43.440.683
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DONALD TRUMP SBUGIARDA IL NEW YORK TIMES: ''SCRIVE FALSITA' SU DI ME E SUL MIO STAFF, INVENTA TENSIONI INESISTENTI''

giovedì 17 novembre 2016

NEW YORK - Non si ferma la guerra del presidente Donald Trump contro i media propalatori di bufale su di lui e il suo staff. Ieri il presidente eletto ha criticato il New York Times, ha attaccato alcuni reporter per averlo seguito all'interno di un ristorante, scrivendo tutto ancora una volta su Twitter, così da parlare direttamente ai cittadini senza "mediazioni".

Infine sul social network Donld Trump ha smentito le voci che ha fatto circolare ad arte dalla stampa avversaria alla sua elezione sul fatto che sia in corso una guerra interna nel suo team di transizione.

Nei giorni scorsi Trump aveva usato Twitter contro il quotidiano di New York. E ieri ha continuato: "La storia dello scarso @nytimes è totalmente sbagliata - ha twittato - la transizione sta procedendo senza problemi. E inoltre, ho parlato con tanti leader internazionali".

Il New York Times aveva attaccato il Presidente Trump per aver avuto una telefonata con il presidente dell'Egitto e con il primo ministro d'Israele, facendo invece aspettare 24 ore il premier britannico Theresa May, ma erano clamorose bufale Tutte bugie per Trump che ancora una volta ha potuto usare Twitter come mezzo diretto di comunicazione:"Ho ricevuto telefonate da Russia, U.K., Cina, Arabia saudita, Giappone, Australia, Nuova Zelanda e altri. Sono sempre disponibile per loro. Il @nytimes è solo sconvolto dal fatto che si sono mostrati stupidi nel modo in cui mi hanno seguito", ha continuato il presidente eletto su Twitter.

Sempre nella giornata di ieri il Presidente Trump aveva scatenato l'ira dall'associazione dei reporter della Casa Bianca. È "inaccettabile che il prossimo presidente degli Stati Uniti viaggi senza avere al suo seguito un gruppo di giornalisti per registrare i suoi movimenti e tenere informato il pubblico rispetto alla sua posizione", ha scritto in una nota il presidente dell'associazione, Jeff Mason.

La nota arriva dopo che martedì sera Donald Trump ha partecipato a una cena a New York al famoso Club 21 - il cui ingresso è riservato solo ai soci - senza avere con sé nessun giornalista in grado di "controllare e raccontare le sue azioni" lamenta l'associazione reporter della Casa Bianca, "dimenticando" però di dire che era stata una cena privata a cui hanno partecipato solo i suoi più stretti familiari e come tale non era un evento pubblico.

L'associazione, tuttavia, ha fatto sapere di aver apprezzato le rassicurazioni arrivate dal team di transizione che ha fatto sapere che continuerà a garantire accesso alle strutture della Casa Bianca e al presidente come da tradizione. "Ma il momento per agire è ora. Ci sono diversi giornalisti a New York per seguire la scelta della nuova amministrazione da parte del presidente eletto. È fondamentale dare loro la possibilità di lavorare". Certo, ma nelle sedi opportune, non di sicuro al ristorante...

Il team di transizione aveva fatto sapere alla stampa che Trump non avrebbe più avuto eventi pubblici in programma, senza menzionare la cena in una steakhouse, che per l'apputo non era un evento pubblico.

L'ex Speaker della Camera, il repubblicano Newt Gingrich che sin dall'inizio è molto vicino a Trump, ha detto che i reporter si dovranno abituare allo stile da "amministratore delegato" che ha il nuovo presidente. "Molto probabilmente creerà confusione nella stampa politica tradizionale perché loro applicano degli standard tradizionali e tu non puoi farlo con Trump", ha detto Gingrich in una intervista a Fox News.

Trump è abituato - e lo ha dimostrato ampiamente in tutta la sua carriera imprenditoriale - di preferire i fatti alle parole, a differenza di Obama. La "grande stampa" Usa, a partire dal New York Times e dal Washington Post entrambi schierati con la Clinton, dovranno farci l'abitudine.

Redazione Milano


DONALD TRUMP SBUGIARDA IL NEW YORK TIMES: ''SCRIVE FALSITA' SU DI ME E SUL MIO STAFF, INVENTA TENSIONI INESISTENTI''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
 
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
 
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RUDOLPH GIULIANI, PROSSIMO SEGRETARIO DI STATO: TRUMP VUOLE LA COMPLETA RIDEFINIZIONE DELLE RELAZIONI CON RUSSIA E CINA

RUDOLPH GIULIANI, PROSSIMO SEGRETARIO DI STATO: TRUMP VUOLE LA COMPLETA RIDEFINIZIONE DELLE
Continua

 
SARKOZY SUL FINANCIAL TIMES: QUESTA UE VA RADICALMENTE CAMBIATA, LA COMMISSIONE UE VA FERMATA, LE FRONTIERE PRESIDIATE

SARKOZY SUL FINANCIAL TIMES: QUESTA UE VA RADICALMENTE CAMBIATA, LA COMMISSIONE UE VA FERMATA, LE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!