72.684.782
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: ''APPENA LA BCE TERMIERA' IL QUANTITATIVE EASING, LA ZONA EURO IMPLODERA''' (A PARTIRE DALL'ITALIA)

lunedì 6 marzo 2017

NEW YORK - Ancora una volta, il princpale quotidiano finanziario mondiale punta l'indice contro le storture dell'euro e le gravissime conseguenze che stanno provocando nei Paesi che l'hanno adottato, principale delle quali è il fallimento sostanziale degli obbiettivi di crescita, benessere e sviluppo decantati all'epoca dalle elite politiche che vollero a tutti i costi introdurlo.

"La nascita dell'euro, 25 anni fa, fu accompagnata dalla promessa fatta ai cittadini che la nuova moneta unica avrebbe innescato una graduale positiva convergenza delle economie nazionali che l'avessero adottata. Tale promessa non si e' concretizzata - scrivono prima pagina Alessandro Speciale e Piotr Skolimowski sul Wall Street Journal -.

"Anche oggi, che l'eurozona sembra aver ritrovato la strada di una modesta crescita economica - sottoliena il Wall Street Journal - l'analisi delle singole economie nazionali restituisce un quadro disomogeneo, che peggiorerà ulteriormente una volta conclusa la politica di Quantitative easing della Banca centrale europea".

"L'eurozona, che attualmente comprende 19 paesi, apperentemene sembra giunta al terzo anno di una ripresa che sta sanando alcune delle ferite causate dalla crisi del debito del 2008. Gli ultimi dati relativi all'eurozona presi nel loro nel insieme fotograferebbero un aumento della fiducia economica per il sesto mese consecutivo, un calo della disoccupazione giovanile ai minimi da otto anni e un'accelerazione dell'inflazione cui non si assisteva da gennaio 2013".

Ma la realtà non è affatto questa.

Una serie di grafici presentati dai due autori dell'editoriale evidenziano come dietro questi dati, ottenuti da medie aritmetiche, si nascondano invece singole realta' nazionali del tutto differenti tra loro e alcune in una crisi spaventosa.

"A distanza di un quarto di secolo - sostiene l'editoriale del Wall Street Journal -  e' possibile affermare che aveva ragione il cosiddetto gruppo degli economisti che includeva tra gli altri il presidente della Bundesbank Karl Blessing, che sostenevano fosse necessario procedere a un allineamento delle politiche economiche e di bilancio, prima di intraprendere l'integrazione monetaria facendo effettivamente circolare l'euro". Ma non è stato fatto, sottoliena il quotidiano.

"Su quel gruppo ebbe la meglio quello dei "monetaristi" guidato dalla Francia, secondo cui l'unione monetaria sarebbe bastata da sola a innescare un graduale processo di convergenza economica. Negli ultimi 25 anni, la mera esistenza dell'euro non e' bastata, alla fine, a spingere le economie nazionali le une piu' vicine alle altre, anzi ne ha accentuato l'allontanamento in termini di Pil pro-capite, salari, occupazione".

"E la passivita' con cui i governi hanno assistito in nome dell'euro al fallimento di questo obiettivo, affidato alla presunta azione taumaturgica della moneta unica, ha fatto si' che la zona euro accumulasse divisioni ancor piu' profonde che per il momento la Bce sta nascondendo con il Quantitative Easing".

A questo proposito, gli autori dell'articolo pubblicato sul Wall Street Journal di oggi, Speciale e Skolimowski sottolineano "che la principale spinta all'adozione dell'euro non venne tanto dalle disparita' in termini di reddito disponibile, quanto dalla volonta' unicamente politica di accelerare il processo di integrazione europea e dalle turbolenze finanziarie e valutarie seguite alla fine del sistema di Bretton Woods, negli anni Settanta. In termini di convergenza finanziaria, l'euro ha effettivamente portato a progressi, che pero' sono stati in gran parte cancellati dalla crisi del debito sovrano del 2008 alla quale non ha retto. E cosa accadrà quando la Bce terminerà il maquillage del Quantitative Easing? La fine del QE aggraverà immediatamente gli squilibri. Fino alla rottura".

Redazione Milano.


WALL STREET JOURNAL: ''APPENA LA BCE TERMIERA' IL QUANTITATIVE EASING, LA ZONA EURO IMPLODERA''' (A PARTIRE DALL'ITALIA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WALL   STRET   JOURNAL   QE   DRAGHI   ITALIA   ZONA   EURO   MONETARISTI   PIL   DEBITO   SOVRANO   BRETTON   WOODS   BCE   QUANTITATIVE   EASING    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN OLANDA SI VOTERA' 15 MARZO: I SONDAGGI DANNO LA DESTRA NAZIONALISTA DI WILDERS INTESTA CON UN'ASCESA IRREFRENABILE

IN OLANDA SI VOTERA' 15 MARZO: I SONDAGGI DANNO LA DESTRA NAZIONALISTA DI WILDERS INTESTA CON
Continua

 
SONDAGGIO BOMBA IN OLANDA: IL 56% DEI CITTADINI OLANDESI CHE ANDRANNO A VOTARE IL 15 MARZO VUOLE USCIRE DALLA UE

SONDAGGIO BOMBA IN OLANDA: IL 56% DEI CITTADINI OLANDESI CHE ANDRANNO A VOTARE IL 15 MARZO VUOLE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »