71.141.593
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PRESIDENTE DEL PIU' IMPORTANTE CENTRO STUDI ECONOMICI DELLA GERMANIA: ''POSSIBILE CRISI DELL'EURO. LA UE INTRODUCA DAZI''

martedì 7 febbraio 2017

MONACO DI BAVIERA - Clemens Fuest, 48 anni, e' presidente dell'autorevole Istituto Ifo di Monaco di Baviera da dieci mesi. In questo breve lasso di tempo, l'economista docente di Oxford e' riuscito ad affermarsi come voce della coscienza politico-economica della Germania, e non è davvero poco, vista la provenienza dalla "perfida Albione".

In una lunga intervista rilasciata oggi al quotidiano finanziario Handelsblatt, Fuest discute i possibili effetti per la Germania dell'insediamento alla presidenza Usa di Donald Trump.

"La Germania - avverte l'economista - sconta tre debolezze economiche. La prima e' la grande dipendenza tedesca dalle esportazioni. L'integrazione nell'economia mondiale e' una forza e un pilastro importante della nostra prosperita', ma in tempi di tendenze protezionistiche si trasforma in un fattore di rischio", spiega Fuest.

"Quindi, lo smantellamento del sistema commerciale internazionale da parte degli Usa per la Germania e' ancor piu' pericoloso che per gli altri Paesi. La seconda debolezza -  prosegue - è data dall'invecchiamento della popolazione tedesca, e la terza dalla possibile crisi dell'euro". Ed è la prima volta in assoluto che l'Ifo parla apertamente di fine dell'euro.

Il presidente dell'Ifo, inoltre, guarda con favore all'apertura dei Socialdemocratici tedeschi dell'Spd al trattato Ceta con il Canada, e contesta invece le proposte di introdurre una tassa sui patrimoni e di aumento delle imposte di successione.

"Esiste effettivamente un problema di distribuzione della ricchezza, ed e' proprio questo problema una delle prime cause di fenomeni politici come quello di Donald Trump. L'imposta sui beni - sostiene pero' Fuest - avrebbe poco senso perche' le grandi fortune liquide possono facilmente lasciare la Germania. Paesi come la Svezia hanno addirittura abolito la tassa di successione e di proprietà".

"Sarebbe ingannevole - secondo Fuest - ritenere che il pareggio di bilancio della Germania conseguito dal ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble sia un grande successo ottenuto dalle sue politiche. Piu' che con i tagli alla spesa, il bilancio tedesco oggi è in pareggio per aumento delle entrate fiscali e soprattutto per il drastico abbassamento dei costi di rifinanziamento del debito" come conseguenza della fragilità di alcuni stati della zona euro che ha visto investire per ragioni precauzionali forti capitali in titoli stato tedeschi il cui rendimento è disceso perfino sotto lo zero.

"L'economia tedesca ha beneficiato si' delle riforme fatte durante il cancellierato di Schroeder, ma prima di tutto del basso tasso d'interesse del costo del denaro, del basso costo del greggio e della sottovalutazione dell'euro".

Nel quadro mondiale - conclude l'economista presidente dell'Ifo - i dazi commerciali ventilati dal presidente statunitense sarebbero assai pericolosi per l'economia tedesca. A suo modo, l'Europa dovrebbe rispondere a misure protezionistiche con misure protezionistiche. Questo dovrebbe costituire un deterrente per evitare una guerra commerciale. Al contempo, l'Ue dovrebbe puntare a intensificare le relazioni commerciali con Canada, Messico, Giappone e Cina. Ed e' importante che in tal senso si applichino anche altre capitali europee come Londra e Bruxelles: Londra, pero', non sembra essere su questa lunghezza d'onda".

Redazione Milano


PRESIDENTE DEL PIU' IMPORTANTE CENTRO STUDI ECONOMICI DELLA GERMANIA: ''POSSIBILE CRISI DELL'EURO. LA UE INTRODUCA DAZI''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235 (PER LE OPPOSIZIONI)

AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235

mercoledì 18 settembre 2019
Al primo voto segreto in Aula, la maggioranza non c'è più. E non si è trattato di una cossetta da nulla, ma di una autorizzazione a procedere all'arresto di un deputato di Forza
Continua
 
CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA PIU' LA MAGGIORANZA

CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA

martedì 17 settembre 2019
Nella narrazione della stampa, in testa il Corriere della Sera ormai pari all'Unità dei "bei tempi andati", dovevano essere solo un manipolo di senatori, in uscita dal Pd verso il gruppo
Continua
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua
 
NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO

NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E

lunedì 16 settembre 2019
LONDRA - Se il buongiorno si vede dal mattino allora per il presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen i prossimi mesi saranno pieni di guai. Infatti pochi giorni fa e' emerso che il
Continua
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA ORA PER IL SUO ENORME SURPLUS DI BILANCIO ACCUSA LA BCE: ''TUTTA COLPA DI DRAGHI (SE NAVIGHIAMO NELL'ORO)''

LA GERMANIA ORA PER IL SUO ENORME SURPLUS DI BILANCIO ACCUSA LA BCE: ''TUTTA COLPA DI DRAGHI (SE
Continua

 
WALL STREET RISPONDE ALL'ALLARME - BUFALA - DELLE AGENZIE DI RATING SU TRUMP: SALE A LIVELLI MAI VISTI NELLA SUA STORIA

WALL STREET RISPONDE ALL'ALLARME - BUFALA - DELLE AGENZIE DI RATING SU TRUMP: SALE A LIVELLI MAI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!