47.276.281
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA E LA SVEZIA HANNO INIZIATO I RIMPATRI FORZATI IN AFGHANISTAN DEI MIGRANTI (MENTRE IN ITALIA ARRIVANO A ORDE)

venerdì 16 dicembre 2016

BERLINO -  Ridistribuzione dei "profughi" (che profughi non sono, trattandosi di 250.000 africani senza diritto d'asilo) come chiede l'Italia? Neanche per idea: la Germania ha deciso tutto al contrario di rispedirli a casa loro. E ha iniziato a farlo.

Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maizière della Cdu di Angela Merkel ha difeso ieri l'espulsione di 34 afghani, rimpatriati in aereo dalla Germania dopo che le autorita' del paese hanno respinto le loro richieste di asilo. Un terzo di loro si era macchiato di crimini.

"La loro espulsione e' stata valutata attentamente e  portata a termine con correttezza e responsabilita'", ha detto il ministro. Inizialmente, gli afgani da rimpatriare erano 50. L'aereo e' atterrato regolarmente a Kabul, e gli occupanti sono stati accolti dal rappresentante locale per i rifugiati del Ministero, da quelli di organizzazioni non governative e da assistenti sociali.

"La situazione in Afghanistan", ha detto de Maizière, "rimane complicata, tuttavia molte zone sono state messe in sicurezza e cio' ha permesso il rimpatrio". Il volo charter era partito da Francoforte mercoledi' sera ed e' atterrato nella notte a Kabul.

Centinaia di attivisti di sinistra avevano protestato contro il rimpatrio dei richiedenti asilo. Critiche erano arrivate anche dall'opposizione e da organizzazioni non governative come "Pro Asyl" che per altro ottiene sostanziosi finanziamenti per "accoglienza" dei presunti profughi.

Il capogruppo dei Verdi presso il Bundestag, Anton Hofreiter, ha definito quello del ministro de Maizière "un gioco spietato", ma l'avvio delle epulsioni forzate non è un'iniziativa personale del ministro dell'Interno tedesco, è avallata dal governo Merkel.

Il capo della Csu, Horst Seehofer, si e' invece augurato, in un'intervista alla rete televisiva "Ard", che il rimpatrio non costituisca un caso unico. In Germania vivono, secondo il ministero dell'Interno federale, circa 12.500 afghani a rischio espulsione. In passato i rimpatri non erano possibili per via delle difficolta' sul territorio afghano; quest'anno, pero', la Ue ha concluso accordi con Kabul per rendere possibili i rimpatri, e altrettanto ha fatto autonomamente la Germania il 2 ottobre scorso.

Da notare che il governo italiano è perfettamente al corrente della possibilità d'espellere i migranti afghani dopo l'accordo fatto dalla Ue con l'Afghanistan, ma se ne guarda bene dal farlo.

Anche la Svezia ha effettuato i primi rimpatri forzati degli afghani il 13 dicembre, espellendone decine allo stesso modo della Germania, ma questo genere di notizie in Italia non "arriva" e quindi non viene reso pubblico, data la censura "buonista" che impera nel Paese.

In ogni caso, il ministro dell'Interno tedesco De Maizière ha osservato che gia' 2.300 afghani erano tornati volontariamente in patria dalla Germania quest'anno. Il Governo federale promuove il rimpatrio volontario, e ha messo a disposizione a tal fine 40 milioni di euro. Nel rimpatrio di mercoledi' sono stati coinvolti solo gli Stati del Baden-Wuerttemberg, Baviera, Amburgo, Assia, Nord Reno-Westfalia e Saarland. "Si spera che in futuro partecipino anche gli altri Stati", ha detto il Ministro. 

E mentre questo accade in Germania, in Italia nell'ultima settimana sono arrivati altri mille africani che si vanno ad aggiungere ai 250.000 già soggiornanti mantenuti completamente a carico delle casse - vuote - dello stato italiano. 

Redazione Milano


LA GERMANIA E LA SVEZIA HANNO INIZIATO I RIMPATRI FORZATI IN AFGHANISTAN DEI MIGRANTI (MENTRE IN ITALIA ARRIVANO A ORDE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN CONCERTO

IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN

martedì 23 maggio 2017
LONDRA - Un "attacco codardo contro persone innocenti e giovani indifesi". Cosi' la premier britannica Theresa May ha definito l'attentato kamikaze di ieri sera alla Manchester Arena, che ha
Continua
 
KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI ISLAMICI LO FESTEGGIANO

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI

martedì 23 maggio 2017
MANCHESTER - La "massiccia esplosione" avvenuta la notte scorsa nella MANCHESTER arena, proprio alla fine del concerto di Ariana Grande, sarebbe avvenuta nel foyer dell'Arena, nella zona
Continua
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer
Continua
 
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MENTRE GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE IMPONGONO ''L'AUSTERITY'' ALL'EUROPA SPENDONO 321 MILIONI PER LA LORO NUOVA SEDE

MENTRE GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE IMPONGONO ''L'AUSTERITY'' ALL'EUROPA SPENDONO 321 MILIONI
Continua

 
GOVERNO MERKEL TAGLIA GLI ASSEGNI FAMILIARI AI LAVORATORI UE OCCUPATI IN GERMANIA (COME HA FATTO LA GRAN BRETAGNA)

GOVERNO MERKEL TAGLIA GLI ASSEGNI FAMILIARI AI LAVORATORI UE OCCUPATI IN GERMANIA (COME HA FATTO LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!