72.700.985
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SPECIALE UCRAINA / TREMA LA CASTA DI OLIGARCHI MESSA AL COMANDO DA OBAMA E DALLA UE: TRUMP LI SPAZZERA' VIA TUTTI

venerdì 25 novembre 2016

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca e i punti interrogativi sui possibili cambiamenti nella politica estera a stelle e strisce hanno fatto scattare l'allarme in Ucraina, l'ex repubblica sovietica al centro di una vera e propria guerra per procura tra Stati Uniti e Russia.

A Kiev si teme che le simpatie fra Trump e Vladimir Putin e le dichiarazioni fatte in campagna elettorale dal poi vittorioso Trump sul necessario miglioramento dei rapporti tra Washington e Mosca possano riflettersi in maniera negativa sul futuro del Paese, o per meglio dire sulla corrotta casta che lo governa.

L'Ucraina è non solo impegnata nel conflitto ibrido nel Donbass con i separatisti filorussi, ma naviga in acque molto pericolose a causa della persistente instabilità politica interna - tra le ombre dell'oligarchia al potere, la piaga della corruzione che infesta il governo e le minacce dei gruppi neonazisti di infiammare la piazza - e di un'economia disastrata tenuta in rianimazione artificiale solo tramite gli aiuti cash della Ue.

Gli accordi di Minsk sono ancora in stallo e del rilancio del piano di pace concordato a ottobre dal cosiddetto quartetto normanno, con Angela Merkel e Francois Hollande a far compagnia ai presidenti di Ucraina e Russia, non c'è traccia.

Nel caso di un disimpegno americano sotto la presidenza Trump, o quantomeno di un ammorbidimento della linea guida che dalla Casa Bianca con Barack Obama ha influenzato le mosse dell'Unione Europea dall'inizio della crisi nel novembre del 2013, l'attuale governo dell'Ucraina si troverebbe con il fianco scoperto nel duello con la Russia.

Il capo di Stato ucraino Petro Poroshenko, che nella sua prima telefonata dopo la spiazzante vittoria dell'imprenditore americano aveva fatto appello diretto a Trump sottolineando l'importanza del "continuo sostegno all'Ucraina da parte degli Stati Uniti per far fronte all'aggressione russa", ha espresso questa settimana in primo luogo la speranza che le sanzioni occidentali vengano prolungate. Esattamente il contrario di quello che vuole fare Trump.

Bruxelles e Washington dovranno decidere tra dicembre e gennaio 2017 se mantenere o meno i provvedimenti restrittivi comminati dopo l'annessione della Crimea a seguito del referendum popolare che ha espresso la volontà della popolazione - oltre il 90% - di entrare a far parte della Russia e l'avvio del conflitto nel Sudest del Paese.

Le allarmate dichiarazioni di Poroshenko sono arrivate appena dopo che lo scorso fine settimana a Lima Putin ha ribadito la volontà bilaterale di un reset tra Mosca e Washington. 

Tre anni dopo l'inizio delle proteste finanziate e organizzate dalla Cia e dai servizi segreti di Paesi Ue a Maidan, che portarono al cambio di regime nel febbraio 2014 con la fuga dell'allora presidente Viktor Yanukovich e l'insediamento prima del governo guidato da Arseni Yatseniuk e poi di Poroshenko, a Kiev la pressione degli attori esterni potrebbe di nuovo quindi mutare, ammesso e non concesso che il presidente eletto Donald Trump concretizzi dal 20 gennaio 2017 le sue intenzioni sulla scacchiera internazionale.

È comunque un dato di fatto che gli ultimi mesi hanno segnato in Ucraina un vero e proprio crollo del fronte "europeista" e interno, con il siluramento in primavera del premier Arseny Yatseniuk, definito dall'ancora vice segretario di Stato Victoria Nuland "il nostro uomo", e le recenti dimissioni di Mikhail Saakashvili da governatore di Odessa. Saakashvili, l'ex presidente georgiano, alfiere a Tbilisi nel 2003 della rivoluzione delle rose foraggiata dagli Usa, era finito in Ucraina su spinta di Washington ovvero di Obama e proprio alla vigilia della vittoria di Trump ha gettato la spugna accusando di malaffare, corruzione e traffici illeciti d'ogni tipo Poroshenko e l'intero l'estabilishment ucraino.

Anche i ministri "occidentali" cooptati nel primo governo Yatseniuk hanno dovuto abbandonare gli incarichi, compresa la titolare delle Finanze con passaporto americano Natalia Yaresko. E in questo quadro di disfacimento rimane invece immutato il sostegno ufficiale a Kiev dell'Unione Europea, seppur con qualche crepa proprio sulla questione delle sanzioni su cui Bruxelles prenderà una decisione al summit del 15 dicembre e con molti dubbi sul processo di riforme, e soprattutto della Nato.

La vittoria di Trump non solo ha tolto alle oligarchie al potere in Ucraina letteralmente la terra sotto i piedi, ha anche spiazzato le simmetriche oligarchie coagulate nella Commissione europea che infatti - e non certo per caso - hanno immediatamente attaccato Trump a freddo, il giorno dopo la sua schiacciante vittoria, tramite il "vecchio arnese" Juncker che l'ha coperto di insulti.

Trump non ha replicato, ma dicono abbia un'ottima memoria.

Redazione Milano.


SPECIALE UCRAINA / TREMA LA CASTA DI OLIGARCHI MESSA AL COMANDO DA OBAMA E DALLA UE: TRUMP LI SPAZZERA' VIA TUTTI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UCRAINA   POROSHENKO   GOVERNO   CORROTTO   RUSSIA   DONBASS   CONFLITTO   PUTIN   TRUMP   OBAMA   CIA   GOLPE   BRUXELLES   JUNCKER   UE   WASHINGTON   CASA   BIANCA   KIEV   MAIDAN   NEONAZISTI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA CDU TEDESCA LANCIA L'ALLARME DEL ''RISCHIO ITALIANO'' DI ONDATE DI AFRICANI VERSO LA GERMANIA E L'EUROPA

LA CDU TEDESCA LANCIA L'ALLARME DEL ''RISCHIO ITALIANO'' DI ONDATE DI AFRICANI VERSO LA GERMANIA E
Continua

 
PUTIN PARLA ALL'EUROPA (E AGLI STATI UNITI): ''IL NEMICO E' IL TERRORISIMO ISLAMICO, INVECE V'INVENTATE SIA LA RUSSIA''

PUTIN PARLA ALL'EUROPA (E AGLI STATI UNITI): ''IL NEMICO E' IL TERRORISIMO ISLAMICO, INVECE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »