordo e cooperazione, fatta salva la protezione degli interessi degli Stati Uniti". Ad Amburgo "gli Stati Uniti hanno sostenuto il libero commercio, ma hanno insistito affinche' sia equo": una posizione ben riflessa dal comunicato congiunto diffuso dai partecipanti al termine del summit.

Particolarmente importante, a questo riguardo, l'eliminazione degli eccessi di capacita' produttiva in settori chiave come quello dell'acciaio, e "la rimozione dei sussidi distorsivi del mercato e di altre forme di sostegno statale". I leader del G20 "concordano che una economia solida e un pianeta in salute si rinforzino a vicenda", e gli Stati Uniti "continueranno a dimostrare che le forze del mercato e le soluzioni tecnologiche costituiscono la via piu' efficace per proteggere l'ambiente alimentando al contempo la crescita economica".

Per quanto riguarda l'immigrazione, i leader del G20 "hanno riaffermato il diritto sovrano degli Stati a gestire e controllare i loro confini". Piu' importante di tutto, secondo Cohn e McMaster, e' il fatto che durante i suoi recenti viaggi Trump abbia stabilito come il principio "America First" non sia uno slogan populista e isolazionista, ma "un principio alla base dei valori statunitensi", teso non solo a rafforzare gli Stati Uniti, ma anche a guidare il progresso a livello globale".

Gli Usa "sono difensori della dignita' dell'individuo, affermano l'eguaglianza tra i generi, celebrano l'innovazione, tutelano le liberta' di parola e religione, e sostengono mercati liberi e aperti". Il motto "America First" - concludono i due funzionari - e' radicato "nella convinzione che i nostri valori siano degni di essere difesi e promossi. Viviamo un momento di grandi cambiamenti per i nostri amici e alleati in tutto il mondo, ma si tratta anche di un momento di straordinarie opportunita'". Il presidente Trump e la sua delegazione sono tornati dagli ultimi viaggi "con un enorme ottimismo in merito al futuro e a cio' che gli Stati Uniti e i loro partner possono conseguire assieme".

Questo editoriale, pubblicato dal quotidino Usa tra i più ostili a Donald TRump, in qualche modo rappresenta la presa d'atto, da parte della grande stampa "democratica" americana dei successi del presidente Trump. 

Redazione Milano


IL NEW YORK TIMES RICONOSCE I SUCCESSI DI DONALD TRUMP CON UN ECCEZIONALE EDITORIALE IN PRIMA PAGINA (ADDIO CLINTON)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DONALD   TRUMP   NEW   YORK   TIMES   POLITICA   ESTERA   G20   POLONIA   PARIGI   BERLINO   USA   CASA   BIANCA   EUROPA   MACRON   AMBURGO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI ISLAMICI''

GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI

martedì 22 agosto 2017
LONDRA -  "E' ora che l'Europa si svegli e riconosca il problema dello scontro di civilta' causato dal fatto che enclavi musulmane agiscono da basi di supporto per i terroristi". Questa frase
Continua
 
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STA PER ARRIVARE VICINO ALLA LIBIA LA NAVE C-STAR AFFITTATA DA ''GENERAZIONE IDENTITARIA'' PER FERMARE BARCONI DI AFRICANI

STA PER ARRIVARE VICINO ALLA LIBIA LA NAVE C-STAR AFFITTATA DA ''GENERAZIONE IDENTITARIA'' PER
Continua

 
MINISTRI DEGLI INTERNI DI AUSTRIA E FRANCIA: ''ONG IN COMBUTTA CON TRAFFICANTI IN LIBIA. NAVI ONG SEGNALANO ALLE SPIAGGE''

MINISTRI DEGLI INTERNI DI AUSTRIA E FRANCIA: ''ONG IN COMBUTTA CON TRAFFICANTI IN LIBIA. NAVI ONG
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!