63.977.475
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

100 MILIONI AL MESE IN CONTANTI SPESI DAL GOVERNO RENZI PER GLI AFRICANI ARRIVATI COI BARCONI. UNA VERGOGNA NAZIONALE

giovedì 27 ottobre 2016

Chi nega l'enorme emergenza delle orde di africani che si riversano in Italia dalla Libia, nega l'evidenza ed è in malafede. C'e' un numero che attesta l'escalation dell'emergenza: i migranti ospitati - a spese dello stato italiano, e cioè dai contribuenti che pagano le tasse - nel "sistema d'accoglienza" sono balzati dai 104 mila del 2015 ai 170 mila di oggi, determinando proteste di cittadini ed enti locali, dal Nord al Sud, con interi paesi in rivolta, come Gorino.

Un'invasione provocata da tre fattori: marginalmente dal flop dei ricollocamenti (fermi a 1.318 rispetto ai 40 mila in due anni che ha imposto la Ue scatenando la rivolta di molti stati), la difficolta' dei rimpatri degli irregolari (solo poche migliaia quest'anno dall'Italia) e per ultimo ma in realtà per primo il rafforzamento dei controlli alle frontiere dei Paesi confinanti, Francia ed Austria in testa.

Francia e Austria si sono stufate di essere invase da clandestini africani e hanno sbarrato per loro frontiere e valichi, rispedendo in Italia seduta stante - letteralmente - gli africani intercettati dalle loro polizie ed eserciti provenienti illegalmente dal nostro Paese. 

Ma nonostante questo disastro sotto gli occhi di tutti, "la macchina organizzativa dei soccorsi e dell'accoglienza sta funzionando", ha tenuto a sottolineare il ministro dell'Interno, Angelino Alfano. Ed il premier Matteo Renzi e' tornato ad attaccare l'Europa: "noi italiani - ha detto - stiamo cercando di rimediare ad una situazione molto difficile, la situazione non e' al collasso o fuori controllo. Ci sono problemi ma si gestisce. Il problema dell'immigrazione lo stiamo affrontando con responsabilita' ma soprattutto per l'incapacita' dell'Europa di essere solidale".

Solo che "solidale" secondo Renzi significa spalancare le frontiere all'invasione di africani che non sono affatto profughi, ma gente che vuole arrivare in Europa per ben altri motivi, che nulla hanno a che vedere con la fuga da guerre e carestie. Basta guardare le fotografie dei barconi, per capirlo.

E' certo pero' che al Viminale c'e' preoccupazione per gli sbarchi senza fine e per le difficolta' a reperire soluzioni alloggiative, ovviamente a costo dello Stato italiano, come se fosse uno dei più ricchi e prosperi al mondo, quando invece è a un millimetro dalla bancarotta. L'accoglienza imposta da Renzi e dal Pd agli italiani costa infatti ben 100 milioni di euro al mese in contanti, un miliardo e duecento milioni di euro in un anno. E si fariferimento alle spese vive, pagate in contanti. Il costo indiretto supera i 4 miliardi di euro l'anno. 

Attualmente all'appello mancano 650 milioni di euro - in contanti - per le associazioni che lavorano nelle strutture e minacciano di interrompere i servizi. Il ministero dell'Economia dovrebbe a giorni dare l'ok allo sblocco dei fondi, aumentando ovviamente il debito pubblico già stratosferico.

Una partita complessa e costosa, dunque, aggravata dai continui sbarchi, alla media di oltre 10.000 la settimana.  Sono 2.600 i Comuni che ora accolgono africani - obbligati dai prefetti - ed il piano messo a punto da ministero e Anci nei giorni scorsi e' quello di estendere questa platea incentivando le citta' ad accettare le presenze di stranieri, e se non sono d'accordo, ha detto ieri Alfano intervenendo in Parlamento, verrà loro imposto con requisizioni ed espropri di immobili. Qualcosa del genere accade nelle dittature.

Per allentare la pressione - acuita dal ripristino dei controlli alle frontiere che impedisce agli stranieri di lasciare illegalmente l'Italia verso altri Paesi - le strade su cui puntava il Viminale erano i ricollocamenti dei richiedenti asilo e dei rimpatri degli irregolari. Ma la prima, ad un anno dal via, si e' rivelata finora un fallimento: solo in 1.318 sono stati trasferiti in altri Stati che hanno accettato di accoglierli. Quanto ai rimpatri, quelli europei, auspicati da Alfano, non sono mai partiti. E l'Italia è sommersa di clandestini e di reati dei quali si rendono responsabili a decine di migliaia.

In tutto il 2015 i rimpatri sono stati 16 mila e quest'anno i numeri sono simili a fronte di 220.000 africani arrivati coi barconi dalla Libia. Servono accordi bilaterali con i Paesi di provenienza e l'Italia li ha con Paesi come Egitto, Tunisia, Marocco e Nigeria. Ma si tratta di procedure lunghe e faticose, che finora non hanno dato risultati soddisfacenti.

E mentre in Italia si è sommersi da clandestini nessuno dei quali ha diritto d'asilo nella Ue e quindi nemmeno in questo Paese, fintanto che della Ue fa parte, nel Mediterraneo si continua a morire. Oggi sono stati recuperati al largo delle coste libiche 13 cadaveri ed il bilancio sale a 55 negli ultimi dieci giorni. Secondo l'Unhcr, sono almeno 3.740 le persone morte e disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, poco meno dei 3.771 registrati nel 2015, finora l'anno piu' nero. Tutti questi morti sarebbero stati evitati se invece di essere condotti in Italia, gli africani sui barconi fossero stati ricondotti in Libia, nel porto di Tripoli, nella parte di Libia sotto il governo riconosciuto dalla Ue, dall'Onu, dagli Usa e quindi anche dal governo italiano. Non c'è e non c'era alcuna ragione per non farlo, perchè quella parte di Libia e sicura e senza guerra, e inoltre, l'isis è stato sonfitto e cancellato anche dalle zone di Sirte. Alibi non ce ne sono, la responsabilità per queste stragi di migranti è innanzitutto italiana.

Se non fosse stato alimentato il traffico di esseri umani con "l'accoglienza" tanto cara alla sinistra e al Pd, tutte quelle vittime in mare non ci sarebbero state. La verità, per quanto amara, è questa.

Redazione Milano


100 MILIONI AL MESE IN CONTANTI SPESI DAL GOVERNO RENZI PER GLI AFRICANI ARRIVATI COI BARCONI. UNA VERGOGNA NAZIONALE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

AFRICANI   ITALIA   LIBIA   UE   AUSTRIA   FRANCIA   COSTI   POVERI   CLANDESTINI   VIMIMALE   ALFANO   RENZI   TRIPOLI   BARCONI   PREFETTI   BANCAROTTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE FIGARO: ''IL VILLAGGIO DI GORINO SI E' RIBELLATO ERIGENDO BARRICATE CONTRO L'ARRIVO DI MIGRANTI AFRICANE E HA VINTO''

LE FIGARO: ''IL VILLAGGIO DI GORINO SI E' RIBELLATO ERIGENDO BARRICATE CONTRO L'ARRIVO DI MIGRANTI
Continua

 
CAGLIARI COME PARIGI: LA POLIZIA SI RIBELLA! POLIZIOTTI IN PIAZZA, SIT IN DAVANTI LA QUESTURA CONTRO L'IMMIGRAZIONE

CAGLIARI COME PARIGI: LA POLIZIA SI RIBELLA! POLIZIOTTI IN PIAZZA, SIT IN DAVANTI LA QUESTURA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!