47.214.655
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BOMBA ATOMICA TRUMP CONTRO ''I PALAZZI DEL POTERE BUROCRATICO DI WASHINGTON'' E ARRIVO DELLA FLAT TAX AL 15% PER TUTTI

giovedì 10 novembre 2016

WASHINGTON - Gli Stati Uniti hanno ufficialmente avviato una storica transizione di potere nella giornata di ieri, all'indomani dell'elezione di Donald Trump a comandante in capo della maggiore potenzia mondiale. Trump ha promesso di innescare un terremoto nelle elefantiache ed autoreferenziali istituzioni democratiche statunitensi, e pare deciso a mantenere la promessa, ridisegnando i vertici del potere nelle agenzie governative, nelle forze armate, nelle corti giudiziarie e negli organi di supervisione economica e finanziaria.

Il presidente uscente, Barack Obama, che aveva definito Trump inadatto alla carica di presidente - e pure in altri modi ancor meno lusinghieri - ieri ha optato per un tono conciliatorio, unendosi all'appello dell'avversario e della candidata democratica sconfitta, Hillary Clinton, a lavorare tutti assieme per il bene del paese. Ma ciò non toglie che Trump non rinuncerà di sicuro al suo programma per compiacere la Clinton e la sua corte di burocrati e lobbisti che finora ha fatto il bello e il cattivo tempo a Washington.

Trump e il suo partito, sottolineano "Washington Post" e "New York Times", possono ambire a uno smantellamento sistematico delle politiche dell'amministrazione Obama, grazie al controllo che i Conservatori esercitano su entrambe le camere del Congresso federale, grazie all'enorme successo elettorale ottenuto da Donal Trump.

Proprio il Partito repubblicano, precipitato in una crisi interna gravissima con l'ascesa dell'outsider Donald Trump, invisa all'establishment del partito, sembra aver ritrovato una comunione d'intenti. Il presidente della Camera, Paul D. Ryan, che a pochi giorni dal voto aveva pubblicamente abbandonato Trump a se' stesso, rifiutando di sostenere ulteriormente la sua campagna elettorale, ha assicurato ieri che lui e il presidente eletto lavoreranno "fianco a fianco a un'agenda positiva che affronti le piu' grandi sfide di questo paese". Il che fa capire che razza di "riallineamento" è avvenuto dietro il condottiero Trump.

Il leader repubblicano del Senato, Mitch McConnell , ha optato per toni piu' duri: Trump, ha detto, puo' ambire a smantellare "unilateralmente" il lascito politico di Obama entro la prima meta' del prossimo anno, cominciando dalla tanto contestata riforma della sanita', che ha causato un'esplosione dei costi per lo Stato e per i cittadini assicurati. McConnel ha pero' inviato a Trump anche un monito: "E' sempre un errore fraintendere il proprio mandato. Spesso le maggioranze tendono a credere sia eterno, ma in questo paese nulla e' eterno. Ci e' stato temporaneamente concesso il potere, e dobbiamo farne uso in maniera responsabile e senza perdere tempo". 

Una chiave per promuovere la cooperazione tra schieramenti politici e' incarnata dal leader della minoranza democratica al Senato, Charles E. Schumer, che diventera' quasi certamente il primo interlocutore di Trump tra le file dell'opposizione. Che però non ha più alcuna leva da poter usare, perchè i democratici sono in netta minoranza al Congresso.

Trump, ha affermato a questo proposito Newt Gingrich, consigliere di Trump e probabile membro di spicco della sua nuova amministrazione, "puo' ambire ad essere presidente di una larga coalizione, piu' vasta del solo Partito repubblicano. Deve pero' comprendere come coniugare tale obiettivo con l'esigenza di una azione di governo concreta". E' proprio a questo proposito che la "Washington Post" avanza le proprie perplessita'. Al netto della durissima retorica che ha caratterizzato le elezioni presidenziali Usa, sottolinea il quotidiano, le "prescrizioni politiche" del presidente eletto restano vaghe. Le indicazioni piu' significative in merito alla direzione politica della nuova amministrazione, prevede il quotidiano, "giungeranno dalle nomine per il team di sicurezza nazionale e il nuovo Gabinetto".

Ovviamente, trattandosi di quotidiani, il Washington Post e il New York Times, apertamente schierati con i democratici, non fanno neppure un accenno alla vera e propria "rivoluzione fiscale" che Trump ha in programma, a partire dalla riduzione al 15% come massimo di tutte le tasse. E' la famosa "flat tax" temuta e odiata dalle sinistre anche in Italia.

Redazione Milano.


BOMBA ATOMICA TRUMP CONTRO ''I PALAZZI DEL POTERE BUROCRATICO DI WASHINGTON'' E ARRIVO DELLA FLAT TAX AL 15% PER TUTTI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TRUMP   REPUBBLICANI   POTERE   CLINTON   WASHINGTON   NEW   YORK   TIMES   POST   CONGRESSO   SANITA'   RIFORMA   OBAMA   CARE   RYAN   CASA   BIANCA   BUROCRATI   LOBBISTI   ITALIA   SINISTRA   FLAT   TAX    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer
Continua
 
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver
Continua
 
ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN PARLAMENTO COME FECE FILLON)

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN

mercoledì 17 maggio 2017
Il parlamento francese potrebbe essere soprannominato il club delle mogli. Lo scandalo di François Fillon, che ha ingaggiato la sua sposa Penelope come assistente parlamentare, pagandola circa
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TUTTE LE REAZIONI MONDIALI ALLA VITTORIA DI TRUMP E IL PLAUSO DEI PARTITI E MOVIMENTI NAZIONALISTI D'EUROPA

TUTTE LE REAZIONI MONDIALI ALLA VITTORIA DI TRUMP E IL PLAUSO DEI PARTITI E MOVIMENTI NAZIONALISTI
Continua

 
SI SCRIVE TRUMP MA SI LEGGE ''RONALD REAGAN'': PROGRAMMA DI RIFORME DEL NUOVO PRESIDENTE ASSOMIGLIA TANTO ALLA REAGANOMICS

SI SCRIVE TRUMP MA SI LEGGE ''RONALD REAGAN'': PROGRAMMA DI RIFORME DEL NUOVO PRESIDENTE ASSOMIGLIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!