71.080.688
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA

martedì 14 marzo 2017

AMSTERDAM - "Il mio idolo - ha detto in un'occasione - è Oriana Fallaci: capì il pericolo musulmano". Classe 1963, cattolico di formazione, nemico dell'immigrazione selvaggia, degli islamici che invadono l'Europa e l'Olanda, nazionalista e fiero avversario della Ue e dell'euro che sta devastando anche l'Olanda e grande ammiratore - oltre che della Fallaci - del regista assassinato Theo Van Gogh e della dama di ferro Lady Tatcher, Geert Wilders è la spina nel fianco delle euroburocrazie di Bruxelles e di tutte le oligarchie Ue. Al di là delle caratteristiche personali, Wilders è in ogni caso l'uomo del momento.

Un successo della sua formazione nel voto di domani con il Partito per la Libertà che potrebbe diventare il numero uno in Olanda, influenzerà notevolmente la politica non solo olandese: avrebbe conseguenze decisive per tutta l'Unione europea.

In attesa del voto, è comunque il ritratto del personaggio che si impone. Di fatto, Wilders si presenta come un vero baluardo contro il mondialismo e l'islamizzazione dell'Europa. A più riprese ha paragonato il Corano a "Mein Kampf di Hitler" e si è scagliato contro "l'islamizzazione" dei Paesi Bassi.

"Non dico che tutti i musulmani siano malvagi o terroristi, ma credo che in tutti i Paesi in cui l'Islam è la religione dominante si può constatare una mancanza di libertà, di democrazia, di stato di diritto". E come dargli torto? Contro questo spettro - l'islamizzazione della tollerante Olanda, e dell'Europa - Wilders presenta il "programma" del partito fatto di pochi, fondamentali, punti, tutti contenuti in un foglio formato A4: frontiere chiuse a tutti gli immigrati di origine musulmana e chiusura delle moschee, referendum per usicre dalla Ue e dall'euro, ritorno alla sovranità monetaria, controllo dei confini, e un programma sociale per difendere il lavoro dei cittadini olandesi.

A lungo alleato dell'attuale premier liberale Mark Rutte, Wilders ha rotto con lui e la sua formazione politica nel 2012, lasciando il governo e denunciadone la timidezza sulla questione immigrati e la sudditanza all'Europa. Il fratello Paul, che lo conosce bene, ha raccontato di recente allo Spiegel l'animo e l'orientamento di Geert: "in realtà lui non è né di destra né di sinistra e senz'altro non è xenofobo". 

Cresciuto all'ombra del politico nazionalista Pim Fortuyn, di cui è di fatto l'erede politico diretto, Wilders ha vissuto diverso tempo in Israele dove ha assistito alla crescente tensione con i palestinesi ai tempi della seconda intifada. Poi, con l'assassinio di Fortuyn nel 2002 e due anni più tardi con quello del registra anti-islam Theo van Gogh, la posizione di Wilders si è indurita.

Abile ad usare i meccanismi mediatici (che conosce benissimo) Wilders ha conquistato vastissimi consensi nell'elettorato di ogni età con evidente lucidità politica e scaltrezza. L'anno scorso è stato condannato per aver promesso in un comizio di fare in modo "di avere meno marocchini in Olanda" ma la condanna gli è servita soltanto ad aumentare la propria visibilità.

Un mese fa, in piena campagna elettorale, fingendo un'animosità che non ha, ma con indubbio fiuto tattico, Wilders per niente pentito dopo la condanna, ha aperto la sua campagna elettorale per le elezioni del 15 marzo con un nuovo attacco ai marocchini che vivono nei Paesi bassi, definendoli "feccia" e promettendo ai suoi sostenitori che con lui al potere "l'Olanda tornerà nostra".

In ogni caso, Wilders sottolinea a spada tratta di non essere razzista o antisemita. E' un grande ammiratore di Israele, è abbastanza distaccato nei confronti delle figure chiave della destra europa come Marine Le Pen, non amava Haider, non ama i "fascisti e i Mussolini d'Italia" e ha sottolineato a più riprese di detestare la "violenza" e quanto all'accusa di intolleranza che gli è stata spesso rivolta, Wilders ribatte: "dovremmo imparare a non tollerare più gli intolleranti".

Quanto a Oriana Fallaci, Wilders riconosce nella giornalista italiana il merito di chi ha capito prima di altri il pericolo islamico e qualche anno fa, in un tour italiano disse esplicitamente che il suo partito era "ispirato a lei". E sulla Fallaci Wilders è tornato di recente quando ha consigliato a Papa Francesco di rileggersi gli scritti della giornalista toscana, "prima di andare a pregare per gli immigrati". 

Questo è Geert Wilders, l'uomo che domani potrebbe assestare il colpo del KO alla Ue.

Redazione Milano


VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GEERT   WILDERS   UE   SILAM   ELEZIONI   OLANDA   FRONTIERE   EURO   BRUXELLES   BUROCRATI   GOVERNO   RUTTE   PVV    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua
M5S CANCELLA MOVI-FEST PIEMONTE ''CLIMA DI SCONFORTO E DEMOTIVAZIONE SERPEGGIA TRA GLI ATTIVISTI PER L'ALLEANZA COL PD''

M5S CANCELLA MOVI-FEST PIEMONTE ''CLIMA DI SCONFORTO E DEMOTIVAZIONE SERPEGGIA TRA GLI ATTIVISTI

lunedì 9 settembre 2019
Dal Corriere Piemonte: "«Causa crisi di governo» - questa la motivazione ufficiale - i 5 Stelle torinesi salteranno il loro consueto appuntamento con il «MoviFest». La festa
Continua
 
SALVINI: POSSONO SCAPPARE DAL VOTO, MA NON PER SEMPRE. SE RIAPRONO I PORTI E RIMETTONO LA LEGGE FORNERO SARANNO CACCIATI

SALVINI: POSSONO SCAPPARE DAL VOTO, MA NON PER SEMPRE. SE RIAPRONO I PORTI E RIMETTONO LA LEGGE

lunedì 9 settembre 2019
"Il 19 ottobre sarà una giornata nazionale di liberazione del governo delle poltrone senza bandiere di partito aperta a tutti i cittadini, quindi chi non c'è oggi ha un mese di tempo
Continua
ESCONO ALLO SCOPERTO PARLAMENTARI M5S CONTRO IL GOVERNO E CONTE. ACCADE A POCHE ORE DAL GIURAMENTO. UN VERO ''RECORD''!

ESCONO ALLO SCOPERTO PARLAMENTARI M5S CONTRO IL GOVERNO E CONTE. ACCADE A POCHE ORE DAL GIURAMENTO.

giovedì 5 settembre 2019
 "Mi dispiace dirlo ma l'indicazione di Gentiloni come Commissario Ue e' il primo, si spera uno degli unici, errori del nuovo Governo. Purtroppo non e' una scelta del Parlamento ma spero che i
Continua
 
LA STREGA LAGARDE CAPA DELLA BCE ''BENEDICE'' IL FUTURO MINISTRO-SERVO DELL'ECONOMIA GUALTIERI, DEL PD. OLIGARCHI BRINDANO

LA STREGA LAGARDE CAPA DELLA BCE ''BENEDICE'' IL FUTURO MINISTRO-SERVO DELL'ECONOMIA GUALTIERI, DEL

mercoledì 4 settembre 2019
L'indipendenza della Bce e' "fondamentale" per la sua credibilita' e i leader politici devono evitare di cercare di "influenzare" l'Eurotower. Lo ha detto la presidente designata della Bce, Christine
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A BRUXELLES)

ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A
Continua

 
LA UE ORGANIZZA UNA ''CONFERENZA'' ALLE ISOLE FIJI E CI VANNO 45 EURODEPUTATI (TUTTO GRATIS) PER 3 GIORNI A DIVERTIRSI

LA UE ORGANIZZA UNA ''CONFERENZA'' ALLE ISOLE FIJI E CI VANNO 45 EURODEPUTATI (TUTTO GRATIS) PER 3
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!