72.698.777
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PARTENZA CON SCHIANTO: RAJOY NON SUPERA LA VOTAZIONE IN PARLAMENTO, SPAGNA SEMPRE SENZA GOVERNO. ELEZIONI IN ARRIVO?

venerdì 28 ottobre 2016

MADRID - Partenza con schianto. Il candidato del Partito popolare spagnolo, Mariano Rajoy, non ha superato il primo turno della votazione parlamentare necessaria a inaugurare un secondo mandato da primo ministro, non avendo ottenuto la maggioranza assoluta alla Camera. Rajoy dovra' quindi aspettare fino a sabato prossimo per ricevere la fiducia del parlamento a maggioranza semplice, ma non è affatto detto che ci riesca.

Le votazioni dopo il dibattito di investitura hanno portato il seguente risultato: 170 voti a favore - i parlamentari di Pp, Ciudadanos, Coalizione Canarie, Unione del popolo navarro (Upn) e Foro Asturias - e 180 voti contrari, espressi dagli altri partiti. Il Partito socialista (Psoe) ha promesso di astenersi sabato per sbloccare la situazione di stallo politico vissuta dalla Spagna, con oltre 300 giorni di governo tecnico e due elezioni generali tenute in quel lasso di tempo, ma la sua astensione non permetterebbe comunque di avere una maggioranza capace di governare.

Il presidente della Camera, Ana Pastor, ha annunciato ieri pomeriggio che la seduta della Camera riprendera' sabato alle 18.30 e la seconda votazione per l'investitura di Rajoy e' attesa per le 19:45. Una delle grandi incognite riguarda proprio il voto del gruppo del Psoe, profondamente diviso tra i sostenitori dell'astensione e del "no" a Rajoy. Di questo ultimo blocco fa parte il Partito socialista catalano (Psc) che all'inizio della settimana a ribadito il proprio rifiuto ad agevolare un nuovo governo del Pp attraverso l'astensione.

Durante il  dibattito in parlamento il leader di Ciudadanos, Albert Rivera, ha ricordato a Rajoy, di aver firmato un patto articolato in 150 punti nel quale sono previste anche misure anti-corruzione. A questo proposito, Rivera ha chiesto "l'istituzione di una commissione per indagare la corruzione nelle file del Pp", coinvolto in alcuni scandali. Rivera ha anche chiesto al leader del Pp di approvare, in vista dell'investitura per formare un nuovo governo, una legge sul lavoro autonomo in modo da poter stimolare le assunzioni, e ha sollecitato una nuova riforma del lavoro.

Rivera ha infine esortato Rajoy a "mantenere gli accordi che abbiamo firmato e mettere in moto queste riforme": solo cosi', ha detto, i cittadini spagnoli potranno constatare dei miglioramenti; in caso contrario, "l'alleanza durera' molto poco". Il Partito nazionalista basco (Pnv) ha accusato Rajoy di non avere alcun "progetto" ne' la Catalogna ne' per i Paesi Baschi, a causa della "concezione intollerante" che ha il Pp della Spagna. Il portavoce dei nazionalisti baschi, Aitor Esteban, ha sottolineato che "nulla e' cambiato" dall'investitura fallita del candidato del Pp lo scorso agosto. Rajoy "ha continuato a generare divisioni", ha affermato Esteban.

I cinque deputati del Pnv in parlamento, che potrebbero essere determinanti per l'approvazione del bilancio del prossimo anno, ieri hanno votato contro l'investitura di Rajoy. "Da parte mia faro' tutto cio' il possibile per coinvolgervi nella governance", ha risposto Rajoy, ricordando la "coalizione parlamentare" del Pp con il Pnv nel primo governo di Jose' Maria Aznar.

Anche il partito catalano Sinistra repubblicana (Erc) ha avvertito il candidato alla presidenza del Consiglio che i separatisti non accetteranno altre soluzioni al "problema" della Catalogna se non il referendum sull'indipendenza. "O referendum o referendum. Vale a dire, o una soluzione democratica concordata oppure una soluzione democratica che gode di legalita' internazionale. Non c'e' altra soluzione", ha avvertito il portavoce di Erc alla Camera dei deputati, Joan Tarda'. 

Redazione Milano


PARTENZA CON SCHIANTO: RAJOY NON SUPERA LA VOTAZIONE IN PARLAMENTO, SPAGNA SEMPRE SENZA GOVERNO. ELEZIONI IN ARRIVO?




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DIVERSI ECONOMISTI HANNO DUBBI SULLA PERSISTENZA DELL'ITALIA NELL'EUROZONA IL PAZIENTE ITALIANO E' GRAVE (HANDELSBLATT)

DIVERSI ECONOMISTI HANNO DUBBI SULLA PERSISTENZA DELL'ITALIA NELL'EUROZONA IL PAZIENTE ITALIANO E'
Continua

 
ELETTORI DEMOCRATICI NON VANNO A VOTARE, TRUMP VOLA NELLE URNE DEGLI STATI CHE HANNO IL VOTO ANTICIPATO (E NEI SONDAGGI)

ELETTORI DEMOCRATICI NON VANNO A VOTARE, TRUMP VOLA NELLE URNE DEGLI STATI CHE HANNO IL VOTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »