54.208.386
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA POLITICA DI TRUMP E' NAZIONALISTA, COME LO SONO LE POLITICHE DELLA DESTRA EUROPEA'' (LO SCRIVE IL WASHINGTON POST)

lunedì 30 gennaio 2017

L'agenda che sta attuando l'amministrazione di Trump è quella di una ideologia radicale nazionalistica che negli Stati Uniti non si era mai vista e che sembra modellata sulla destra europea, scrive il Washington Post - quotidiano da sempre "democratico" -  per cui la questione del blocco di decine di migliaia di rifugiati siriani in Occidente è il tema in cui è più visibile questa vicinanza. D'altra parte, Trump sta mettendo in pratica uno ad uno i punti del suo programma che gli ha fatto vincere la corsa alla Casa Bianca, e quindi ha il mandato diretto degli elettori per farlo.

Ma per il Washington Post  la regola della democrazia per la quale chi vince governa e ha diritto ad attuare il programma politico che l'ha portato alla vittoria, evidentemente non vale. Tutto al contrario, piovono accuse, sempre che lo siano, accuse: "Trump - scrive - ha trovato causa comune con il gruppo di politici estremisti, populisti e anti immigrazione in Europa, che predicano tutti lo stesso tipo di nazionalismo e respingono l'apertura del commercio, le istituzioni internazionali quali la Ue e le altre caratteristiche dell'ordine liberale globale" ovvero della globalizzazione, sottolinea il quotidiano americano. 

"Le argomentazioni usate dalla leader francese del Front National Marine Le Pen o dall'olandese Geert Wilders o anche dal premier ungherese Viktor Orban sono esplicitamente culturali. Trump ha aderito al loro discorso. Ma l'Europa, con l'apertura della circolazione al suo interno - ora bloccata con lo stop al tratatto di Schengen da ormai un anno  - e la vicinanza al Medio Oriente, presenta problemi che gli Stati Uniti non hanno".

"Anche se Trump ha attribuito l'origine delle sue politiche sull'immigrazione ad Obama (che ha aperto le porte degli Usa tanto agli islamici mediorientali quanto ai clandestini messicani) e ha respinto l'accusa che vi sia una discriminazione religiosa, il suo consigliere Stephen Bannon, il cui potere dietro le quinte alla Casa Bianca è dato in ascesa, a una conferenza dei conservatori europei in Vaticano nel 2014, aveva detto di ritenere che l'Occidente fosse all'inizio di una guerra globale contro il fascismo islamico. E la combinazione di populismo economico (anti globalizzazione ed euro) con nazionalismo etico (fieramente contrario alle oligarchie Ue mai elette) estranea fino a ora agli Stati Uniti e ai suoi conservatori, è invece il cavallo di battaglia della tradizione ultranazionalistica europea che ora ha in Trump l'alfiere mondiale". 

E intanto, la marcia di Donald Trump verso il cambiamento radicale degli Stati Uniti prosegue a passo di battaglia. Questa mattina infatti il presidente degli Stati Uniti ha firmato un ordine esecutivo che eliminera' due vecchie regolamentazioni federali ogni nuova legge federale approvata. Si tratta di un modo, ha fatto sapere la Casa Bianca, per sostenere le piccole aziende americane e renderle sempre piu' competitive. L'ordine esecutivo prevede che siano le agenzie federali a proporre le leggi che vogliono eliminare e la Casa Bianca decidera' se accettare la richiesta. Nel corso dei suoi incontri con i principali leader di aziende e associazioni di categoria Trump aveva promesso che avrebbe sin da subito semplificato le regole. 

E il segno del cambiamento di direzione della politica sui migranti impresso dal Presidente Trump arriva anche dalla Germania. L'ambasciata degli Stati Uniti a Berlino ha pubblicato sul proprio account Twitter una "notifica urgente", in base alla quale non sara' consentito l'accesso al perimetro della rappresentanza diplomatica per i cittadini dei sette Paesi a maggioranza islamica colpiti dal recentissimo ordine esecutivo di Donald Trump, che ne congela l'ingresso. Anche il rilascio di visti per gli Usa a favore di costoro "rimarra' sospeso con effetto immediato, e fino a nuovo ordine".

Gli interessati sono quindi invitati a "non fissare appuntamenti per colloqui" e a "non pagare tributi" finalizzati all'ottenimento dei visti medesimi. Il provvedimento colpisce anche chi un appuntamento lo avesse gia' ottenuto, che e' sollecitato ad annullarlo servendosi allo scopo di un apposito indirizzo e-mail. "Non appena disporremo delle pertinenti informazioni", conclude la legazione americana nella capitale tedesca, "comunicheremo immediatamente qualsiasi novita' riguardi coloro i quali intendano recarsi negli Usa", conclude il testo, invitando a rivolgersi tra l'altro alle autorita' consolari statunitensi in Germania. 

E dalla Gran Bretagna un'altra notizia: "Per essere chiari, la prima ministra Theresa May ha esteso l'invito per conto della regina, ed è stata molto felice di farlo. Gli Stati Uniti sono uno dei più stretti alleati del Paese, aspettiamo di ospitare il presidente quest'anno". Lo ha fatto sapere l'ufficio della premier britannica, a proposito della futura visita del presidente americano Donald Trump nel Regno Unito e delle polemiche tutte di sinistra che essa ha suscitato. 

Redazione Milano


''LA POLITICA DI TRUMP E' NAZIONALISTA, COME LO SONO LE POLITICHE DELLA DESTRA EUROPEA'' (LO SCRIVE IL WASHINGTON POST)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL  PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA DI MATTEO SALVINI

ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA

mercoledì 22 novembre 2017
Diffuse oggi anticipazioni del programma per l'economia della Lega, che sarà asse portante della campagna elettorale prima, poi del governo del Paese in caso di vittoria. Il programma porta
Continua
 
REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL NELL'ESTATE DEL 2015

REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL

mercoledì 22 novembre 2017
BERLINO - La situazione generale della sicurezza in Germania non si e' deteriorata, sostengono le autorita' di governo, ma i fatti danno loro torto. E' vero che la maggior parte delle aggressioni a
Continua
INCHIESTA-BOMBA DELLA PROCURA DI MILANO: ALTO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA HA VENDUTO SEGRETI A ERNST & YOUNG

INCHIESTA-BOMBA DELLA PROCURA DI MILANO: ALTO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA HA VENDUTO

mercoledì 22 novembre 2017
MILANO - La notizia di questa inchiesta di corruzione letteralmente "esplosiva" che potrebbe arrivare a coinvolgere tutti i governi italiani dal 2012 ad oggi, apre il Corriere della Sera in edicola e
Continua
 
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
 
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA / NEL 2016 BEN 230 RIUNIONI DECISIONALI SEGRETE TRA COMMISSIONE UE, CONSIGLIO D'EUROPA E VERTICI PARLAMENTO

INCHIESTA / NEL 2016 BEN 230 RIUNIONI DECISIONALI SEGRETE TRA COMMISSIONE UE, CONSIGLIO D'EUROPA E
Continua

 
LO SCHIANTO DELLE SINISTRE RENZIANE IN TUTTA EUROPA: VALLS BOCCIATO, SANCHEZ CACCIATO (ORA SI RIPRESENTA ULTRA-SINISTRO)

LO SCHIANTO DELLE SINISTRE RENZIANE IN TUTTA EUROPA: VALLS BOCCIATO, SANCHEZ CACCIATO (ORA SI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!