44.189.407
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

100 MILIONI AL MESE IN CONTANTI SPESI DAL GOVERNO RENZI PER GLI AFRICANI ARRIVATI COI BARCONI. UNA VERGOGNA NAZIONALE

giovedì 27 ottobre 2016

Chi nega l'enorme emergenza delle orde di africani che si riversano in Italia dalla Libia, nega l'evidenza ed è in malafede. C'e' un numero che attesta l'escalation dell'emergenza: i migranti ospitati - a spese dello stato italiano, e cioè dai contribuenti che pagano le tasse - nel "sistema d'accoglienza" sono balzati dai 104 mila del 2015 ai 170 mila di oggi, determinando proteste di cittadini ed enti locali, dal Nord al Sud, con interi paesi in rivolta, come Gorino.

Un'invasione provocata da tre fattori: marginalmente dal flop dei ricollocamenti (fermi a 1.318 rispetto ai 40 mila in due anni che ha imposto la Ue scatenando la rivolta di molti stati), la difficolta' dei rimpatri degli irregolari (solo poche migliaia quest'anno dall'Italia) e per ultimo ma in realtà per primo il rafforzamento dei controlli alle frontiere dei Paesi confinanti, Francia ed Austria in testa.

Francia e Austria si sono stufate di essere invase da clandestini africani e hanno sbarrato per loro frontiere e valichi, rispedendo in Italia seduta stante - letteralmente - gli africani intercettati dalle loro polizie ed eserciti provenienti illegalmente dal nostro Paese. 

Ma nonostante questo disastro sotto gli occhi di tutti, "la macchina organizzativa dei soccorsi e dell'accoglienza sta funzionando", ha tenuto a sottolineare il ministro dell'Interno, Angelino Alfano. Ed il premier Matteo Renzi e' tornato ad attaccare l'Europa: "noi italiani - ha detto - stiamo cercando di rimediare ad una situazione molto difficile, la situazione non e' al collasso o fuori controllo. Ci sono problemi ma si gestisce. Il problema dell'immigrazione lo stiamo affrontando con responsabilita' ma soprattutto per l'incapacita' dell'Europa di essere solidale".

Solo che "solidale" secondo Renzi significa spalancare le frontiere all'invasione di africani che non sono affatto profughi, ma gente che vuole arrivare in Europa per ben altri motivi, che nulla hanno a che vedere con la fuga da guerre e carestie. Basta guardare le fotografie dei barconi, per capirlo.

E' certo pero' che al Viminale c'e' preoccupazione per gli sbarchi senza fine e per le difficolta' a reperire soluzioni alloggiative, ovviamente a costo dello Stato italiano, come se fosse uno dei più ricchi e prosperi al mondo, quando invece è a un millimetro dalla bancarotta. L'accoglienza imposta da Renzi e dal Pd agli italiani costa infatti ben 100 milioni di euro al mese in contanti, un miliardo e duecento milioni di euro in un anno. E si fariferimento alle spese vive, pagate in contanti. Il costo indiretto supera i 4 miliardi di euro l'anno. 

Attualmente all'appello mancano 650 milioni di euro - in contanti - per le associazioni che lavorano nelle strutture e minacciano di interrompere i servizi. Il ministero dell'Economia dovrebbe a giorni dare l'ok allo sblocco dei fondi, aumentando ovviamente il debito pubblico già stratosferico.

Una partita complessa e costosa, dunque, aggravata dai continui sbarchi, alla media di oltre 10.000 la settimana.  Sono 2.600 i Comuni che ora accolgono africani - obbligati dai prefetti - ed il piano messo a punto da ministero e Anci nei giorni scorsi e' quello di estendere questa platea incentivando le citta' ad accettare le presenze di stranieri, e se non sono d'accordo, ha detto ieri Alfano intervenendo in Parlamento, verrà loro imposto con requisizioni ed espropri di immobili. Qualcosa del genere accade nelle dittature.

Per allentare la pressione - acuita dal ripristino dei controlli alle frontiere che impedisce agli stranieri di lasciare illegalmente l'Italia verso altri Paesi - le strade su cui puntava il Viminale erano i ricollocamenti dei richiedenti asilo e dei rimpatri degli irregolari. Ma la prima, ad un anno dal via, si e' rivelata finora un fallimento: solo in 1.318 sono stati trasferiti in altri Stati che hanno accettato di accoglierli. Quanto ai rimpatri, quelli europei, auspicati da Alfano, non sono mai partiti. E l'Italia è sommersa di clandestini e di reati dei quali si rendono responsabili a decine di migliaia.

In tutto il 2015 i rimpatri sono stati 16 mila e quest'anno i numeri sono simili a fronte di 220.000 africani arrivati coi barconi dalla Libia. Servono accordi bilaterali con i Paesi di provenienza e l'Italia li ha con Paesi come Egitto, Tunisia, Marocco e Nigeria. Ma si tratta di procedure lunghe e faticose, che finora non hanno dato risultati soddisfacenti.

E mentre in Italia si è sommersi da clandestini nessuno dei quali ha diritto d'asilo nella Ue e quindi nemmeno in questo Paese, fintanto che della Ue fa parte, nel Mediterraneo si continua a morire. Oggi sono stati recuperati al largo delle coste libiche 13 cadaveri ed il bilancio sale a 55 negli ultimi dieci giorni. Secondo l'Unhcr, sono almeno 3.740 le persone morte e disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, poco meno dei 3.771 registrati nel 2015, finora l'anno piu' nero. Tutti questi morti sarebbero stati evitati se invece di essere condotti in Italia, gli africani sui barconi fossero stati ricondotti in Libia, nel porto di Tripoli, nella parte di Libia sotto il governo riconosciuto dalla Ue, dall'Onu, dagli Usa e quindi anche dal governo italiano. Non c'è e non c'era alcuna ragione per non farlo, perchè quella parte di Libia e sicura e senza guerra, e inoltre, l'isis è stato sonfitto e cancellato anche dalle zone di Sirte. Alibi non ce ne sono, la responsabilità per queste stragi di migranti è innanzitutto italiana.

Se non fosse stato alimentato il traffico di esseri umani con "l'accoglienza" tanto cara alla sinistra e al Pd, tutte quelle vittime in mare non ci sarebbero state. La verità, per quanto amara, è questa.

Redazione Milano


100 MILIONI AL MESE IN CONTANTI SPESI DAL GOVERNO RENZI PER GLI AFRICANI ARRIVATI COI BARCONI. UNA VERGOGNA NAZIONALE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

AFRICANI   ITALIA   LIBIA   UE   AUSTRIA   FRANCIA   COSTI   POVERI   CLANDESTINI   VIMIMALE   ALFANO   RENZI   TRIPOLI   BARCONI   PREFETTI   BANCAROTTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE FIGARO: ''IL VILLAGGIO DI GORINO SI E' RIBELLATO ERIGENDO BARRICATE CONTRO L'ARRIVO DI MIGRANTI AFRICANE E HA VINTO''

LE FIGARO: ''IL VILLAGGIO DI GORINO SI E' RIBELLATO ERIGENDO BARRICATE CONTRO L'ARRIVO DI MIGRANTI
Continua

 
CAGLIARI COME PARIGI: LA POLIZIA SI RIBELLA! POLIZIOTTI IN PIAZZA, SIT IN DAVANTI LA QUESTURA CONTRO L'IMMIGRAZIONE

CAGLIARI COME PARIGI: LA POLIZIA SI RIBELLA! POLIZIOTTI IN PIAZZA, SIT IN DAVANTI LA QUESTURA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!