52.883.394
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

lunedì 19 giugno 2017

I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in.

Il ministro delle finanze Padoan continua ad ostentare ottimismo, ma se non si dovessero trovare i fondi per la ricapitalizzazione, lo spettro del bail in diverrebbe realtà.

Questo avrebbe un impatto tremendo sull’economia del nord est, da sempre uno dei territori che trainano l’economia nazionale, in quanto la procedura di bail in prevede il rientro forzoso degli impieghi a tutela dei correntisti. Tradotto in parole più semplici: i piccoli e medi imprenditori che pagano regolarmente i loro mutui e finanziamenti, sarebbero costretti a rientrare immediatamente dalle loro esposizioni al fine di coprire i correntisti.

In un momento in cui le aziende sono a corto di liquidità e massacrate di tasse dal governo nazionale, potete immaginarvi quante di queste sarebbero costrette a chiudere. Anche perché non stiamo parlando di qualche migliaio di euro, ma di prestiti “sani” per circa 30 miliardi di euro!

Si tratterebbe della distruzione del tessuto imprenditoriale del nord est. Sia chiaro: gli amministratori delle due banche in crisi hanno le loro responsabilità, ma come più volte spiegato da queste colonne, il responsabile numero uno del disastro bancario italiano ha un nome ed un cognome: Mario Monti e le sue folli politiche economiche.

E’ oltretutto opportuno ricordare che quanto viene richiesto di fare oggi in Italia, ovvero il bail in se non si trovassero le risorse necessarie al salvataggio, non è stato fatto con le banche tedesche e francesi. Si dirà che all’epoca non c’erano tali normative: vero, peccato che esse siano state partorite proprio da chi prima ha sistemato il proprio sistema bancario con aiuti di stato e poi ha deciso di proibirlo alle altre nazioni.

Dobbiamo augurarci che i soldi per la ricapitalizzazione delle due banche si trovino (in queste ore si parla di un intervento di Intesa San Paolo, ma è molto probabilmente una bufala, nel senso che non avverrà), perché se il bail in dovesse partire, la maggior parte delle aziende venete si troverebbe in difficoltà e di questo potrebbero approfittarne i soliti tedeschi che rileverebbero a buon mercato aziende concorrenti o con le quali hanno già rapporti di collaborazione.

Fantascienza? No: si tratterebbe di un copione ampiamente conosciuto e collaudato, di cui Schauble, il ministro delle finanze tedesco, è esperto da tempo.

Un paio di esempi: ai tempi dell’unificazione delle due germanie, un’azienda dell’ex DDR era produttrice di frigoriferi senza CFC (all’epoca una delle poche al mondo) e, nonostante un’offerta molto maggiore presentata da Samsung, venne svenduta ad un’azienda della repubblica federale; analoga sorte toccò all’aeroporto di Berlino e ad altre aziende tecnicamente sane e in grado di competere sui mercati internazionali. In tempi più recenti, i tedeschi hanno acquisito per un pezzo di pane gli aeroporti greci.

Questo è il motivo per cui la sorte delle banche venete è strategico per il futuro dell’Italia, al di là della tutela dei correntisti. Ma la realtà è davvero quella di un prossimo fallimento, se non già avvenuto? Perchè lo scriviamo? Perchè è successo un fatto incredibile, tre giorni fa, passato sotto silenzio: Veneto Banca non paga le obbligazioni in scadenza perchè non ha più fondi per farlo. Così, il governo Gentiloni ha emanato un decreto legge che le "congela" per sei mesi!

"Veneto banca e' fallita? Nonostante il governo Gentiloni non l'abbia ancora conclamato, per paura delle ovvie ripercussioni politiche che il fallimento di una banca con centinaia di migliaia di clienti possa avere sull'esecutivo, l'istituto veneto non e' piu' in grado di far fronte alle proprie obbligazioni nei confronti dei clienti". Lo si legge in una nota del presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, che prosegue: "Giusto pochi giorni fa, il Fondo Monetario e l'OCSE avevano ricordato all'Italia il gravissimo stato in cui versa il sistema bancario italiano, nel tentativo di convincere il Tesoro a prendere immediate contromisure. Con una situazione ormai sfuggita a qualsiasi controllo ma con il ministro Padoan che persevera nel dire che 'il sistema e' solido', il Tesoro venerdi' scorso ha deciso di emanare un decreto legge (n. 89/2017) che sospende dalla sera alla mattina il rimborso delle obbligazioni ai loro possessori. Una cosa mai vista e, fra l'altro, illegittima, dal momento che lo Stato non puo' con una operazione di puro arbitrio istituzionale, interferire nei rapporti privati tra clienti e istituto". 

Questa è la realtà amara. E non è finita: c'è il bubbone Mps pronto a splodere: "Nel frattempo, sembra essere già andato in fumo il piano di risanamento di MPS, dal momento che i fondi d'investimento che dovevano partecipare al salvataggio stanno già abbandonando la nave. Senza di loro la maxi ricapitalizzazione statale da 8 miliardi di euro sarà bruciata in pochi mesi, come le precedenti. Una montagna di denaro pubblico che potrebbe andare in fumo per via di un governo incapace di trovare soluzioni che funzionano". E' sempre Bunetta ad affermarlo. 

Se a questo aggiungiamo che anche CARIGE è in bilico, con l’ultimatum della BCE per una ricapitalizzazione di enorme portata (800 milioni di euro) e cessione dei crediti marci per 2,4 miliardi di euro (con perdite colossali per la Banca) è facile comprendere come l’intero sistema produttivo e non solo bancario, sia sotto attacco.

Lo ripetiamo: una parte del dissesto è sicuramente dovuta a mala gestione da parte dei manager, ma una larga parte deriva dalle scelte di politica economica degli ultimi tre governi che hanno imposto le interessate misure di austerità “consigliate” dalla Germania. Un paese che prima sistema i propri interessi e poi fa la morale agli altri. A proposito, quanti di voi hanno sentito parlare nei notiziari di uno scandalo made in Germany da 32 miliardi di euro? E noi dovremmo prendere lezioni da questi?

Luca Campolongo

Fonti

https://scenarieconomici.it/la-germania-mette-a-rischio-lunita-nazionale/

http://www.wallstreetitalia.com/banche-venete-padoan-ci-siamo-bail-in-scongiurato/

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-06-13/carige-ultimatum-bce-npl-e-aumento-063932.shtml?uuid=AEBrZPdB

http://www.instoria.it/home/25_anniversario_caduta_muro_berlino.htm

http://vocidallestero.it/2017/06/10/frode-fiscale-in-germania-per-32-miliardi-proprio-davanti-agli-occhi-del-ministero-delle-finanze/

 


INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

VENETO   BANCA   POPOLARE   VICENZA   MPS   CARIGE   FALLIMENTO   OBBLIGAZIONI   PADOAN   BRUNETTA   GOVERNO   PD   MONTI   MARIO   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,
Continua

 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: KURZ HA VINTO GRAZIE ALLA POLITICA SUI MIGRANTI DEL GOVERNO

17 ottobre - Il voto austriaco, con la vittoria del centrodestra guidato da Sebastian
Continua

GIOVANE TURISTA AMERICANA VIOLENTATA IN PIENO CENTRO A FIRENZE DA

17 ottobre - FIRENZE - Ennesimo episodio di violenza sessuale a Firenze. Una turista
Continua

SALVINI: NIENTE CLANDESTINI AFRICANI NEGLI ALBERGHI DELLA SICILIA!

17 ottobre - CATANIA - ''Bloccare l'immigrazione e fare politiche serie per il
Continua

RAQQA LIBERATA DALL'ISIS QUESTA MATTINA, MA CONTINUANO I

17 ottobre - RAQQA - SIRIA - Le Forze democratiche siriane (Fsd), alleanza di milizie
Continua

AVVISO DI GARANZIA ALLA SINDACA DI TORINO (PER UNA VICENDA SURREALE)

17 ottobre - TORINO - ''Vi comunico che mi e' appena stato notificato un avviso di
Continua

DUE AFRICANI TENTANO DI RAPIRE TRE BAMBINI DENTRO UN ORATORIO A

16 ottobre - MONZA - Un episodio gravissimo accaduto a Carugate è stato reso noto
Continua

IL RISCHIO POVERTA' NELLA UE COLPISCE QUASI IL 24% DEI CITTADINI

16 ottobre - Nel 2016 nella Ue - che a questo punto si può ben dire sia una fabbrica
Continua

LA MERKEL IN DIFFICOLTA' TEME LA DESTRA: ''LA VITTORIA DI KURZ NON

16 ottobre - BERLINO - ''La vittoria di Sebastian Kurz non va imitata''. Lo ha detto
Continua

GOVERNO UNGHERESE SI CONGRATULA CON KURZ PER LA VITTORIA

16 ottobre - ''Siamo felici che un partito fratello del nostro abbia vinto le
Continua

GIORGIA MELONI: NON CREDO CHE IL 26% DEGLI AUSTRIACI SIANO NAZISTI

16 ottobre - ''Non credo si possa dire che il 26% degli austriaci siano nazisti, non
Continua
Precedenti »