43.282.388
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STATO ITALIANO IN BANCAROTTA / ALTRI 63 MILIARDI DI DEBITI NON PAGATI (NEL 2012) E ALTRI IN ARRIVO (2013-2014)

mercoledì 22 maggio 2013

Milano - Nel 2012 i debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche ammontano a 63,1 miliardi, e oltre la meta' appartiene al comparto sanita'.

E' la stima fornita nel rapporto annuale dell'Istat. L'integrazione di fonti non omogenee, spiega l'istituto di statistica, comporta che le stima debbano essere considerate provvisorie e corrispondenti a una valutazione di massima del fenomeno.

"La dinamica dello stock dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche - spiega il rapporto - risulta in aumento tra il 2009 e il 2011 (rispettivamente, 56,9 e 65,7 miliardi). Nel 2012 l'ammontare registra una riduzione (63,1 miliardi), che puo' essere attribuita agli effetti dei tagli imposti dalla cosiddetta spending review, il cui impatto risulta particolarmente evidente nella riduzione della spesa corrente per le amministrazioni centrali e la Sanita'"

Il comparto sanita' "presenta lo stock piu' consistente dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche, con una quota nel 2012 pari a circa il 57% del totale".

D'altro canto, "i pagamenti che si effettueranno nel corso del 2013 e del 2014 per regolare debiti riguardanti spese in conto capitale (in particolare opere pubbliche) peseranno per i corrispondenti anni sull'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche poiche', come in precedenza ricordato, gli investimenti fissi lordi di tale settore istituzionale sono registrati nei conti nazionali sulla base dei pagamenti effettuati".

Come dire che questi 63,1 miliardi di euro di buco - inteso come debiti non pagati - dello Stato italiano è destinato ad allargarsi nei prossimi due anni.

Redazione Milano

 


STATO ITALIANO IN BANCAROTTA / ALTRI 63 MILIARDI DI DEBITI NON PAGATI (NEL 2012) E ALTRI IN ARRIVO (2013-2014)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MILANO DEI GANGSTER / IERI MEGA RAPINA IN VIA DELLA SPIGA, OGGI SCIPPO IN PIENO CENTRO (20.000 EURO)

MILANO DEI GANGSTER / IERI MEGA RAPINA IN VIA DELLA SPIGA, OGGI SCIPPO IN PIENO CENTRO (20.000
Continua

 
ORA E' UFFICIALE, LO CERTIFICA L'ISTAT: L'ITALIA E' UN PAESE DI MERDA, IL PEGGIORE D'EUROPA SOTTO TUTTI I PUNTI DI VISTA

ORA E' UFFICIALE, LO CERTIFICA L'ISTAT: L'ITALIA E' UN PAESE DI MERDA, IL PEGGIORE D'EUROPA SOTTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua
Precedenti »