63.395.266
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FRAUKE PETRY LEADER DI AFD, LA NUOVA DESTRA TEDESCA, PARLA ALL'ITALIA (E ALLA LEGA): ''CHIUDETE I CONFINI AI CLANDESTINI''

mercoledì 5 ottobre 2016

BERLINO - Il partito della nuova destra tedesca, Alternativa per la Germania, dà consigli anche all'Italia su cosa fare per provare almeno ad arginare l'invasione africana: "Chiudere i confini per i migranti clandestini, eliminare gli stimoli economici che li attraggono ed esaminare le domande di asilo dei veri perseguitati e profughi di guerra in campi fuori dall'Ue". Sono le linee che Frauke Petry, la dirigente del partito euroscettico tedesco in forte ascesa Afd, ha consigliato di seguire ai partiti italiani preoccupati per le migrazioni in corso. 

Alla domanda su quale consiglio darebbe ai partiti italiani che, come l'Alternativa per la Germania, hanno paura di grandi migrazioni, Petry - in una risposta scritta - ha affermato che "non si tratta di paura, ma innanzitutto del fatto che questa migrazione illegale avviene in violazione delle leggi tedesche ed europee. Secondo - ha aggiunto - lo scetticismo nei confronti di una migrazione non-regolata e addirittura promossa dallo Stato e' un naturale riflesso di autoconservazione. Dappertutto in Europa i confini devono essere chiusi per migranti illegali e, in parallelo, dobbiamo eliminare gli stimoli economici. L'esame di chi e' realmente un profugo deve avvenire fuori dall'Europa", ha concluso la leader dell' "Alternative fuer Deutschland".

Alla domanda se l'Afd abbia contatti con partiti italiani, Petry ha ricordato che "nel parlamento europeo siamo nel gruppo 'Gruppo Europa delle Nazioni e della Liberta'' (Enl). Li' c'e' un contatto con la Lega Nord". "Nel medio periodo coloro che sono politicamente realisti in Europa, e ai quali attualmente viene appiccicata l'etichetta di populista di destra, devono collegarsi in maniera piu' stretta. Del resto siamo tutti buoni europei", ha premesso rispondendo alla domanda se dopo i successi elettorali in Germania del mese scorso i contatti con i partiti italiani debbano essere intensificati. "Siamo un giovane partito, dobbiamo per prima cosa preoccuparci del nostro ruolo nel nostro Paese", si e' limitata ad aggiungere la dirigente della formazione nata nel febbraio 2013.

Frauke Petry ha detto inoltre che il suo partito non ha nulla contro l'immigrazione in Germania di forze lavorative 'qualificate' come gli italiani che si sono ben integrati nel Paese dopo la Seconda guerra mondiale. E ha ribadito il no della sua formazione alla costruzione di moschee in Germania.

Alla domanda se l'Afd non ritenga necessaria l'immigrazione per conservare il benessere dei tedeschi, Petry ha risposto che "non abbiamo proprio nulla contro immigrati qualificati che vogliono pagare le loro bollette e soprattutto sono in grado di farlo. Dopo la Seconda guerra mondiale, abbiamo avuto buone esperienze con lavoratori immigrati proprio dall'Italia e non possiamo piu' immaginare che il 'ristorante' o la 'trattoria' dell'angolo non ci sia piu'", ha scritto usando parole italiane.

"Pero' abbiamo qualcosa contro gli analfabeti che immigrano, che si comportano in maniera aggressiva e vogliono imporci i loro costumi atavici", ha aggiunto. A una domanda sulla costruzione di grandi moschee come quella in allestimento a Colonia, Petry ha ricordato che "la nostra posizione e' formulata chiaramente: non vogliamo appelli del muezzin, perche' siamo un paese con tradizione cristiana e non vogliamo nessun minareto, in quanto li riteniamo simboli di potere. Un uomo come Erdogan lo ha formulato chiaramente", ha aggiunto riferendosi implicitamente ai versi di cui l'attuale presidente turco Recep Tayyip Erdogan va fiero perche' ando' in galera sotto i militari laici per averli recitati. Circa l'Africa, Petry ha sostenuto che "l'Europa non puo' assorbire l'esplosione demografica africana e questo lo dobbiamo dire chiaramente". 

Frauke Petry ha anche manifestato il proprio amore per l'Italia alimentato soprattutto da arte e cucina anche se la sua ultima visita nella penisola risale a quattro anni fa. Alla domanda su cosa le piaccia dell'Italia, la leader del partito tedesco Afd ha risposto: "La cucina. La storia. Gli affreschi di Giotto. Le sculture di Michelangelo. Le melodie di Puccini. Il vino. Il modo di vivere. La lingua. Durante i miei studi universitari in Inghilterra ho imparato anche l'italiano".

Petry ha ricordato di essere gia' stata "piu' volte" in Italia anche se "la mia ultima visita risale a quattro anni fa. E' un peccato!", ha aggiunto esprimendo l'esclamazione in italiano. E alla domanda se voglia visitare di nuovo la penisola, la leader Afd ha risposto che "l'intenzione ce l'ho quasi quotidianamente soprattutto quando vedo quanto lontano dall'originale italiano sia il 'prosciutto di Parma' e il 'parmigiano' venduti in Germania. Forse e' una mia mera immaginazione, ma il primo caffe' espresso bevuto al di la' del confine italiano e' piu' buono dell'espresso da noi. E se non dipende dall'espresso o dal parmigiano, deve dipendere dai confini. A prescindere da quando riusciro' a farlo, gia' me ne rallegro", ha concluso Petry riferendosi al suo prossimo viaggio in Italia.

E' evidente la rilevanza di queste affermazioni della leader della nuova tedesca: è l'esortazione - rivolta principalmente alla Lega di Salvini - affinchè diventi il partito capace di dare corpo al nazionalismo italiano, unica via per salvare il Paese dalla catastrofe che ormai è sotto gli occhi di tutti. Proprio l'esperienza di AfD caratterizzata dall'ascesa verticale dei consensi grazie alla bandiera del nazionalismo, è quanto Frauke Petry cerca ora di indicare come la via per il futuro a chi ha a cuore il destino e la stessa sopravvivenza dell'Italia.

Redazione Milano

Redazione Milano


FRAUKE PETRY LEADER DI AFD, LA NUOVA DESTRA TEDESCA, PARLA ALL'ITALIA (E ALLA LEGA): ''CHIUDETE I CONFINI AI CLANDESTINI''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCOOP BLOOMBERG / DEUTSCHE BANK COMPLICE DELLA CATASTROFE MPS: AIUTO' I VERTICI (OGGI INQUISITI) A NASCONDERE LE PERDITE

SCOOP BLOOMBERG / DEUTSCHE BANK COMPLICE DELLA CATASTROFE MPS: AIUTO' I VERTICI (OGGI INQUISITI) A
Continua

 
FINANCIAL TIMES STRONCA RENZI E IL SUO GOVERNO: ''LE RIFORME DI RENZI SONO UN PONTE COSTITUZIONALE VERSO IL NULLA''

FINANCIAL TIMES STRONCA RENZI E IL SUO GOVERNO: ''LE RIFORME DI RENZI SONO UN PONTE COSTITUZIONALE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ATTILIO FONTANA: SIAMO IN GRADO DI FARE LE OLIMPIADI 2026 BENE E

22 settembre - ''Noi abbiamo dato la disponibilita' e non abbiamo nessun problema.
Continua

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua

ESPLOSIONE NELLA NOTTE IN UNO STABILE DOVE RISIEDONO 24

19 settembre - VERONA - E' un passante l'unico ferito in modo non grave dell'esplosione
Continua
Precedenti »