68.725.992
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOOMBERG AVVISA: ''LA CANCELLAZIONE DI RESTRIZIONI E VINCOLI ALLE BANCHE USA METTERA' NEI GUAI QUELLE DELL'EUROZONA''

martedì 7 febbraio 2017

"Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ribadito la promessa di sgravare il settore bancario Usa dall'onere dei regolamenti e delle norme varate a seguito della crisi finanziaria del 2008. Si tratta di una cattiva notizia per le banche europee, ancora impegnate a ricercare un modello di business sostenibile sul fronte della profittabilita' dopo la crisi finanziaria che ha colpito il Vecchio continente".

A scriverlo, sul Bloomberg, e' l'editorialista Mark Gilbert. Alla fine della scorsa settimana, Trump ha firmato due decreti presidenziali che vanno proprio nella direzione della deregolamentazione bancaria.

"Attaccheremo ogni aspetto della Dodd-Frank", ha dichiarato Gary Cohn, direttore del Consiglio nazionale dell'economia della Casa Bianca, riferendosi al Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act voluto e imposto da Obama.

La riforma di Wall Street varata da Obama nel 2010 per "migliorare la tutela dei consumatori dai rischi sistemici del settore bancario e vigilare sulle operazioni delle banche d'investimento e degli istituti di credito" si è rivelata uan zavorra pesantissima.

"Queste norme - scrive Gilbert - hanno imposto alle banche requisiti di capitale estremamente onerosi: se questi requisiti fossero revocati, almeno in parte, le banche Usa si troverebbero ad operare in una situazione di forte vantaggio competitivo rispetto agli istituti europei. Puo' sembrare ironico - aggiunge l'editorialista di Bloomberg - che le banche Usa, prime responsabili dell'ultima grande crisi finanziaria globale, siano le prime a godere di un alleggerimento dei regolamenti".

"Ma le banche europee - continua Gilbert - sono in gran parte artefici della loro sfortuna, in quanto hanno riconosciuto assai piu' tardi delle loro controparti Usa e internazionali la necessita' di rafforzare il capitale per consolidare i loro bilanci, e hanno contestato ogni nuova regola proposta dei regolatori europei per prevenire l'imposizione di nuovi oneri ai contribuenti".

"La differenza tra l'andamento dei titoli bancari Usa e quelli europei - chiaramente illustrata in un grafico pubblicato nell'editoriale - dimostra che il settore bancario del Vecchio continente e' ancora ben lontano da una situazione di equilibrio. Le banche europee hanno ceduto terreno alle concorrenti, ad esempio nel campo dei prestiti globali e della sottoscrizione obbligazionaria internazionale".

"La finanza europea - avverte Gilbert - rischia seriamente di divenire irrilevante, e lo smantellamento della Dodd-Frank da parte di Trump potrebbe accelerare questo processo. L'aumento di capitale intrapreso da UniCredit - conclude - costituira' una prova cruciale della fiducia ancora riposta dagli investitori nel settore bancario europeo".

Ma resta il fatto che la riforma delle banche che già Trump ha iniziato a concretizzare causerà un notevole divario tra i rendimenti e per conseguenza gli interessi pagati sui depositi, al di qua e al di là dell'Atlantico e darà vita a una vera fuga dalla zona euro all'area del dollaro. Non è un caso se ieri il governatore della Bce, Mario Draghi, ha mostrato forte preoccupazione ed allarme per questa deregolamentazione, che potrebbe dare il colpo di grazia all'euro.

Redazione Milano.


BLOOMBERG AVVISA: ''LA CANCELLAZIONE DI RESTRIZIONI E VINCOLI ALLE BANCHE USA METTERA' NEI GUAI QUELLE DELL'EUROZONA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BLOOMBERG   BANCHE   USA   EURO   ZONA   DRAGHI   BCE   FED   GILBERT   DONALD   TRUMP   . RIFORMA   OBAMA   WALL   STREET   NEW   YORK   BORSA   WALL   STREET   DOLLARO   INTERESSI   TASSI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA INDAGANDO SU SUO FIGLIO

JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA

martedì 21 maggio 2019
NEW YORK - L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha formalizzato la propria candidatura in vista delle elezioni presidenziali 2020, e appare ad oggi il candidato di punta del Partito
Continua
 
NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA CUI SEI MINORI

NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA

martedì 21 maggio 2019
MIRANDOLA - Due morti, una signora 84enne italiana costretta a letto per le precarie condizioni di salute e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre
Continua
L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI DOVE, MA NON VINCERANNO

L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI

lunedì 20 maggio 2019
MILANO - La bacchetta magica non esiste, e men che meno in mano a chi governa un Paese. Tuttavia, dopo più di un anno dalle elezioni politiche in Italia che hanno decretato la vittoria della
Continua
 
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
 
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE VUOLE IMPORRE PER LEGGE LA SUA BANDIERINA SULLE MAGLIE DEGLI ATLETI OLIMPIONICI E DELLE SQUADRE NAZIONALI!

LA UE VUOLE IMPORRE PER LEGGE LA SUA BANDIERINA SULLE MAGLIE DEGLI ATLETI OLIMPIONICI E DELLE
Continua

 
IN OLANDA, RACCOLTE 45.000 FIRME PER CHIEDERE UNA COMMISSIONE D'INCHIESTA SUI MOTIVI PER CUI E' STATO ADOTTATO L'EURO

IN OLANDA, RACCOLTE 45.000 FIRME PER CHIEDERE UNA COMMISSIONE D'INCHIESTA SUI MOTIVI PER CUI E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!