59.989.827
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA FRANCIA - IN SILENZIO - HA RESPINTO FINORA IN ITALIA 30.000 AFRICANI CHE HANNO PROVATO A INVADERLA DALLA LIGURIA

mercoledì 8 febbraio 2017

PARIGI - Bisogna leggere il quotidiano di sinistra Libèration, che dedica grande spazio alla notizia, per venire a sapere che la Francia arresta e rispedisce sistematicamente in Italia - in Liguria - decine di migliaia di africani che provano ad attraversare illegalmente il confine.  

Libèration ovviamente protesta, pubblicando il rapporto di Amnesty International reso pubblico oggi ed in cui e' "denunciato" il sistematico respingimento verso l'Italia dei migranti giunti alla frontiera sud-orientale della Francia, in presunta violazione dei "loro diritti" (quali? di invadere la Francia?).

"Non si tratta di fatti isolati" accusa Jean-Francois Dubost, responsabile del programma "Protezione delle popolazioni" di Amnesty: nel 2016, almeno 30 mila misure di respingimento di migranti sono state emesse nel dipartimento delle Alpi-Marittime, cioe' quasi il 70 per cento del totale di tutta la Francia; l'unico obbiettivo che sembra preoccupare le autorita' francesi sembra essere quello di respingere i migranti verso l'Italia, senza preoccuparsi di regole e diritti.

Insomma, scrive Libèration, la frontiera franco-italiana e' diventata una zona senza legge(!), come se esistesse una legge che permetta di travalicare qualunque frontiera senza documenti, senza identità, da perfetti fantasmi. Accade solo in Italia.

La denuncia di Amnesty e' basata sui racconti di suoi avvocati e di testimoni ovviamente trovati tra i respinti, ovvero tra i clandestini, e anche sui dati raccolti da altre organizzazioni umanitarie - che lucrano sull'accoglienza -, nonche' dai rapporti sul campo realizzati dai suoi stessi volontari nel periodo dal 19 al 26 gennaio scorsi.

Per contro, nonostante le richieste e le sollecitazioni di Amnesty, dalle autorita' statali e di frontiera francesi non e' venuta nessuna risposta, precisazione o commento.

Amnesty punta il dito contro punti a suo dire dolenti delle politiche di sicurezza applicate in questa zona della Francia dal ministero dell'Interno di Parigi: il primo sarebbe il mancato rispetto delle procedure previste dalla stessa legge francese, ma Amnesty non cita il fatto che dal 2015 sono stati reintrodotti i controlli alle frontiere e chi non è cittadino Ue può entrare in Francia solo col visto rilasciato dall'ambasciata di Francia nel paese d'origine.

Poi Amnesty lamenta le presunte violazioni dei "diritti dei richiedenti asilo politico" ma ancora Amnesty volontariamente scorda che gli africani che cercano d'entrare illegalmente in Francia dall'Italia devono avere già presentato domanda d'asilo in Italia e se l'Italia non l'ha fatto, la responsabilità ricade sulle autorità italiane inadempienti, non sulle autorità francesi.

In ultimo Amnesty denuncia il trattamento dei minorenni non accompagnati, respinti anche loro, e ovviamente non può che essere così, anzi questo fatto che minorenni da soli cerchino di entrare illegalmente in Francia evidenzia l'enorme buco nero dell'immigrazione africana senza controllo che sta inghiottendo l'Italia.

E cosi' ai migranti che arrivano dall'Italia alla frontiera francese vengono affibbiati fogli di espulsione immediata, molti vengono arrestati a bordo di treni e bus o lungo le strade all'interno del territorio francese e successivamente tenuti in custodia in carcere fino al momento dell'espulsione. E quanto ai presunti "minorenni" c'è da precisare che praticamente nessuno di loro è un bambino, si tratta di giovani africani che al fine di ottenere un trattamento privilegiato dalle leggi italiane dichiarano la minore età, senza avere alcun documento che lo comprovi, e infatti le autorità francesi che non si fanno prendere in giro, semplicemente li classificano come adulti, ovvero maggiori di 18 anni. E li espellono in Italia.

Tutto cio' avviene - va detto chiaro - da quando la Francia ha deciso di ripristinare i controlli alle sue frontiere dopo le stragi terroristiche del 13 novembre 2015 a Parigi. E anche Libèration è costretta a scrivere che è "un provvedimento comprensibile". "Ma questo", accusa invece Amnesty, "non significa che le autorita' hanno carta bianca" per respingere verso l'Italia le persone, senza alcun rispetto delle formalita' e quindi sostanzialmente in maniera illegale". Accusa falsa e ridicola, quella di Amnesty, tant'è che la Francia neppure ha risposto, ma questa organizzazione non è nuova alla manipolazione delle notizie, se non alla loro invenzione di sana pianta. Non a caso tra i maggiori finanziatori di Amnesty International c'è il famigerato finanziere George Soros.

Redazione Milano.


LA FRANCIA - IN SILENZIO - HA RESPINTO FINORA IN ITALIA 30.000 AFRICANI CHE HANNO PROVATO A INVADERLA DALLA LIGURIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   AFRICANI   PARIGI   INVASIONE   AMNESTY   INTERNATIONAL   CONFINE   LIGURIA   ARRESTI   PRIGIONE   ESPULSIONI   SOROS   ITALIA   GOVERNO   BARCONI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ECCO IL PROGETTO POLITICO DI GIORGIA MELONI: ''ITALIA SOVRANA'' CHE VEDE NELLA LEGA L'ALLEATO PRINCIPALE

ECCO IL PROGETTO POLITICO DI GIORGIA MELONI: ''ITALIA SOVRANA'' CHE VEDE NELLA LEGA L'ALLEATO
Continua

 

LA LETTERA DI ADDIO SCRITTA DA UN RAGAZZO ITALIANO DI 30 ANNI, DISOCCUPATO. CHE SI E' IMPICCATO.


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!