64.786.326
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO E' CRESCIUTO DI 300 MILIARDI DAL 2011, LE TASSE IN PARALLELO AUMENTATE DEL 3% (E ADESSO?)

lunedì 13 marzo 2017

Gli oligarchi di bruxelles stanno facendo pressione sul governo italiano affinché aumenti di due punti percentuali l’IVA per rispettare i “sacri vincoli di bilancio” imposti dall’austerità teutonica.

Si tratterebbe dell’ennesima manovra lacrime e sangue (e nemmeno l’ultima, visto che l’obbiettivo tedesco è quello di mettere le mani sui risparmi degli italiani), fatta nell’inutile tentativo di ridimensionare il deficit ed il debito pubblico italiano.

Manovra inutile, perché l’eccesso di tassazione, come insegna Laffer, porta solo ad una riduzione del potere d’acquisto, quindi dei consumi e di conseguenza della produzione e della crescita del paese. Ragion per cui il debito pubblico, sia in termini reali che percentuali, sarà destinato a crescere anziché ridursi.

A riprova di questo, citiamo alcuni dati a nostro giudizio interessanti:

- La pressione fiscale reale è passata dal 47,4% del 2011 al 50,2% del 2015 (non ci sono ancora stime definitive per il 2016)

- Il debito pubblico, nello stesso periodo è passato da 1.907 miliardi del 2011 a quasi 2.200 a fine 2015. 300 miliardi di debito pubblico in più a fronte di un aumento di quasi tre punti percentuali di pressione fiscale sui redditi degli italiani.

- In termini percentuali il debito pubblico è aumentato di quasi il 14%!

Risulta quindi evidente che le tasse NON sono assolutamente la via di risanamento dei conti, e NEMMENO il taglio della spesa, dato che l’Italia è una delle nazioni con il più alto avanzo primario al mondo. Avete letto bene: del mondo intero.

Cos’è l’avanzo primario? La differenza artimetica tra incassi dello stato per le tasse e ogni altro genere di balzello diretto e indiretto e le uscite dello stato al netto della spesa per interessi sul debito pubblico. Tradotto in parole semplici, lo stato italiano spende molto meno di quanto in cassa, al netto degli interessi sul debito pubblico.

Questo è il frutto avvelenato del duo Andreatta-Ciampi, due autentiche calamità economiche premiate con ruoli di estrema importanza politica, che hanno letteralmente portato al disastro di questi anni, congiuntamente all’euro, di cui soprattutto il secondo era un grande estimatore (i disastri, si sa, bisogna farli grandi, altrimenti non c’è gusto).

Furono infatti loro due a sancire che la Banca d’Italia non potesse più essere prestatore di ultima istanza sul debito pubblico italiano, lasciandolo così in balia degli speculatori che, ovviamente, hanno come unico obbiettivo massimizzare gli interessi e non certo quello di far progredire una nazione.

Provate a chiedere, giusto per fare un paio di esempi, a inglesi o giapponesi cosa ne pensino del divieto da parte delle banche centrali di essere prestatori di ultima istanza e vi guarderanno con vivo compatimento, un po’ come si guarda il nonno che ormai non c’è più con la testa. Loro, infatti, lo sono e con questo hanno tagliato unghie - e artigli - degli speculatori internazionali.

Se questo paese vuole salvarsi ha una sola strada: uscire dalla Ue e dall’euro e tornare a battere moneta sovrana, con una banca centrale prestatore di ultima istanza. Senza questo, non c’è alcuna speranza non solo di ripresa, ma neppure di sopravvivenza e chi si ostina a difendere la ue e l’euro deve essere consapevole che sta volutamente e scientemente distruggendo il futuro di questo paese.

Luca Campolongo

 

Fonti:

http://www.ilcaffe.tv/articolo/22077/la-pressione-fiscale-sfonda-il-tetto-del-50

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/02/27/economia-italiana-in-ripresa-ecco-alcuni-dati/2502367/

http://www.imolaoggi.it/2015/10/24/ue-debito-pubblico-italiano-sale-al-136-nel-2-trimestre-2204-miliardi/

 


IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO E' CRESCIUTO DI 300 MILIARDI DAL 2011, LE TASSE IN PARALLELO AUMENTATE DEL 3% (E ADESSO?)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   ITALIA   DEBITO   PUBBLICO   ANDREATTA   CIAMPI   GIAPPONESI   INGLESI   BANCA   ITALIA   AVANZO   PRIMARIO   IVA   GOVERNO   LADRI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
 
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CGIA DI MESTRE: BUSTE PAGA MASSACRATE DALLE TASSE E ALLE IMPRESE GLI STIPENDI COSTANO IL DOPPIO DEL NETTO (UNA PAZZIA)

CGIA DI MESTRE: BUSTE PAGA MASSACRATE DALLE TASSE E ALLE IMPRESE GLI STIPENDI COSTANO IL DOPPIO DEL
Continua

 
SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A UN PASSO DAL DEFAULT

SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!