62.754.975
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA MARE!'' (MEGA BUFALA)

martedì 16 maggio 2017

In Francia sembra essersi affermato un nuovo tipo di elettore: il menopeggista. Guardando i flussi elettorali, infatti, possiamo notare come il neo presidente Macron abbia vinto portando alle urne un ridotto numero di francesi rispetto alle aspettative, molti dei quali, hanno sbarrato il suo nome non per convinzione, ma per non far vincere l’avversaria del Front National, all’insegna appunto del “meno peggio”.

Questo, almeno, nelle loro convinzioni, perché se andiamo a grattare la patina mediatica del “giovane candidato che piace”, del “volto nuovo della politica” (dimenticandosi di dire che è stato ministro del più detestato presidente della repubblica che la storia di Francia ricordi), si scopre che la realtà che attende  i francesi è decisamente cupa.

Il programma economico del narcisista dell’eliseo risulta infatti essere un’accozzaglia incoerente di slogan fatti per risultare rassicurante e di misure di macelleria sociale degne dei più ortodossi ordoliberisti alla Schauble: una brodaglia irrealizzabile, confusa, totalmente disancorata dalla realtà. Non ci credete? Bene, andiamo a vederlo nel dettaglio

Il giovanotto figlio di moglie ha promesso di riportare il deficit francese entro il 3% per accontentare gli oligarchi di Bruxelles ed i loro azionisti di maggioranza tedeschi. Fin qui nulla di cui meravigliarsi: Macron è stato creato dall’establishment filo ue capitanato da Jacques Attali, quello dell’eutanasia per tutti coloro che non possono permettersi la sanità.

Per far questo ha annunciato il dimezzamento dell’aumento della spesa sanitaria (ovvero i cittadini se vorranno curarsi e vivere dovranno pagare e chi non potrà permetterselo, che si arrangi. In fondo per gli ordoliberisti l’uomo è considerato alla stregua di un macchinario e di una merce: se è guasta e costa troppo ripararla deve essere rottamata), il licenziamento di 50.000 dipendenti pubblici ed il taglio dei trasferimenti all’equivalente delle nostre regioni, il tutto per una cifra prossima a circa 60 miliardi di euro, congiuntamente  all’eliminazione di quasi tutte le tutele per i lavoratori privati.

Una manovra lacrime e sangue che, nella visione di Macron, non dovrebbe impattare sulla disoccupazione la quale dovrebbe addirittura scendere, consentendo al governo di risparmiare sugli ammortizzatori sociali (la famosa austerità espansiva che l’Italia ha già sperimentato ai tempi di Monti, il quale difatti considera il giovane narcisista suo discepolo. Tra sociopatici ci si intende).

Tuttavia il nuovo principino ha inteso anche rassicurare il popolo che non lo massacrerà in nome dell’europa, poiché intende esonerare l’80% dei francesi dal pagamento della tassa sulla prima casa (Renzì au caviar), tagliare le tasse alle imprese non di 1, non di 2, ma di ben 8,3 punti percentuali (e qui il “bomba” toscano deve evidentemente rosicare, dato che non ha mai avuto un simile ardore nelle sue dichiarazioni), portandole dal 33,3 al 25% ed avviare una prodigiosa campagna di lavori pubblici per stimolare l’economia.

Si può quindi ben dire che nel suo programma ci sia tutto ed il contrario di tutto, se non fosse che i suoi mentori Juncker e Schauble hanno prontamente richiamato all’ordine il cocco della professoressa, ricordandogli che la Francia spende troppo e male e che lui deve rispettare i sacri vincoli di Maastricht, punto.

Come  andrà a finire per i francesi? I narcisisti patologici come Macron, vivono esclusivamente per il proprio riconoscimento sociale, ragion per la quale, egli ubbidirà ai propri mentori per ottenerne il plauso, infischiandosene del popolo francese, il quale è solo ed esclusivamente uno strumento con il quale ottenere il riconoscimento della sua persona. Traduzione: attuerà solo la parte che piace alla germania ed alla ue, massacrando quel poco di stato sociale che rimane in Francia.

C’è da augurarsi che alle elezioni politiche di giugno il partito fantasma del “bomba” in salsa francese non raggiunga la maggioranza assoluta, costringendo Macron alla cosiddetta “coabitazione” con una maggioranza parlamentare diversa dalla sua in grado di contenere la sua personalità ed i suoi progetti campati in aria.

Luca Campolongo

Fonti

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/chi-macron-psicopatico-alleliseo-1393724.html

http://vocidallestero.it/2017/05/08/sapir-inizia-la-presidenza-macron/

http://formiche.net/2017/05/07/programma-economico-macron/

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/l_irresistibile_ascesa_di_macron_l_affidabile-2397327.html

http://goofynomics.blogspot.it/2016/06/monti-fact-checking.html

 


ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA MARE!'' (MEGA BUFALA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MACRON   PROGRAMMA   MERKEL   UE   BCE   FRANCIA   LICENZIAMENTI   BRUXELLES   ATTALI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ISLANDA FUORI DALLA UE E SENZA L'EURO VA A GONFIE VELE E LA SUA MONETA SI RIVALUTA DEL 21% SULLA MONETA UNICA EUROPEA

L'ISLANDA FUORI DALLA UE E SENZA L'EURO VA A GONFIE VELE E LA SUA MONETA SI RIVALUTA DEL 21% SULLA
Continua

 
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!