43.452.400
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: ''L'AGENZIA ONU UNHCR ABBANDONA I PROFUGHI CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE E LIBIA. SALVA SOLO MUSULMANI''

venerdì 7 ottobre 2016

NEW YORK - Dalle pagine del "Wall Street Journal", la direttrice dello Hudson Institute's Center for Religious Freedom, Nina Shea, rivolge un duro atto d'accusa a Washington e ad Antonio Guterres, gia' direttore dell'agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) e prossimo alla nomina a segretario generale delle Nazioni Unite.

Guterres ha affermato lo scorso dicembre che i rifugiati cristiani scampati alle brutalita' dell'Isis in Iraq e in Siria, vittime dei conflitti in quei due paesi e spesso delle violenze dei loro connazionali di religione musulmana, non dovrebbero essere trasferiti in Occidente.

Eppure, sottolinea Shea, appena sei mesi fa il segretario di Stato Usa, John Kerry, ha formalmente accusato l'Isis di "genocidio" contro i cristiani, gli Yazidi e altri gruppi e minoranze religiose nelle aree sotto il controllo del sedicente Califfato.

"Per quale ragione - si chiede Shea e con lei il Wall Street Journal che dà grande rilievo in prima pagina a questo intervento - l'amministrazione Obama ha affidato la sopravvivenza di queste persone e i preziosi aiuti statunitensi a una agenzia delle Nazioni Unite (l'Alto commissariato per i rifugiati Unhcr -ndr), che come la sua organizzazione madre non ha mai ammesso l'esistenza di questo genocidio?".

Il dipartimento di Stato Usa afferma di essere impegnato a sostenere le  minoranze fuggite da Siria e Iraq, assieme agli altri profughi da quei paesi, proprio per tramite delle Nazioni Unite. Dal 2012 ad oggi gli Stati Uniti hanno destinato al sostegno umanitario per i siriani 5,6 miliardi di dollari, tutti gestiti dall'Onu.

Eppure, accusa l'autrice dell'editoriale, "l'Unhcr marginalizza i cristiani e gli altri obiettivi della campagna di sterminio dell'Isis in due programmi critici da cui vengono sistematicamente esclusi: l'edilizia abitativa per i rifugiati nella regione e il ricollocamento all'estero dei rifugiati siriani".

Anche negli Usa, l'estensione del programma di accoglienza dei rifugiati siriani del presidente Barack Obama "sconta una costante sotto-rappresentanza dei sopravvissuti al genocidio in Siria": i dati del dipartimento di Stato dimostrano che "dei 12.587 rifugiati siriani ammessi negli Usa lo scorso anno fiscale, appena 68 erano cristiani, e solo 24 membri della comunita' Yazidi".

Cio' significa che "appena lo 0,5 per cento dei rifugiati siriani accolti negli Usa sono cristiani, nonostante costoro abbiano costituito a lungo il 10 per cento della popolazione siriana".

E' un'ccusa durissima e documentata che svela un vero e proprio orrore: il disinteresse dell'amminisrazione Obama e del Partito Democratico per l'olocausto di cristiani in Medio Oriente, disinteresse che si allarga all'Onu e perfino alla Chiesa cattolica.

Posto di fronte alla questione il mese scorso, durante un'audizione al Senato federale, il vice assistente del segretario di Stato Usa, Simon Henshaw, ha affermato che solo l'1 per cento dei rifugiati siriani registrati sono cristiani: un dato che "non e' in alcun modo compatibile con quanto denunciato lo scorso agosto dal Patriarca cattolico siriano Younan, secondo cui mezzo milione di cristiani siriani - circa la meta' del totale - sono fuggiti dal paese".

Sono stati tutti massacrati? Oppure non vengono considerati "profughi" proprio perchè sono cristiani?  E quindi abbandonati al loro destino di sofferenze e morte? Solo queste, sono le possibilità. 

"Il dipartimento di Stato americano specula che i cristiani non vogliano essere trasferiti all'estero, e per questo non si registrino alle liste per i ricollocamenti - scrive il Wall Street Journal". Secondo Shea, pero', "gli indizi portano tutti all'Unhcr: un rapporto sui rifugiati cristiani in Libano curato lo scorso gennaio dal Catholic News Service denuncia infatti una vera e propria discriminazione da parte dell'agenzia Onu Unhcr ai danni dei cristiani, che vengono ignorati dai funzionari dell'agenzia dopo le interviste iniziali. E abbandonati al loro tragico destino. Vengono preferiti i musulmani, sempre".

Interrogato personalmente da Shea lo scorso dicembre, durante una conferenza stampa a Washington, Antonio Guterres ha replicato con affermazioni "scioccanti ma illuminanti": i cristiani siriani, ha affermato, non dovrebbero essere trasferiti in Occidente perche' sono parte del "dna del Medio Oriente". Affermazioni, accusa l'autrice dell'editoriale, "che suonano come l'articolazione di una politica discriminatoria dalle finalita' politiche". Quelle dalla pulizia etnica dei cristiani dal Medio Oriente. 

Redazione Milano.


WALL STREET JOURNAL: ''L'AGENZIA ONU UNHCR ABBANDONA I PROFUGHI CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE E LIBIA. SALVA SOLO MUSULMANI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ONU   WALL   STREET   JOURNAL   PROFUGHI   CRISTIANI   MUSULMANI   MEDIO   ORIENTE   GUTERRES   GENOCIDIO   USA   UE   EUROPA   OBAMA   DEMOCRATICI   CHIESA   NEW   YORK   PULIZIA   ETNICA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
 
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RIVOLTA A CALAIS, COMUNE CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS: NON VOGLIAMO UN ALTRO MURO, VOGLIAMO CHE CACCIATE I MIGRANTI!

RIVOLTA A CALAIS, COMUNE CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS: NON VOGLIAMO UN ALTRO MURO, VOGLIAMO CHE
Continua

 
FRANCIA INCHIODATA: CADE IL PIL NEL 2016 E 2017 ''NERO'' TRA EFFETTO BREXIT PRESIDENZIALI USA CRISI DELL'EURO E DELLA UE

FRANCIA INCHIODATA: CADE IL PIL NEL 2016 E 2017 ''NERO'' TRA EFFETTO BREXIT PRESIDENZIALI USA CRISI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!