44.154.254
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LO SAPETE (VERO?) CHE I TITOLI DI STATO ITALIANI POSSONO ESSERE - A NORMA DI NUOVA LEGGE - NON PAGATI ALLA SCADENZA?

martedì 21 maggio 2013

Il 13 gennaio del 2013 il giornale tedesco Die Welt titolava a caratteri cubitali “I Paesi europei hanno introdotto la clausola d’esproprio per i Titoli del Debito Pubblico”.

Ma in Italia, bocche cucite.Eppure da noi come in tutta la Comunità europea, dall’inizio di quest’anno tutti i titoli di Stato con scadenza maggiore di un anno prevedono la clausola Cac, Clausola di Azione Collettiva.

COME FUNZIONA LA CLAUSOLA DI AZIONE COLLETTIVA.

A pensare male, verrebbe da dire che il silenzio stampa attorno a questa nuova regola sulle obbligazioni statali, non sia poi così casuale. In pratica, in caso di crisi, un Paese dell’Ue può rifiutarsi di adempiere al pagamento del capitale investito se almeno il 75% dei creditori è d’accordo. Il vero problema, è che questo fatidico 75% è spesso rappresentato da grandi investitori come banche, società assicuratrici o enti di previdenza che, schiacciati da forti pressioni da parte degli Stati in questione, potrebbero acconsentire a sospendere i pagamenti. Risultato? I piccoli risparmiatori (che non avrebbero peso in queste decisioni) potrebbero perdere i loro risparmi.

A RISCHIO “SOLO” IL 45% DEL CAPITALE INVESTITO. 

C’è poi da aggiungere che l’applicazione della Clausola di Azione Collettiva, riguarda in realtà solo una parte del capitale investito. «L’inserimento delle Cac», precisa a Economiaweb.it Claudia Segre, segretario generale Assiom Forex, l’associazione Italiana degli Operatori dei Mercati dei Capitali, «è limitato al 45% del totale di ammontare lordo di debito pubblico complessivo emesso, garantendo in questo modo che più della metà del debito pubblico resti garantito totalmente e quindi senza Cac». Ciò significa che, comunque vadano le cose, ogni risparmiatore italiano ha la garanzia di rivedere il 55% del capitale investito. Magra consolazione ma sempre meglio di niente.

IL MODO PER SUPERARE IL PROBLEMA.

Una soluzione, però, c’è.

Poiché solo le obbligazioni emesse nel 2013 presentano questa clausola, se un risparmiatore vuole stare tranquillo (come dargli torto), può sempre affidarsi a prodotti emessi prima del 2013. In questo caso, la Cac non potrebbe essere esercitata in caso di default e il 100% dei risparmi sarebbe al sicuro.

Fonte notizia: Finanza no stop.

Redazione Milano.


LO SAPETE (VERO?) CHE I TITOLI DI STATO ITALIANI POSSONO ESSERE - A NORMA DI NUOVA LEGGE - NON PAGATI ALLA SCADENZA?




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NOI NON MOLLIAMO / EQUITALIA: SE LA NOTIFICA DI UN ATTO ARRIVA PER POSTA E' NULLO! (E VIENE CANCELLATO)

NOI NON MOLLIAMO / EQUITALIA: SE LA NOTIFICA DI UN ATTO ARRIVA PER POSTA E' NULLO! (E VIENE
Continua

 
ITALIANI TRAVOLTI DAI DEBITI (34 MILIARDI DI EURO NON PAGATI) ESPLODONO  I PROTESTI DI CAMBIALI  E ASSEGNI

ITALIANI TRAVOLTI DAI DEBITI (34 MILIARDI DI EURO NON PAGATI) ESPLODONO I PROTESTI DI CAMBIALI E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!