62.651.184
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL WALL STREET JOURNAL AFFONDA L'EUROZONA: ''E' UN GROVIGLIO DI RISCHI ACUTI E CRONICI DA CUI STARE ALLA LARGA''

mercoledì 8 febbraio 2017

NEW YORK - L'editorialista Richard Barley, del Wall Street Journal, commenta la volatilita' che ha colpito l'euro e i rendimenti delle obbligazioni sovrane dell'eurozona a causa dell'incertezza politica che cova sul Vecchio continente, e la sua analisi non promette nulla di buono, per il futuro dell'euro.

"Negli ultimi anni - scrive Barley - le previsioni di un collasso dell'eurozona si sono succedute numerose quanto fallaci al momento, ma il problema, per gli investitori, e' che nessuna di queste previsioni puo' essere ignorata a cuor leggero: l'Eurozona - scrive - e' un groviglio di rischi acuti e cronici".

"A monopolizzare le preoccupazioni dei mercati - prosegue Barley -  da alcune settimane e' l'approssimarsi delle elezioni politiche francesi, e il rischio che a prevalere sia il partito euroscettico Front national, guidato da Marine Le Pen: quest'ultima ha dichiarato che in caso di vittoria, predisporra' l'uscita della Francia dall'euro e persino dall'Unione Europea. Lo spread dei titoli decennali francesi rispetto ai tedeschi e' aumentato, e il divario si e' fatto tanto maggiore perche' i rendimenti sui titoli tedeschi sono contestualmente calati: una combinazione assai sfavorevole per i timonieri della politica monetaria europea, primo tra tutti il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, impegnato in sforzi sovrumani per dare compattezza al mercato obbligazionario europeo dopo la crisi del debito sovrano in alcune nazioni dell'Eurozona, come Grecia, Spagna, Irlanda, Portogallo, Italia".

"Ma il punto è che se anche Marine Le Pen non riuscisse ad accedere all'Eliseo, le incertezze non svanirebbero. L'eurozona resta un progetto realizzato a metà, e bisognoso di una qualche forma di importante ripensamento".

"Sinora - precisa Barley sulla prima pagina del Wall Street Jounal di oggi - i rimedi ai problemi europei sono sempre stati emergenziali e raffazzonati, mai tesi all'elaborazione di soluzioni sistemiche. Gli investitori dovrebbero preoccuparsi della Germania quanto della Francia: Berlino dovrebbe tollerare maggiore inflazione e un aumento della domanda domestica, ma sinora ha retto lo stendardo del rigore fiscale, il che ha provocato danni".

"Affinche' l'Eurozona possa davvero prosperare, la Germania dovra' fare la sua parte quanto i paesi meridionali ma pare non disporre della volonta' politica necessaria, anzi va nella direzione opposta. L'ironia - sottolinea l'editorialista - e' che l'economia europea sembra aver finalmente ripreso un qualche vigore, almeno in alcune nazioni dell'euro. Ma i problemi strutturali irrisolti dell'euro pesano sui mercati del Vecchio continente, e ad oggi - conclude Barley - l'Ue pare destinata ad arrancare ancora lungo un percorso irto di ostacoli. Sino a quando non si fronteggera' questo nodo cruciale, che si chiama valuta unica europea, ci saranno sempre rischi politici come le elezioni francesi a pesare continuamente sulla serenita' degli investitori. Si continuerà a passare da una minaccia di crollo all'altra, finchè alla fine accadrà".

Redazione Milano.


IL WALL STREET JOURNAL AFFONDA L'EUROZONA: ''E' UN GROVIGLIO DI RISCHI ACUTI E CRONICI DA CUI STARE ALLA LARGA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WALL   STREET   JOURNAL   ACCUSA   EURO   EUROZONA   CRISI   RISCHI   ACUTI   DRAGHI   BCE   MARINE   LE   PEN   ELISEO   ELEZIONI   GERMANIA   FRANCIA   OLANDA   SPAGNA   PORTOGALLO   IRLANDA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN OLANDA, RACCOLTE 45.000 FIRME PER CHIEDERE UNA COMMISSIONE D'INCHIESTA SUI MOTIVI PER CUI E' STATO ADOTTATO L'EURO

IN OLANDA, RACCOLTE 45.000 FIRME PER CHIEDERE UNA COMMISSIONE D'INCHIESTA SUI MOTIVI PER CUI E'
Continua

 
SONDAGGIO: 71% POLACCHI 65% AUSTRIACI 53% TEDESCHI 51% ITALIANI A FAVORE DEL BLOCCO IMMIGRAZIONE DAI PAESI MUSULMANI

SONDAGGIO: 71% POLACCHI 65% AUSTRIACI 53% TEDESCHI 51% ITALIANI A FAVORE DEL BLOCCO IMMIGRAZIONE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!