50.727.214
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TRUMP VARA RIFORME RADICALI DEL BILANCIO DELLO STATO: TAGLI GIGANTESCHI ALLA BUROCRAZIA E GIU' LE TASSE (COME REAGAN)

giovedì 16 marzo 2017

WASHINGTON - Le prime pagine dei principali quotidiani statunitensi sono occupate oggi dalla proposta di bilancio dello Stato federale per l'anno 2018, che verra' ufficialmente presentata oggi dall'amministrazione del presidente Usa Donald Trump. Una guida fondamentale, per chi in Europa voglia davvero cambiare radicalmente lo stato.

La proposta prevede un drastico aumento della spesa militare: il bilancio della Difesa verrebbe aumentato del 9 per cento rispetto alla legge di bilancio del 2017; il dipartimento per la Sicurezza interna otterrebbe fonti aggiuntivi pari al 7 per cento del suo bilancio attuale; e l'agenzia per gli Affari dei veterani vedrebbe aumentare le proprie risorse del 6 per cento. Direte, sarebbe questo? Il riarmo? No, è il modo in cui Trump intende rafforzare le difese militari degli Stati Uniti senza facendo nel contempo diminuire la pressione fiscale e la spesa pubblica, quello che conta.

Questi aumenti di spesa militare, infatti, verrebbero piu' che compensati da tagli della spesa e al numero dei dipendenti federali senza precedenti, che riguarderebbero quasi tutti i principali dicasteri ad eccezione del Pentagono: tra questi il Lavoro (meno 21 per cento), l'Agricoltura (meno 21 per cento), il dipartimento di Stato e l'assistenza internazionale allo sviluppo (meno 29 per cento) e l'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa, meno 31 per cento).

Al di la' delle solite critiche strumentali nel merito delle singole voci di taglio della spesa, la proposta di bilancio dell'amministrazione Trump appare, secondo addirittura il "Washington Post" da sempre schierato in campo democratico, un colossale tentativo di ridimensionamento delle dimensioni e della portata dello Stato federale.

Quello di Trump, scrive oggi in prima pagina l'editorialista Dan Balz, "e' il piu' ambizioso tentativo di taglio della spesa domestica e contenimento dello Stato da quando l'ex presidente Ronald Reagan giunse a Washington, nel 1981". L'ambizione del presidente, scrive Balz, "va oltre i numeri della proposta di bilancio", e si evince pienamente dall'ordine esecutivo che Trump ha firmato questa settimana, e che avvia una generale riorganizzazione dell'Esecutivo statunitense.

L'ordine firmato da Trump, scrive l'opinionista, pare abbracciare un ambito assai maggiore rispetto all'"iniziativa di reinvenzione del governo" intrapresa blandamente da Bill Clinton negli anni Novanta. L'obiettivo della Casa Bianca e' chiaro quanto lapidario: individuare programmi e intere agenzie da eliminare per ridurre la spesa pubblica e l'onere dello stato amministrativo a carico di cittadini e imprese.

"I presidenti sono in grado di inaugurare nuove ere", commenta a sua volta John Samples del Cato Institute. "Se Trump dovesse davvero riuscire in quanto promesso durante la campagna elettorale, potremmo assistere d'ora innanzi a un nuovo ciclo, basato su una maggiore moderazione e una riduzione delle dimensioni del governo".

Per il momento, torna a sottolineare pero' Balz, quella che emerge dai provvedimenti del presidente e' soltanto una prospettiva; e la "decostruzione dello stato amministrativo" annunciata dal capo della strategia della Casa Bianca, nazionalista Stephen K. Bannon, e' un obiettivo che si presta alle piu' disparate declinazioni concrete: per il presidente Trump, ad esempio, non sara' semplice salvaguardare i programmi di sicurezza sociale dal Partito repubblicano, nonostante le promesse formulate prima delle elezioni dello scorso anno. Anche se di fronte all'ababttimento delle tasse, tutto il partito repubblicano lo seguirà come un sol uomo. 

Redazione Milano


TRUMP VARA RIFORME RADICALI DEL BILANCIO DELLO STATO: TAGLI GIGANTESCHI ALLA BUROCRAZIA E GIU' LE TASSE (COME REAGAN)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TRUMP   TASSE   BILANCIO   STATO   SPESA   MILITARE   TAGLI BUROCRAZIA   WASHINGTON   POST   REAGAN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ISIS E' CROLLATO, QUATTRO QUINTI DI MOSUL LIBERATI E IL PREMIER IRAKENO: ARRENDETEVI O VI AMMAZZIAMO TUTTI

L'ISIS E' CROLLATO, QUATTRO QUINTI DI MOSUL LIBERATI E IL PREMIER IRAKENO: ARRENDETEVI O VI
Continua

 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL MESE''

IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!