54.208.796
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA

martedì 14 marzo 2017

AMSTERDAM - "Il mio idolo - ha detto in un'occasione - è Oriana Fallaci: capì il pericolo musulmano". Classe 1963, cattolico di formazione, nemico dell'immigrazione selvaggia, degli islamici che invadono l'Europa e l'Olanda, nazionalista e fiero avversario della Ue e dell'euro che sta devastando anche l'Olanda e grande ammiratore - oltre che della Fallaci - del regista assassinato Theo Van Gogh e della dama di ferro Lady Tatcher, Geert Wilders è la spina nel fianco delle euroburocrazie di Bruxelles e di tutte le oligarchie Ue. Al di là delle caratteristiche personali, Wilders è in ogni caso l'uomo del momento.

Un successo della sua formazione nel voto di domani con il Partito per la Libertà che potrebbe diventare il numero uno in Olanda, influenzerà notevolmente la politica non solo olandese: avrebbe conseguenze decisive per tutta l'Unione europea.

In attesa del voto, è comunque il ritratto del personaggio che si impone. Di fatto, Wilders si presenta come un vero baluardo contro il mondialismo e l'islamizzazione dell'Europa. A più riprese ha paragonato il Corano a "Mein Kampf di Hitler" e si è scagliato contro "l'islamizzazione" dei Paesi Bassi.

"Non dico che tutti i musulmani siano malvagi o terroristi, ma credo che in tutti i Paesi in cui l'Islam è la religione dominante si può constatare una mancanza di libertà, di democrazia, di stato di diritto". E come dargli torto? Contro questo spettro - l'islamizzazione della tollerante Olanda, e dell'Europa - Wilders presenta il "programma" del partito fatto di pochi, fondamentali, punti, tutti contenuti in un foglio formato A4: frontiere chiuse a tutti gli immigrati di origine musulmana e chiusura delle moschee, referendum per usicre dalla Ue e dall'euro, ritorno alla sovranità monetaria, controllo dei confini, e un programma sociale per difendere il lavoro dei cittadini olandesi.

A lungo alleato dell'attuale premier liberale Mark Rutte, Wilders ha rotto con lui e la sua formazione politica nel 2012, lasciando il governo e denunciadone la timidezza sulla questione immigrati e la sudditanza all'Europa. Il fratello Paul, che lo conosce bene, ha raccontato di recente allo Spiegel l'animo e l'orientamento di Geert: "in realtà lui non è né di destra né di sinistra e senz'altro non è xenofobo". 

Cresciuto all'ombra del politico nazionalista Pim Fortuyn, di cui è di fatto l'erede politico diretto, Wilders ha vissuto diverso tempo in Israele dove ha assistito alla crescente tensione con i palestinesi ai tempi della seconda intifada. Poi, con l'assassinio di Fortuyn nel 2002 e due anni più tardi con quello del registra anti-islam Theo van Gogh, la posizione di Wilders si è indurita.

Abile ad usare i meccanismi mediatici (che conosce benissimo) Wilders ha conquistato vastissimi consensi nell'elettorato di ogni età con evidente lucidità politica e scaltrezza. L'anno scorso è stato condannato per aver promesso in un comizio di fare in modo "di avere meno marocchini in Olanda" ma la condanna gli è servita soltanto ad aumentare la propria visibilità.

Un mese fa, in piena campagna elettorale, fingendo un'animosità che non ha, ma con indubbio fiuto tattico, Wilders per niente pentito dopo la condanna, ha aperto la sua campagna elettorale per le elezioni del 15 marzo con un nuovo attacco ai marocchini che vivono nei Paesi bassi, definendoli "feccia" e promettendo ai suoi sostenitori che con lui al potere "l'Olanda tornerà nostra".

In ogni caso, Wilders sottolinea a spada tratta di non essere razzista o antisemita. E' un grande ammiratore di Israele, è abbastanza distaccato nei confronti delle figure chiave della destra europa come Marine Le Pen, non amava Haider, non ama i "fascisti e i Mussolini d'Italia" e ha sottolineato a più riprese di detestare la "violenza" e quanto all'accusa di intolleranza che gli è stata spesso rivolta, Wilders ribatte: "dovremmo imparare a non tollerare più gli intolleranti".

Quanto a Oriana Fallaci, Wilders riconosce nella giornalista italiana il merito di chi ha capito prima di altri il pericolo islamico e qualche anno fa, in un tour italiano disse esplicitamente che il suo partito era "ispirato a lei". E sulla Fallaci Wilders è tornato di recente quando ha consigliato a Papa Francesco di rileggersi gli scritti della giornalista toscana, "prima di andare a pregare per gli immigrati". 

Questo è Geert Wilders, l'uomo che domani potrebbe assestare il colpo del KO alla Ue.

Redazione Milano


VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GEERT   WILDERS   UE   SILAM   ELEZIONI   OLANDA   FRONTIERE   EURO   BRUXELLES   BUROCRATI   GOVERNO   RUTTE   PVV    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL  PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA DI MATTEO SALVINI

ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA

mercoledì 22 novembre 2017
Diffuse oggi anticipazioni del programma per l'economia della Lega, che sarà asse portante della campagna elettorale prima, poi del governo del Paese in caso di vittoria. Il programma porta
Continua
 
REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL NELL'ESTATE DEL 2015

REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL

mercoledì 22 novembre 2017
BERLINO - La situazione generale della sicurezza in Germania non si e' deteriorata, sostengono le autorita' di governo, ma i fatti danno loro torto. E' vero che la maggior parte delle aggressioni a
Continua
INCHIESTA-BOMBA DELLA PROCURA DI MILANO: ALTO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA HA VENDUTO SEGRETI A ERNST & YOUNG

INCHIESTA-BOMBA DELLA PROCURA DI MILANO: ALTO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA HA VENDUTO

mercoledì 22 novembre 2017
MILANO - La notizia di questa inchiesta di corruzione letteralmente "esplosiva" che potrebbe arrivare a coinvolgere tutti i governi italiani dal 2012 ad oggi, apre il Corriere della Sera in edicola e
Continua
 
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
 
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A BRUXELLES)

ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A
Continua

 
LA UE ORGANIZZA UNA ''CONFERENZA'' ALLE ISOLE FIJI E CI VANNO 45 EURODEPUTATI (TUTTO GRATIS) PER 3 GIORNI A DIVERTIRSI

LA UE ORGANIZZA UNA ''CONFERENZA'' ALLE ISOLE FIJI E CI VANNO 45 EURODEPUTATI (TUTTO GRATIS) PER 3
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!