59.865.006
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IMPETUOSA CRESCITA DEL PIL BRITANNICO GRAZIE ALL'USCITA DALLA UE: SMENTITO L'FMI CHE ''PREVEDEVA'' IL DISASTRO (ITALEXIT!)

venerdì 28 ottobre 2016

LONDRA - Tutti i "profeti di sventura" del Brexit sono stati sonoramente smentiti dai dati reali. In evidenza sul Financial Times di questa mattina gli ultimi dati sulla crescita economica del Regno Unito e la decisione di Nissan di costruire nuovi modelli in Gran Bretagna con forti investimenti industriali ed occupazionali per realizzarli.

Nel terzo trimestre, il primo dopo il voto referendario per l'uscita dall'Unione Europea, stando all'Office for National Statistics, l'istituto nazionale di statistica, l'economia britannica e' cresciuta dello 0,5 per cento rispetto ai tre mesi precedenti.

E l'aspetto più interessante è che il Tesoro britannico aveva previsto una contrazione dello 0,1 per cento; negative anche le previsioni di altre istituzioni, dalla Banca d'Inghilterra al Fondo monetario internazionale. Evidentemente le loro "previsioni negative" si sono basate non sulla realtà ma sull'opinione politica errata per la quale uscire dalla Ue danneggia inesorabilmente chi lo fa, quando invece è vero il contrario.

I dati dell'Ons son stati accolti con soddisfazione dal cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, per il quale i fondamentali sono buoni e il sistema e' ben piazzato per affrontare le sfide e le opportunita' che deriveranno dal nuovo rapporto con l'Ue.

Esultano, oltre ai sostenitori politici del Brexit, che detto per inciso sono la maggioranza dei cittadini britannici, i prestigiosi istituti, come l'Institute for Economic Affairs, che si aspettano vantaggi economici dall'uscita dall'Ue. E avevano ragione a sostenerlo.

Ma alcuni economisti filo-Ue, certo non potendo smentire i dati reali, comunque invitano alla cautela, cosi' come l'editoriale non firmato del Financial Times, attribuibile alla direzione, la quale - è bene ricordarlo - si era schierata apertamente contro il Brexit: "Sarebbe prematuro concludere che l'economia navighera' felicemente attraverso il Brexit" si legge, ma nulla di più, anche perchè i dati economici parlano chiaro.

La giornata di ieri ha riservato - infatti - l'annuncio da parte della casa automobilistica giapponese Nissan, la seconda del mercato nazionale dopo Jaguar Land Rover, della produzione di due nuovi modelli, i Suv Qashqai e X-Trail, nello stabilimento di Sunderlund, a partire dal 2019-20: una dichiarazione di fiducia nei benefici del voto referendario.

Si tratta della prima importante scelta di investimento di una compagnia straniera dopo il referendum del 23 giugno, che potrebbe essere indicativa dell'approccio di altre multinazionali, pronte a forti investimenti industriali nel Regno Unito finalmente libero dagli astrusi "regolamenti" imposti dall'euroburocrazia di Bruxelles.

La fabbrica inglese della Nissan opera dal 1986, produce 500 mila vetture all'anno e impiega settemila persone. L'azienda ha dichiarato di aver preso la decisione in seguito all'impegno del governo a garantire che le condizioni operative saranno "competitive".

Downing Street ha negato di aver offerto un accordo favorevole, sotto forma di garanzie specifiche su infrastrutture, visti o tariffe. Un portavoce ha precisato che l'unica rassicurazione e' stata quella di "ottenere il miglior accordo possibile per la Gran Bretagna nell'uscire dall'Ue". Ed evidentemente a Tokyo sono convinti che accadrà. Intanto, il Brexit è un successo.

Redazione Milano

 


IMPETUOSA CRESCITA DEL PIL BRITANNICO GRAZIE ALL'USCITA DALLA UE: SMENTITO L'FMI CHE ''PREVEDEVA'' IL DISASTRO (ITALEXIT!)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA SUL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO / DATI AGGHIACCIANTI: PERDITA DI VALORE DELLE CASE COME MINIMO DEL 26%

INCHIESTA SUL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO / DATI AGGHIACCIANTI: PERDITA DI VALORE DELLE CASE COME
Continua

 
TORNA AL GALOPPO LA DEFLAZIONE: CADUTA IN PICCHIATA DI TUTTI I PREZZI, ALIMENTARI, CASE, SERVIZI, ENERGIA, FARMACI

TORNA AL GALOPPO LA DEFLAZIONE: CADUTA IN PICCHIATA DI TUTTI I PREZZI, ALIMENTARI, CASE, SERVIZI,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!