49.972.787
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DONALD TRUMP OTTIENE CHE LE GRANDI FABBRICHE NON SCAPPINO DAGLI USA: SALVATI 1.400 POSTI (E SIAMO SOLO ALL'INIZIO)

mercoledì 30 novembre 2016

STATI UNITI - Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, visitera' Indianapolis in Indiana nella giornata di domani, e annuncera' pubblicamente di aver raggiunto un accordo con il produttore di sistemi di condizionamento dell'aria Carrier, che evitera' la chiusura di uno stabilimento e il licenziamento di mille lavoratori in quella citta'.

L'azienda aveva avviato i preparativi per il licenziamento di 1.400 persone quasi un anno fa, quando negli Usa si stavano disputando le primarie dei Partiti democratico e repubblicano. Lo scorso febbraio un dirigente aziendale aveva informato i dipendenti dello stabilimento che avrebbero perso il loro impiego.

Donald Trump si era interessato da subito alla questione, citandola a modello della grave emorragia di lavoratori scontata dal settore manifatturiero Usa. "Ecco cosa accadra'", aveva detto il Repubblicano a Indianapolis lo scorso aprile, quando la sua vittoria alle elezioni presidenziali ancora appariva impossibile. "Ricevero' una chiamata alla Casa Bianca dal capo di Carrier, che mi dira': 'Signor presidente, abbiamo deciso di rimanere negli Stati Uniti". Andra' cosi' al 100 per cento".

E in effeti, è quanto è accaduto, alla faccia dei "democratici" che dovevano "difendere" gli interessi delle classi lavoratrici e invece hanno rappresentato gli interessi dei banchieri di Wall Street.

Non e' usuale, sottolinea oggi la stampa Usa, che un presidente - meno che meno un candidato alla presidenza - conduca trattative con singole aziende statunitensi, materia di cui dovrebbero occuparsi semmai le agenzie federali o i governi dei singoli Stati dell'Unione. Cio' non toglie, pero', che a meno di un mese dalle elezioni dell'8 novembre, e quando ancora non si e' insediato alla Casa Bianca, Trump possa gia' appuntarsi al petto una prima vittoria politica di alto profilo.

"Siamo lieti di aver raggiunto un accordo con il presidente eletto Trump e il vicepresidente eletto Pence per mantenere circa mille lavoratori in Indiana", ha infatti annunciato l'azienda su Twitter. Stando a fonti vicine al presidente eletto citate dal settimanale  "Time", Trump intende adottare lo stesso approccio con una serie di altre grandi aziende intenzionate a delocalizzare la produzione e trasferire posti di lavoro al di fuori del paese.

Il Washington Post definisce quella di Trump la sua piu' grande vittoria sino ad oggi, ma avverte che in Indiana, per ogni stabilimento salvato, ce ne sono altri che si ridimensionano o chiudono i battenti: la campagna di Trump per rilanciare la manifattura statunitense e' appena cominciata, e si preannuncia però già con un importante successo.

Redazione Milano


DONALD TRUMP OTTIENE CHE LE GRANDI FABBRICHE NON SCAPPINO DAGLI USA: SALVATI 1.400 POSTI (E SIAMO SOLO ALL'INIZIO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
 
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ELEZIONI IN OLANDA, SONDAGGIO BOMBA: IN TESTA IL PARTITO DELLA LIBERTA' DI WILDERS CHE VUOLE L'USCITA DALLA UE

ELEZIONI IN OLANDA, SONDAGGIO BOMBA: IN TESTA IL PARTITO DELLA LIBERTA' DI WILDERS CHE VUOLE
Continua

 
LEGNATA DELL'OCSE ALLA UE: LA GRAN BRETAGNA CRESCERA' MOLTO DI PIU' DELL'EUROZONA (ENORME SUCCESSO DEL BREXIT)

LEGNATA DELL'OCSE ALLA UE: LA GRAN BRETAGNA CRESCERA' MOLTO DI PIU' DELL'EUROZONA (ENORME SUCCESSO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!