72.701.026
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TRAMONTO DELL'EURO: ANCHE ''L'ULTIMO GIAPPONESE'' ZINGALES S'ARRENDE: ''TORNI LA LIRA, SE NON C'E' POLITICA FISCALE COMUNE''

mercoledì 28 settembre 2016

"O introduciamo una politica fiscale comune che aiuti i paesi in difficoltà o dobbiamo recuperare la nostra flessibilità di cambio”, ovvero dobbiamo tornare alla lira. Parole di Bagnai, di Borghi, di Rinaldi? Nessuno di loro: a pronunciare questa frase è stato niente popò di meno che Luigi Zingales, l’economista telegenico che piace alla gente che piace, da sempre vicino alla sinistra al caviale.

Sì, cari lettori, lo stesso Zingales che nel 2014 spaventava dalle colonne dei media gli italiani mostrando un futuro da Argentina qualora l’italico stivale fosse uscito dall’euro e che affermava nello stesso articolo “Io non auspico un'uscita dall'euro”. Ed è sempre lo Zingales che a giugno di quest’anno (3 mesi fa, non 3 secoli), consigliava all’Italia di chiedere la crisi sistemica e l’arrivo della troika.

Una bella inversione a U per l’economista dal capello curato che piace ai salotti buoni, che compie con innata disinvoltura ed eleganza.

Come diceva Lowell “solo i morti e gli stupidi non cambiano mai idea”, ed è anzi segnale di intelligenza correggere la propria opinione quando ci si rende conto che è errata.

Tuttavia ci sia consentito far notare che se Zingales se ne fosse accorto qualche anno prima, forse l’italico stivale non sarebbe ridotto ad un cumulo di macerie economicamente e socialmente parlando.

D’altra parte è fin troppo evidente che l’euro così come è concepito, ovvero come semplice rapporto di cambi fissi tra monete nazionali e non come una vera moneta, è destinato a saltare, come è sempre accaduto alle unioni monetarie nella storia.

Sì, perché l’euro non è una vera moneta, poichè per esserlo dovrebbe prevedere un unico bilancio pubblico, un solo debito pubblico e soprattutto politiche redistributive tra le diverse aree per bilanciare la differente capacità produttiva ed economica. Nulla di tutto questo è presente nell’eurozona. Il punto è che questa situazione è presente fin dalla nascita dell’euro e quindi Zingales e con lui molti altri economisti e politici, avrebbero dovuto aver ben chiaro fin dall’inizio che si sarebbe andati incontro al disastro.

Se lo sapevano e hanno “venduto” una cosa per un’altra erano palesemente in malafede e dovrebbero essere cacciati a pedate nel sedere; se al contrario erano in buona fede, hanno dimostrato di mancare delle basi del pensiero economico e quindi dovrebbero, in un sussulto di dignità, abbandonare gli incarichi che ricoprono.

Appare quindi ormai evidente che l’euro deve essere smantellato se vogliamo garantire un futuro al continente e in particolare all’Italia.

In caso di ritorno alla lira cosa accadrebbe? Il rapporto di cambio, in particolare con l’euro-marco (perché l’euro in realtà è un marco tedesco mascherato), andrebbe a riequilibrarsi, con una svalutazione di circa il 20-30%. Questo cosa significherebbe? Semplice: i nostri prodotti diventerebbero più competitivi nei mercati internazionali e pure in quello interno, dato che, ad esempio, quelli tedeschi vedrebbero lievitare i propri prezzi appunto di un 20-30%. Questo permetterebbe di far ripartire le nostre industrie e la nostra occupazione.

Del pari i turisti stranieri troverebbero più conveniente venire a trascorrere le vacanze in Italia rispetto ad altri paesi. Il boom del turismo verso il Regno Unito dopo la svalutazione della sterlina post brexit e gli investimenti, ad esempio di Honda, sul suolo britannico vi dicono niente? A proposito, i media di regime hanno messo il silenziatore alla Brexit per evitare di farvi vedere che senza ue si sta magnificamente e che nessuna delle loro previsioni di breve periodo si sono verificate.

Il tutto dovrebbe essere unito al ritorno della sovranità monetaria, con la banca d’Italia nuovamente prestatore di ultima istanza riguardo il debito pubblico, sottraendo così l’emissione di titoli di stato dalle mani della speculazione internazionale cui oggi, al contrario, è soggetta non avendo una banca centrale degna di tal nome.

Fantascienza? Se pure un pasdaràn dell’euro come Zingales, da sempre ben considerato dalle èlites dominanti, arriva ad auspicare l’uscita dell’italico stivale dall’euro a meno di una vera moneta unica (cosa che i tedeschi hanno già dimostrato in ogni modo di non volere), significa che i tempi per la decomposizione della ue e della moneta unica si stanno avvicinando. Prima avverrà, meglio sarà.

Luca Campolongo

 

Fonti

http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/11976157/luigi-zingales-renzi-errori-due-ipotesi-unione-fiscale-italia-fuori-euro-.html

http://www.wallstreetitalia.com/zingales-shock-italia-invochi-crisi-sistemica-e-faccia-venire-la-troika/

https://www.forexinfo.it/Zingales-se-l-Italia-torna-alla

 

 

 


TRAMONTO DELL'EURO: ANCHE ''L'ULTIMO GIAPPONESE'' ZINGALES S'ARRENDE: ''TORNI LA LIRA, SE NON C'E' POLITICA FISCALE COMUNE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EURO   UE   LIRA   CAMBIO   FLESSIBILITA'   GOVERNO   BCE   ZINGALES   REGNO   UNITO   BREXIT   RENZI   ITALIA   EUROZONA   DEBITO   PUBBLICO   BANCA   D'ITALIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MPS VICINISSIMA AL DEFAULT. ''SALVATAGGIO'' DA PARTE DI UN FONDO SOVRANO ARABO? SOLO VOCI. (VIA DA EURO-UE O E' LA FINE)

MPS VICINISSIMA AL DEFAULT. ''SALVATAGGIO'' DA PARTE DI UN FONDO SOVRANO ARABO? SOLO VOCI. (VIA DA
Continua

 
ATTACCO A TUTTO TONDO DELLA GERMANIA ALLA BCE: LA POLITICA DI DRAGHI HA FALLITO, PRONTA LA ''SFIDUCIA'' A PRIMAVERA 2017

ATTACCO A TUTTO TONDO DELLA GERMANIA ALLA BCE: LA POLITICA DI DRAGHI HA FALLITO, PRONTA LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »