57.639.836
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA COMPLICITA' DELLE ONLUS

lunedì 27 febbraio 2017

BRUXELLES - L'agenzia europea Frontex ha avvertito che centinaia di migliaia di migranti, provenienti perlopiu' dall'Africa Occidentale, sono in attesa di imbarcarsi verso l'Italia dalle coste della Libia. Secondo Frontex non meno di 300.000 africani sarebbero già in Libia pronti per un'ondata di invasione dell'Italia senza precedenti, se non verranno in qualche modo fermati.

Di fronte a questi numeri, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Taiani, torna ad avanzare la proposta di una gestione della crisi migratoria direttamente sul territorio libico: "Sarebbe giusto realizzare centri di accoglienza direttamente in Libia, e la Ue dovrebbe prendere accordi in tal senso con quel paese africano".

Questi centri, precisa Tajani, non dovrebbero limitarsi alla gestione delle domande di asilo, ma fornire servizi di base come assistenza medica e farmacologica. "Occorre mettere a disposizione il necessario per consentire alla gente di vivere in dignita' per alcuni mesi o anni, senza che quelle strutture divengano campi di concentramento", spiega il politico italiano.

Tajani immagina una sorta di piano Marshall per l'Africa: "Agiamo adesso, o milioni di africani si riverseranno in Europa nell'arco dei prossimi 20 anni" (via Italia che ha le frontiere spalancate, ovviamente).

Il presidente del Parlamento europeo pone anche l'accento sulla necessita' di sviluppare joint venture per la modernizzazione dell'agricoltura nel Continente africano.

Ma le prese di posizione di Tajani sono poca cosa rispetto invece la dura denuncia del numero uno di Frontex.

Fabrice Leggeri, direttore dell'agenzia Frontex, ha spiegato che il numero dei migranti in attesa di salpare verso l'Europa e' in aumento, ed ha puntato l'indice contro le organizzazioni non governative - alcune delle quali italiane - che imbarcano migranti a poche miglia delle coste libiche, in acque territoriali libiche, quindi, per poi traghettarli in Europa: "Un buon 40 per cento delle operazioni e' stato effettuato da queste ultime", ha dichiarato al quotidiano tedesco Die Welt che pubblica oggi un lungo articolo al riguardo.

"Troppo spesso navi europee recuperano migranti vicinissimo alle coste libiche, agevolando il traffico di bande criminali", ha proseguito Leggeri. "Abbiamo bisogno di una combinazione di sicurezza delle frontiere e canali legali di ingresso", ha aggiunto il funzionario, sottolineando che un accordo con paesi africani come il Niger e' importante quanto quello con la Libia. 

Sarebbe fondamentale che la magistratura italiana aprisse immediatamente un'inchiesta per accertare le gravi responsabilità e complicità delle onlus nel traffico - che produce immensi guadagni criminali - di africani verso l'Italia, ma al momento non si hanno notizie al riguardo.

Redazione Milano.


FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA COMPLICITA' DELLE ONLUS




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.

venerdì 23 febbraio 2018
WASHIGTON - I regolatori statunitensi hanno bloccato l'acquisizione da parte di un fondo cinese appoggiato dallo Stato della Cina dell'azienda texana Xcerra, produttrice di apparecchiature per il
Continua
 
VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL. L'ALTERNATIVA? LASCIARE LA UE

VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL.

giovedì 22 febbraio 2018
Uno dei punti principali dei partiti sovranisti riguarda la rinegoziazione degli accordi che reggono la ue e la sua profonda struttura antidemocratica o l’uscita del paese dall’unione
Continua
ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da
Continua
 
SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1 L'HANNO LEGATO E MASSACRATO

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1

mercoledì 21 febbraio 2018
PALERMO - Almeno sei persone hanno accerchiato a Palermo il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino, legandolo mani e piedi con nastro adesivo da imballaggio e pestandolo a sangue. E'
Continua
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
 
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA
Continua

 
DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!