56.243.528
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TRUMP VARA RIFORME RADICALI DEL BILANCIO DELLO STATO: TAGLI GIGANTESCHI ALLA BUROCRAZIA E GIU' LE TASSE (COME REAGAN)

giovedì 16 marzo 2017

WASHINGTON - Le prime pagine dei principali quotidiani statunitensi sono occupate oggi dalla proposta di bilancio dello Stato federale per l'anno 2018, che verra' ufficialmente presentata oggi dall'amministrazione del presidente Usa Donald Trump. Una guida fondamentale, per chi in Europa voglia davvero cambiare radicalmente lo stato.

La proposta prevede un drastico aumento della spesa militare: il bilancio della Difesa verrebbe aumentato del 9 per cento rispetto alla legge di bilancio del 2017; il dipartimento per la Sicurezza interna otterrebbe fonti aggiuntivi pari al 7 per cento del suo bilancio attuale; e l'agenzia per gli Affari dei veterani vedrebbe aumentare le proprie risorse del 6 per cento. Direte, sarebbe questo? Il riarmo? No, è il modo in cui Trump intende rafforzare le difese militari degli Stati Uniti senza facendo nel contempo diminuire la pressione fiscale e la spesa pubblica, quello che conta.

Questi aumenti di spesa militare, infatti, verrebbero piu' che compensati da tagli della spesa e al numero dei dipendenti federali senza precedenti, che riguarderebbero quasi tutti i principali dicasteri ad eccezione del Pentagono: tra questi il Lavoro (meno 21 per cento), l'Agricoltura (meno 21 per cento), il dipartimento di Stato e l'assistenza internazionale allo sviluppo (meno 29 per cento) e l'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa, meno 31 per cento).

Al di la' delle solite critiche strumentali nel merito delle singole voci di taglio della spesa, la proposta di bilancio dell'amministrazione Trump appare, secondo addirittura il "Washington Post" da sempre schierato in campo democratico, un colossale tentativo di ridimensionamento delle dimensioni e della portata dello Stato federale.

Quello di Trump, scrive oggi in prima pagina l'editorialista Dan Balz, "e' il piu' ambizioso tentativo di taglio della spesa domestica e contenimento dello Stato da quando l'ex presidente Ronald Reagan giunse a Washington, nel 1981". L'ambizione del presidente, scrive Balz, "va oltre i numeri della proposta di bilancio", e si evince pienamente dall'ordine esecutivo che Trump ha firmato questa settimana, e che avvia una generale riorganizzazione dell'Esecutivo statunitense.

L'ordine firmato da Trump, scrive l'opinionista, pare abbracciare un ambito assai maggiore rispetto all'"iniziativa di reinvenzione del governo" intrapresa blandamente da Bill Clinton negli anni Novanta. L'obiettivo della Casa Bianca e' chiaro quanto lapidario: individuare programmi e intere agenzie da eliminare per ridurre la spesa pubblica e l'onere dello stato amministrativo a carico di cittadini e imprese.

"I presidenti sono in grado di inaugurare nuove ere", commenta a sua volta John Samples del Cato Institute. "Se Trump dovesse davvero riuscire in quanto promesso durante la campagna elettorale, potremmo assistere d'ora innanzi a un nuovo ciclo, basato su una maggiore moderazione e una riduzione delle dimensioni del governo".

Per il momento, torna a sottolineare pero' Balz, quella che emerge dai provvedimenti del presidente e' soltanto una prospettiva; e la "decostruzione dello stato amministrativo" annunciata dal capo della strategia della Casa Bianca, nazionalista Stephen K. Bannon, e' un obiettivo che si presta alle piu' disparate declinazioni concrete: per il presidente Trump, ad esempio, non sara' semplice salvaguardare i programmi di sicurezza sociale dal Partito repubblicano, nonostante le promesse formulate prima delle elezioni dello scorso anno. Anche se di fronte all'ababttimento delle tasse, tutto il partito repubblicano lo seguirà come un sol uomo. 

Redazione Milano


TRUMP VARA RIFORME RADICALI DEL BILANCIO DELLO STATO: TAGLI GIGANTESCHI ALLA BUROCRAZIA E GIU' LE TASSE (COME REAGAN)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TRUMP   TASSE   BILANCIO   STATO   SPESA   MILITARE   TAGLI BUROCRAZIA   WASHINGTON   POST   REAGAN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ISIS E' CROLLATO, QUATTRO QUINTI DI MOSUL LIBERATI E IL PREMIER IRAKENO: ARRENDETEVI O VI AMMAZZIAMO TUTTI

L'ISIS E' CROLLATO, QUATTRO QUINTI DI MOSUL LIBERATI E IL PREMIER IRAKENO: ARRENDETEVI O VI
Continua

 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL MESE''

IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »