64.830.867
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

lunedì 23 gennaio 2017

Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto Matteo Salvini chiedono alla Corte Costituzionale di consegnare al Paese un sistema che sia subito applicabile.

"La corte costituzionale - ha detto Salvini ieri in Piazza del Quirinale di fronte alla sede della Consulta - il 24 gennaio non deve perdere tempo. Consegni all'Italia una legge per votare subito, in primavera. Non si puo' perdere un altro anno di beghe per la legge elettorale, il momento e' drammatico".

L'idea di Salvini e' che l'Italicum depurato dalla Corte Costituzionale delle parti contrarie allo spirito e alla lettera della Costituzione dovra' essere congegnato in modo tale da non rendere necessari altri interventi delle Camere. Cosi' si potra' andare al voto in tempi brevi. Tanto è vero che Salvini poco dopo ha annunciato che le primarie del Centrodestra si possono tenere l'8 o il 9 aprile, in modo da essere pronti per le elezioni. 

Un'impostazione sulla legge elettorale, quella di Salvini, che non e' troppo diversa da quella del Movimento di Grillo. "Il M5S - scrive su twitter il responsabile M5S per le riforme Toninelli - ha in mano una sola legge elettorale: il Legalicum. Ogni altra ipotesi che vada solo a prolungare l'agonia del Parlamento e' pettegolezzo". Il Legalicum, nella terminologia grillina, e' la legge che uscira' dalla sentenza della Consulta.

La comunanza di idee con Salvini e' indiscutibile. L'unica differenze tra Grillo e Salvini e' che il Movimento Cinque Stelle puo' decidere tutto da solo, mentre Salvini, almeno in teoria, deve vedersela con Berlusconi.

Teoria smentita per altro già oggi dallo stesso Berlusconi, che ha espresso "apprezzamento" per Gentiloni e il suo governo. Il che lo mette fuori gioco, rispetto un'alleanza con la Lega.

Ma i rapporti con il Cavaliere comunque sono tesi, da quando il leader della Lega lo ha sfidato sulla leadership. E infatti, di fronte alle voci che vorrebbero il Cavaliere pronto a un'intesa con Renzi e casomai dando perfino appoggio a Gentiloni in Parlamento, il leader leghista taglia corto: "Spero e penso di no. Questo non e' il momento degli inciuci e delle minestre".

In ogni caso, l'idea di Salvini e di Grillo sulla legge elettorale non piace sicuramente a Forza Italia, che vede le elezioni ravvicinate come il fumo negli occhi. Dice Brunetta: "Credo che dobbiamo avere una buona legge elettorale e poi si vada immediatamente a votare. Quelli che dicono auto-applichiamo la sentenza della Corte insultano la Consulta e il Parlamento". Ma la duplice presa di posizione "Grillo-leghista" e' una bordata tirata a chi, come Renzi, sperava di rimettere in pista il Mattarellum, legge fortemente maggioritaria pensata per favorire le coalizioni.

Domani in giornata si saprà tutto? La Corte Costituzionale si pronuncerà, ma c'è chi crede che in realtà non si esprimerà compiutamente, bensì rinvierà la decisione ai prossimi mesi, dato il fatto che il Presidente della Repubblica Mattarella ha espresso la necessità - leggi: ordine - che sia il Parlamento a scrivere la nuova legge elettorale. E il Presidente della Repubblica - giova ricordare - ben difficilmente verrà smentito dalla Consulta. Non è un caso, quindi, che a sua volta il Presidente del Senato, Grasso, nei giorni scorsi abbia espresso il "desiderio" che la legislatura termini "naturalmente" nel 2018. 

Insomma, all'orizzonte non sembrano esserci le elezioni, e intanto il Paese va alla deriva.

Redazione Milano

 


SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
 
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER
Continua

 
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!