56.370.833
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TRAMONTO DELL'EURO: ANCHE ''L'ULTIMO GIAPPONESE'' ZINGALES S'ARRENDE: ''TORNI LA LIRA, SE NON C'E' POLITICA FISCALE COMUNE''

mercoledì 28 settembre 2016

"O introduciamo una politica fiscale comune che aiuti i paesi in difficoltà o dobbiamo recuperare la nostra flessibilità di cambio”, ovvero dobbiamo tornare alla lira. Parole di Bagnai, di Borghi, di Rinaldi? Nessuno di loro: a pronunciare questa frase è stato niente popò di meno che Luigi Zingales, l’economista telegenico che piace alla gente che piace, da sempre vicino alla sinistra al caviale.

Sì, cari lettori, lo stesso Zingales che nel 2014 spaventava dalle colonne dei media gli italiani mostrando un futuro da Argentina qualora l’italico stivale fosse uscito dall’euro e che affermava nello stesso articolo “Io non auspico un'uscita dall'euro”. Ed è sempre lo Zingales che a giugno di quest’anno (3 mesi fa, non 3 secoli), consigliava all’Italia di chiedere la crisi sistemica e l’arrivo della troika.

Una bella inversione a U per l’economista dal capello curato che piace ai salotti buoni, che compie con innata disinvoltura ed eleganza.

Come diceva Lowell “solo i morti e gli stupidi non cambiano mai idea”, ed è anzi segnale di intelligenza correggere la propria opinione quando ci si rende conto che è errata.

Tuttavia ci sia consentito far notare che se Zingales se ne fosse accorto qualche anno prima, forse l’italico stivale non sarebbe ridotto ad un cumulo di macerie economicamente e socialmente parlando.

D’altra parte è fin troppo evidente che l’euro così come è concepito, ovvero come semplice rapporto di cambi fissi tra monete nazionali e non come una vera moneta, è destinato a saltare, come è sempre accaduto alle unioni monetarie nella storia.

Sì, perché l’euro non è una vera moneta, poichè per esserlo dovrebbe prevedere un unico bilancio pubblico, un solo debito pubblico e soprattutto politiche redistributive tra le diverse aree per bilanciare la differente capacità produttiva ed economica. Nulla di tutto questo è presente nell’eurozona. Il punto è che questa situazione è presente fin dalla nascita dell’euro e quindi Zingales e con lui molti altri economisti e politici, avrebbero dovuto aver ben chiaro fin dall’inizio che si sarebbe andati incontro al disastro.

Se lo sapevano e hanno “venduto” una cosa per un’altra erano palesemente in malafede e dovrebbero essere cacciati a pedate nel sedere; se al contrario erano in buona fede, hanno dimostrato di mancare delle basi del pensiero economico e quindi dovrebbero, in un sussulto di dignità, abbandonare gli incarichi che ricoprono.

Appare quindi ormai evidente che l’euro deve essere smantellato se vogliamo garantire un futuro al continente e in particolare all’Italia.

In caso di ritorno alla lira cosa accadrebbe? Il rapporto di cambio, in particolare con l’euro-marco (perché l’euro in realtà è un marco tedesco mascherato), andrebbe a riequilibrarsi, con una svalutazione di circa il 20-30%. Questo cosa significherebbe? Semplice: i nostri prodotti diventerebbero più competitivi nei mercati internazionali e pure in quello interno, dato che, ad esempio, quelli tedeschi vedrebbero lievitare i propri prezzi appunto di un 20-30%. Questo permetterebbe di far ripartire le nostre industrie e la nostra occupazione.

Del pari i turisti stranieri troverebbero più conveniente venire a trascorrere le vacanze in Italia rispetto ad altri paesi. Il boom del turismo verso il Regno Unito dopo la svalutazione della sterlina post brexit e gli investimenti, ad esempio di Honda, sul suolo britannico vi dicono niente? A proposito, i media di regime hanno messo il silenziatore alla Brexit per evitare di farvi vedere che senza ue si sta magnificamente e che nessuna delle loro previsioni di breve periodo si sono verificate.

Il tutto dovrebbe essere unito al ritorno della sovranità monetaria, con la banca d’Italia nuovamente prestatore di ultima istanza riguardo il debito pubblico, sottraendo così l’emissione di titoli di stato dalle mani della speculazione internazionale cui oggi, al contrario, è soggetta non avendo una banca centrale degna di tal nome.

Fantascienza? Se pure un pasdaràn dell’euro come Zingales, da sempre ben considerato dalle èlites dominanti, arriva ad auspicare l’uscita dell’italico stivale dall’euro a meno di una vera moneta unica (cosa che i tedeschi hanno già dimostrato in ogni modo di non volere), significa che i tempi per la decomposizione della ue e della moneta unica si stanno avvicinando. Prima avverrà, meglio sarà.

Luca Campolongo

 

Fonti

http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/11976157/luigi-zingales-renzi-errori-due-ipotesi-unione-fiscale-italia-fuori-euro-.html

http://www.wallstreetitalia.com/zingales-shock-italia-invochi-crisi-sistemica-e-faccia-venire-la-troika/

https://www.forexinfo.it/Zingales-se-l-Italia-torna-alla

 

 

 


TRAMONTO DELL'EURO: ANCHE ''L'ULTIMO GIAPPONESE'' ZINGALES S'ARRENDE: ''TORNI LA LIRA, SE NON C'E' POLITICA FISCALE COMUNE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EURO   UE   LIRA   CAMBIO   FLESSIBILITA'   GOVERNO   BCE   ZINGALES   REGNO   UNITO   BREXIT   RENZI   ITALIA   EUROZONA   DEBITO   PUBBLICO   BANCA   D'ITALIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MPS VICINISSIMA AL DEFAULT. ''SALVATAGGIO'' DA PARTE DI UN FONDO SOVRANO ARABO? SOLO VOCI. (VIA DA EURO-UE O E' LA FINE)

MPS VICINISSIMA AL DEFAULT. ''SALVATAGGIO'' DA PARTE DI UN FONDO SOVRANO ARABO? SOLO VOCI. (VIA DA
Continua

 
ATTACCO A TUTTO TONDO DELLA GERMANIA ALLA BCE: LA POLITICA DI DRAGHI HA FALLITO, PRONTA LA ''SFIDUCIA'' A PRIMAVERA 2017

ATTACCO A TUTTO TONDO DELLA GERMANIA ALLA BCE: LA POLITICA DI DRAGHI HA FALLITO, PRONTA LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »