72.772.802
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTE LE BANCHE ITALIANE SONO A RISCHIO DI UN EPICO FALLIMENTO E LA BCE AL GUINZAGLIO DELLA GERMANIA LE LASCERA' MORIRE

giovedì 13 ottobre 2016

Secondo i dati pubblicati sul bollettino di Bankitalia, ad agosto (ultimo dato ufficiale disponibile, e già questo deve far sospettare il peggio), le sofferenze bancarie hanno sfondato il tetto dei 200 miliardi di euro, attestandosi a 200,106 contro i 198,252 del mese precedente. Tradotti nelle vecchie lire, la somma è pari a: 387.459.244.620.000, ovvero 387 mila miliardi e mezzo!

Giusto per dare l'idea della mostruosità della somma, basti ricordare che la famosa - anzi, famigerata - "manovra" del governo Amato dei primi anni Novanta che mise le mani nelle tasche degli italiani prelevando nottetempo denaro contante da tutti i conti correnti, fu di 350.000 miliardi di lire! E si trattò di "salvare" l'Italia, NON le banche private italiane, come in questo caso d'oggi.

In ogni caso, la crescita delle sofferenze non è certo una sorpresa: con un mercato interno asfittico, il pil che è cresciuto dello 0% nel secondo trimestre ed il settore immobiliare in coma profondo con deprezzamenti degli immobili di oltre il 30% e in alcni casi, come in Liguria per le seconde abitazioni al mare, con crolli che sfiorano il 50% (riferito alle vere vendite, e non alle "proposte" delle agenzie immobiliari che trovate su internet), l’esito non poteva essere differente.

Questo significa che l’intero sistema bancario sta camminando sul filo del precipizio e manca veramente poco a che si spalanchino le porte dell’inferno. E’ bene, tuttavia, precisare che la crisi del sistema bancario non deriva da speculazioni sui prodotti derivati o sui mutui subprime come accaduto per quello americano e tedesco, ma a causa delle folli scelte di politica economica  attuate dagli ultimi tre governi ed accentuata dal fatto che operando in un regime di cambi fissi quale è l’euro, non è consentito riequilibrare la situazione attraverso l’adeguamento del rapporto di cambio tra le monete.

D’altra parte, se distruggi la domanda interna a colpi di tasse (Monti) per riequilibrare la bilancia commerciale con l’estero, e abbatti gli stipendi dei lavoratori (Renzi, che ne fa un vanto del suo governo) per far diventare “competitivo” il paese, è chiaro che non c’è futuro per i consumi e quindi per il commercio e quindi per il settore manifatturiero in generale.

Se non ci sono soldi, non si spendono, ma se non si spendono, non ci sono vendite e se non si vende non si produce, per cui non si rimborsano i leasing, i finanziamenti ed i fornitori, si fallisce e quindi si licenzia e chi è licenziato non può pagare il mutuo sulla casa, in un circolo vizioso che porta ad uno solo sbocco possibile: il fallimento delle banche e quindi del sistema paese.

La causa di tutto questo? La pseudo moneta unica, in realtà un fallimentare sistema di cambi fissi tra valute, combinato per avvantaggiare le economie nordiche e quella tedesca in particolare, a svantaggio di tutte le altre.

Che sia solo un rapporto di cambi fissi e non una moneta unica -come invece l'euro viene descritto - lo dimostra il fatto che ogni nazione ha ancora il proprio debito pubblico e non esiste un “debito pubblico della zona euro”, con buona pace dei filo Ue e dei “neoliberisti qualificati”, quelli bravi, quelli che urlavano “fate presto!” e che non sono stati nemmeno capaci di gestire il proprio quotidiano di riferimento.

Casomai non si capisse, stiamo parlando del Sole 24 Ore, dispensatore di fregnacce clamorose, di volta in volta scrivendo della "ripresa" del mercato immobiliare piuttosto che della "impennata" dell'economia, tutte bufale al solo servizio politico dei governi in carica a partire dal disgraziato governo Monti per poi passare a quello di Letta e infine all'indicibile accolita di incapaci del governo Renzi.

Ma il vero e drammatico problema è che se il sistema bancario collasserà e ci siamo molto vicini, trascinerà con sé l’intero sistema paese, bruciando i risparmi di generazioni di italiani ed il futuro dei giovani che temono, in caso di vittoria del NO al referendum costituzionale di veder “arrubbato il futuro” per colpa dei vecchi, come starnazzarono alcuni sparuti gruppi di giovani inglesi all’indomani del brexit e che ora se ne stanno ben zitti dopo il boom del turismo e della produzione industriale legata alla svalutazione della sterlina.

Mentre tutta Europa inizia a prepararsi alla fine della moneta unica e della Ue, con la Finlandia che ha reso pubblico un piano operativo per l’uscita dalla moneta unica (come annunciato da questo quotidiano) e lo stesso Junker che ammette che gli “Stati Uniti d'Europa” non saranno mai possibili, alla cui constatazione si è aggiunto addirittura il premier francese Manuel Valls, il premier non eletto fiorentino è l’unico che continua imperterrito verso la rovina del paese per far contenti gli oligarchi della Ue ed i loro referenti tedeschi, veri padroni dell'Unione europea e soprattutto della Bce.

Cos'è, non lo sapevate che il governo tedesco ha al guinzaglio anche la Banca Centrale Europea? 

La prova inconfutabile è emersa qualche giorno fa, quando si è appreso che la BCE ha tenuto un occhio di riguardo sugli stress test per il colosso marcio tedesco Deutsche Bank, giusto per fugare gli ultimi residui dubbi sul fatto che le Ue non è mai esistita se non intesa come IV reich del dominio di Berlino come rivincita della sconfitta del nazismo. Sono sempre loro.

Luca Campolongo

 

Fonti

http://www.intelligonews.it/articoli/12-ottobre-2016/49897/bankitalia-bollettino-moneta-e-banche-crescono-sofferenze-migliorano-mutui-depositi-e-prestiti-ritmo-di-crescita-rallenta

http://www.ilfoglio.it/esteri/2016/10/07/juncker-stati-uniti-europa___1-v-148839-rubriche_c369.htm

http://vocidallestero.it/2016/10/10/zh-la-bce-ha-permesso-a-deutsche-bank-di-imbrogliare-negli-ultimi-stress-test/

http://scenarieconomici.it/la-finlandia-ha-pronto-il-piano-per-uscire-dalleuro/

 

 


TUTTE LE BANCHE ITALIANE SONO A RISCHIO DI UN EPICO FALLIMENTO E LA BCE AL GUINZAGLIO DELLA GERMANIA LE LASCERA' MORIRE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BCE   GERMANIA   BANCHE   ITALAINE   FALLIMENTO   BERLINO   REICH   TEDESCO   DEUTSCHE   BANK   REGIME   OLIGARCHI   GOVERNO   AMATO   MONTI   LETTA   RENZI   ITALIA   SOLE   24   ORE   BUFALE   DEFAULT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE IENE SBUGIARDANO CONTE E MOSTRANO CARTE INOPPUGNABILI, ADESSO PER L'AVVOCATO ''DEL POPOLO'' SONO VERI GUAI

LE IENE SBUGIARDANO CONTE E MOSTRANO CARTE INOPPUGNABILI, ADESSO PER L'AVVOCATO ''DEL POPOLO'' SONO

martedì 10 dicembre 2019
Il sito web de 'Le IENE', con Antonino Monteleone e Marco Occhipinti, torna sul caso del concorso universitario del 2002 che ha fatto diventare Giuseppe Conte professore ordinario di diritto privato
Continua
 
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
 
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ENTE NAZIONALE ITALIANO RISI CREA UN FRONTE EUROPEO CONTRO LA UE: RIPRISTINARE SUBITO DAZI SUL RISO CAMBOGIANO!

L'ENTE NAZIONALE ITALIANO RISI CREA UN FRONTE EUROPEO CONTRO LA UE: RIPRISTINARE SUBITO DAZI SUL
Continua

 
PROTESTA CONTRO LA COMMISSIONE UE: AUTORIZZATO L'USO DI GRASSI VEGETALI AL POSTO DEL BURRO DI CACAO PER IL ''CIOCCOLATO''

PROTESTA CONTRO LA COMMISSIONE UE: AUTORIZZATO L'USO DI GRASSI VEGETALI AL POSTO DEL BURRO DI CACAO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FORZA ITALIA: AL GOVERNO PD-M5S PIACCIONO LE SERRANDE ABBASSATE.

10 dicembre - Il deputato e capogruppo di Forza Italia in commissione Bilancio Andrea
Continua

CALDEROLI: ''GOVERNO CANCELLA CEDOLARE SECCA PER NEGOZI. MIGLIAIA

10 dicembre - ''Questo Governo fa davvero più danni della grandine. L'assurda
Continua

SALVINI: SULL'ILVA IL GOVERNO E' RIUSCITO A PEGGIORARE LA

10 dicembre - ''Sull'Ilva il governo e' riuscito a peggiorare una situazione gia'
Continua

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua
Precedenti »