56.258.848
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PER DEUTSCHE BANK L'ITALIA DEVE RIFORMARE ''TAGLIANDO PENSIONI, SCUOLA, SERVIZI E SANITA''' OPPURE DEVE LASCIARE L'EURO

martedì 15 novembre 2016

BERLINO - "L'Italia dovrebbe decidere se riformare a fondo e repentinamente lo stato - con il taglio delle pensioni, il taglio della sanità pubblica, il taglio dei servizi pubblici, il taglio della spesa scolastica pubblica - o se lasciare l'eurozona". Lo ha dichiarato in una intervista a "Bloomberg" il capo economista di Deutsche Bank, David Folkerts-Landau. E già questa è una notizia, che ovviamente in Italia nessun mezzo di "informazione" ha divulgato.

Discutendo gli effetti dell'elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti sulle dinamiche macroeconomiche europee, Folkerts-Landau esprime una visione profondamente pessimistica:"Il Continente europeo, anche senza considerare Trump, e' economicamente problematico da anni e la Banca centrale europea ha esaurito le munizioni a propria disposizione e anzi ne ha abusato, non in termini di mandato, ma di politiche valutarie".

"L'eurozona si trova in una condizione per cui i rendimenti sui titoli obbligazionari non danno piu' un'indicazione del rischio di credito proprio per effetto delle politiche di stimolo della Bce, la disoccupazione giovanile e' mediamente al 20 per cento, e le previsioni di crescita sono state dimezzate rispetto a sei mesi fa". Il cvapo economista di Deutsche Bank non fa sconti.

"A questo scenario - prosegue - si aggiunge l'impatto tremendamente negativo dell'elezione di Trump, ad esempio in termini di potenziali spese aggiuntive per la difesa europea, nel caso gli Usa decidessero effettivamente di ridimensionare la loro partecipazione alla Nato. L'elezione di Trump dovrebbe suonare la sveglia all'Europa, ma la politica continentale e' troppo ingessata, e' troppo difficile conseguire il cambiamento in Europa. E' per questo che sono molto pessimista".

L'intervista si sposta poi sulla precaria situazione economico-finanziaria dell'Italia, con l'impennata dei rendimenti sui titoli di Stato registrata in particolare negli ultimi giorni. "Se l'Italia fosse un paese emergente, dovrebbe intervenire in suo soccorso il federalismo europeo", osserva l'intervistatore. Il capo economista di Deutsche Bank non traccia un quadro rassicurante: "Siamo di fronte a un paese con un rapporto deficit-pil oltre il 130 per cento, che non cresce e ha un deficit del tre per cento, e dunque continua ad accumulare debito", afferma Folkerts-Landau.

"Gli interessi ancora contenuti che il paese paga sul suo debito sono la prova di un mercato obbligazionario totalmente distorto. L'incremento dello spread bund-btp registrato negli ultimi giorni e' legato all'approssimarsi del referendum sulla riforma costituzionale del prossimo 4 dicembre. Il mio timore - afferma l'economista - e' che piu' ci si avvicina alla data del referendum, e piu' l'effetto dell'elezione di Trump si fa sentire, piu' gli investitori esterni usciranno dall'Italia, sino a far esplodere lo spread: uno scenario che prefigurerebbe un grave impatto sui settori bancari italiano ed europeo".

"L'Italia, insomma, e' l'epicentro da cui rischia di giungere ulteriore instabilita' in Europa".

Il capo economista di Deutsche Bank poi sgancia una vera e propria bomba: "Data la sua precaria situazione, e in caso di sviluppi negativi dopo il referendum del 4 dicembre, se l'Italia dovesse scontrarsi con ulteriori difficolta', avrebbe bisogno di un programma del Fondo monetario internazionale. Il paese ha bisogno di un'opera tempestiva di riordino improntato all'efficienza del mercato e del mercato del lavoro, che deve essere compiuta dall'esterno, o in caso contrario rischia di non essere mai intrapresa".

"Sarebbe certo difficile, per l'Italia e gli italiani, accettare un intervento dell'Fmi, e molto probabilmente la Commissione Ue cercherebbe di mettere assieme qualcosa sul modello della troika, ma non e' cosi' che il sistema finanziario globale dovrebbe funzionare: l'Fmi siede al centro, e se un paese ha difficolta' finanziarie e' da li' che dovrebbero giungere le riforme, non da un contesto regionale".

Ovviamente, per il capo economista di Deutsche Bank l'Italia è uguale alla Grecia, e non si rende conto che invece la destabilizzazione finanziaria dell'Italia è cosa ben diversa da quella greca. L'onda d'urto travolgerebbe l'intera eurozona, facendo tracollare colossi bncari malati come appunto è Deutsche Bank.

Folkerts-Landau riconosce - però - le difficolta' insite nel tenere in vita il progetto di una moneta unica che riunisce economie diversissime come quelle di Italia e Germania: "Dal 1970 al 2000, quando e' entrato in scena l'euro, il marco tedesco si e' apprezzato sulla lira italiana dell'80 per cento. Oggi questo non e' piu' possibile, e l'Italia e' costretta a una continua svalutazione domestica. E' un problema destinato a protrarsi a lungo, a meno che l'Italia non implementi davvero profonde riforme strutturali (iperliberiste col taglio delle pensioni, il taglio della sanità e della scuola pubblica, il taglio dei lavori pubblici). E ha dimostrato di non esserne in grado. Senza quelle riforme - conclude il capo economista di Deutsche Bank - l'Italia sconterebbe uno stato di crisi continua, e dunque in questo caso starebbe meglio fuori dall'eurozona". 

Redazione Milano


PER DEUTSCHE BANK L'ITALIA DEVE RIFORMARE ''TAGLIANDO PENSIONI, SCUOLA, SERVIZI E SANITA''' OPPURE DEVE LASCIARE L'EURO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STAMPA ECONOMICA FRANCESE: ''BCE HA PERSO LA PAZIENZA CON LE BANCHE ITALIANE, CARIGE E ALTRE NEL MIRINO SI VA AL BAIL IN''

STAMPA ECONOMICA FRANCESE: ''BCE HA PERSO LA PAZIENZA CON LE BANCHE ITALIANE, CARIGE E ALTRE NEL
Continua

 
ESCLUSIVO / ECCO COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA AVESSE ANZICHE' LO SCIAGURATO EURO, UNA NUOVA VALUTA SOVRANA

ESCLUSIVO / ECCO COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA AVESSE ANZICHE' LO SCIAGURATO EURO, UNA NUOVA VALUTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »