45.114.972
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RIVOLTA A CALAIS, COMUNE CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS: NON VOGLIAMO UN ALTRO MURO, VOGLIAMO CHE CACCIATE I MIGRANTI!

martedì 4 ottobre 2016

CALAIS - FRANCIA - Braccio di ferro in Francia tra il Comune di Calais ed il governo Hollande-Valls, a botte di ordinanze e contro-ordinanze, intorno alla costruzione del "muro anti-intrusione" finanziato dal governo britannico con 2,7 milioni di euro e progettato per impedire ai migranti clandestini, accampati ancora a migliaia attorno alla citta' portuale in attesa di trovare un modo qualsiasi di attraversare illegalmente il Canale della Manica, di intrufolarsi sui traghetti o sui treni diretti in Gran Bretagna.

Lo scontro politico tra il comune e il governo centrale campeggia sulle prime pagine di tutti i maggiori quotidiani francesi, tra cui "Le Figaro", ma è bellamente ignorato dall'informazione italiana, evidentemente per non mettere in imbarzzo il governo Renzi, dato che proprio ieri sono stati trasportati in Italia praticamente dalle coste libiche oltre seimila (6.000) africani. Nessuno dei quali ha il minimo diritto per entrare in Europa legalmente.

Lunga diversi chilometri, alta quattro metri e dotata di sofisticate apparecchiature di sorveglianza, la barriera e' un rafforzamento delle recinzioni gia' esistenti che sono state vissute negli ultimi anni come una "ferita" al loro territorio da parte della popolazione di Calais, che ha sempre rivendicato invece una decisa azione dello Stato per smantellare la "giungla", le enormi bidonville che assediano la loro citta', e per trasferire altrove - anzi, per espellere dalla Francia verso i loro paesi d'origine - gli oltre 12.000 clandestini che vi sono accampati in condizioni igieniche spaventose e soprattutto autori di innumerevoli reati.

Ora che il governo socialista sembra muoversi - a parole - proprio in questa direzione, con la promessa fatta il 2 settembre scorso dal ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve che la "giungla" sarà smantellata entro l'inizio dell'inverno e che i suoi occupanti saranno sparpagliati in decine di centri di accoglienza in corso di allestimento in tutta la Francia, la sindaca di Calais Natacha Bouchart, del partito di centrodestra I repubblicani (LR, ex Ump), ritiene che il muro anti-migranti "non abbia piu' ragione di essere": e cosi' ieri lunedi' 3 ottobre ha emesso un'ordinanza per interromperne i lavori di costruzione.

All'ordinanza della sindaca ha immediatamente replicato nella tarda serata di ieri il prefetto governativo, emettendo a sua volta un'ordinanza che annulla quella municipale, con questo indirettamente sbugiardando il governo. Infatti, la sindaca di Calais avrebbe teoricamente ragione a pretendere che non sia costruita un'altra barriera, se fosse vera la promessa del governo socialista Hollande-Valls di smantellare davvero la "giungla di Calais" entro pochi mesi.

Difficile prevedere come andra' a finire; soprattutto perche', come ricorda il "Figaro", le vicende legate alla "giungla" di Calais sono diventate nel tempo materia di scontro politico, e non solo a livello locale in occasione delle elezioni regionali del dicembre 2015 vinte dal candidato LR sul quale sono confluiti anche i voti della sinistra per impedire la vittoria della leader del Front national (Fn) Marine Le Pen: ormai in piena campagna in vista delle elezioni presidenziali della primavera 2017, non c'e' dubbio che i riflettori resteranno puntati su Calais.

Del resto, ricorda sempre il "Figaro", la sindaca Natacha Bouchart e' apertamente schierata a favore dell'ex presidente Nicolas Sarkozy, attuale leader LR, che corre alle primarie del centro-destra: e le questioni legate all'immigrazione ed all'ordine pubblico sono al centro della sua campagna. Nel tentativo di sottrarre temi e terreno al Front National, Sarkozy ha preso posizioni sul disastro migranti che di fatto sono identiche a quelle di Marine Le Pen.

Redazione Milano


RIVOLTA A CALAIS, COMUNE CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS: NON VOGLIAMO UN ALTRO MURO, VOGLIAMO CHE CACCIATE I MIGRANTI!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PETIZIONE DI 100 CUOCHI FRANCESI CONTRO LA NASCITA DEL MOSTRO MONSANTO-BAYER: IMPORRA' CIBO OGM TOSSICO A TUTTO IL MONDO

PETIZIONE DI 100 CUOCHI FRANCESI CONTRO LA NASCITA DEL MOSTRO MONSANTO-BAYER: IMPORRA' CIBO OGM
Continua

 
WALL STREET JOURNAL: ''L'AGENZIA ONU UNHCR ABBANDONA I PROFUGHI CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE E LIBIA. SALVA SOLO MUSULMANI''

WALL STREET JOURNAL: ''L'AGENZIA ONU UNHCR ABBANDONA I PROFUGHI CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE E LIBIA.
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!